Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Stati insulari in via di sviluppo: l’oceano in soccorso – Juventude Rebelde

Prima che la corsa allo spazio aereo diventasse un’ossessione delle potenze militari ed economiche, gli oceani erano lo spazio per eccellenza degli scambi tra umani, siano essi di natura commerciale, culturale o migratoria. E anche le superfici oceaniche, allontanandosi dalle risorse di valore garantito – dagli idrocarburi alle specie marine – hanno dato un contributo sconosciuto, ma non meno importante, alle generazioni umane in termini di regolazione del clima.

I piccoli Stati insulari in via di sviluppo (SIDS) sono stati promotori entusiasti degli Obiettivi di sviluppo del Millennio in termini di crescita della popolazione, disponibilità di risorse, isolamento regionale, insicurezza climatica e sensibilità alle fluttuazioni del commercio mondiale. Queste terre – situate nei Caraibi, nel Medio Oriente, nell’Oceano Indiano, nel Pacifico meridionale e nell’Asia orientale – sono state invitate in molti forum internazionali per la loro piena disponibilità ad aderire ai principi dello sviluppo sostenibile. Nonostante l’aumento degli investimenti sociali in comunicazione, infrastrutture, energia e trasporti in queste aree; La loro precaria posizione di fronte alla concorrenza commerciale e la fragilità dei loro mezzi naturali di sopravvivenza limitano il raggio d’azione dei governi locali e comunitari.

Sconvolto dallo scoppio della pandemia di COVID-19, il contesto internazionale ha reso ancora più complesse le sfide ambientali, sociali ed economiche degli atolli, isolotti e arcipelaghi che compongono la geografia insulare. Gli effetti fisici delle limitate esportazioni di servizi e il crollo delle entrate derivanti dal turismo di massa hanno limitato la capacità dei piccoli stati insulari in via di sviluppo di importare manufatti, dissolvendo i mercati di emissione per il commercio. e realizzazione di impianti. Richiesto per la comunicazione digitale.

READ  Ponte delle donne

Secondo l’Environmental Vulnerability Index sviluppato dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente, i SIDS hanno continuamente dedicato risorse preziose per adattare le loro strutture sociali ed economiche ai cambiamenti climatici. Anche se ospitano meno dell’uno per cento della popolazione mondiale e generano un due millesimi delle emissioni di carbonio del pianeta, i territori insulari sono altamente insicuri per quanto riguarda gli effetti previsti del riscaldamento globale e il conseguente aumento del livello degli oceani. Oltre a danneggiare la pesca, l’acquacoltura e il turismo, i gas serra hanno minacciato gli habitat marini e le infrastrutture costiere in quelli che gli ambientalisti stimano siano solo pochi decenni.

Gli isolani hanno gridato sui palcoscenici del pianeta per proteggere il loro spazio vitale, da quando la Conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile nel 1992 – il famoso Earth Summit – ha delineato la vulnerabilità dei SIDS ai problemi ambientali e agli shock commerciali. Scala.

Santa Lucia è stata riconosciuta dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente per il suo lavoro ambientale. Foto: immagini Pinbax.

Questa preoccupazione dell’uomo per la sopravvivenza delle specie in un contesto socio-ecologico sempre più ostile, fu ratificata nel corso del XV secolo. COP15 Conferenza sulla biodiversità (Montreal, 3-19 dicembre 2022). In questo incontro di alto livello sono state identificate le iconiche World Recovery Initiatives, che cercano di ripristinare gli ecosistemi con l’obiettivo di invertire la crisi planetaria causata dai cambiamenti climatici, dalla perdita di biodiversità e dall’inquinamento dovuto all’accumulo di rifiuti.

In linea con il Decennio delle Nazioni Unite per il ripristino degli ecosistemi (2021-2030), questi progetti sono progettati per mitigare, su larga scala e a lungo termine, il degrado degli spazi naturali del pianeta. Detti piani di ripristino per gli ecosistemi terrestri e marini sono stati sostenuti dal Gruppo consultivo interistituzionale sui piccoli Stati insulari in via di sviluppo, con piena attività congiunta dagli anni ’90.

READ  L'arresto fotografico di Nichols a Memphis mostra un episodio di estrema brutalità della polizia

Di fronte a questo scenario ambientale e geopolitico, gli abitanti delle nazioni insulari potranno ambire a un futuro sostenibile per le loro terre, attraverso azioni cittadine e collettive che trascendano l’incuria e la negazione di gran parte della comunità internazionale.

La Repubblica di Vanuatu, tra gli altri arcipelaghi del Pacifico, ha dichiarato lo stato di emergenza climatica Foto: Getty Images.