Febbraio 27, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Sting sconfigge il Real Madrid basandosi sulla storia (scatto fisso)

Sting sconfigge il Real Madrid basandosi sulla storia (scatto fisso)

Dopo 12 anni a Marbella, Starlight ha preso d’assalto Madrid con una serie di concerti scintillanti (Ricky Martin, Se non fosse stato per Nellie Tra questi c’è Sebastian Yatra). Giovedì è stato Rod Stewart ad aprire il sito del Padiglione 12 dell’IFEMA a Madrid, che è stato magnificamente fotografato come un grande spettacolo e una mostra maestosa. Una zona addobbata con influenze natalizie, con negozi e spazi gastronomici: tanti espedienti ma tutto ben confezionato. Naturalmente, se la musica è importante, ciò che deve prevalere è un suono sorprendente, e questo è il caso del sistema Holoplot, utilizzato tra gli altri sistemi dagli U2 a Las Vegas. Bel suono.

Quasi 8.000 persone si sono radunate sul posto per una serata aperta da Joe Sumner, figlio di Sting. Il capo della polizia ci ha portato i suoi classici con il titolo “My Songs”, uno spettacolo dal vivo che pubblica dal 2019. È iniziato in grande stile con “Message In A Bottle”, un classico indiscutibile di una band fondamentale nella storia del pop-rock. Poi prosegue con un classico dei suoi esordi, “Un inglese a New York”.

Gordon Matthew Thomas Sumner di Sting indossa una maglietta a maniche corte con motivi di animali e può sfoggiare l’elisir della giovinezza. La sua voce lo accompagna. e una band di tre coristi, chitarra, armonica, tastiere, arpa e batteria, coronati da un basso logoro ma potente.

Dopo la spinta iniziale dei classici (menzionati insieme a “Every Little Thing Is Magic” e “If You Love Someone Set Them Free” dei Police, a cui mancava un ottimo sax in studio, o a “Spirits in a Material World”) le cose andarono in discesa. Con argomenti meno importanti. Sting ha maggiore maestria e abilità la polizia Ma la sua carriera da solista presenta paesaggi enormi e terre desolate. Non tutto andrà alla grande.

READ  “Non è solo cinema”: l'emozionante spot INCAA narrato da Ricardo Darín che celebra il cinema argentino

È allora che gioca con mix più melliflui (“Winter Dogs”, “A Brand New Day”, ” Why Should I Cry for You”), o più di una canzone, o cerca un mix (“Heavy Cloud”), o estratti da REM (“Tutto questo tempo”) quando le cose non funzionano. È allora che si perde, si confonde e perde la sua essenza. Ma riprende un interesse rispettabile con “If I Lose My Faith in You”, una discreta ballata mediocre che è stata elevata a classico ma sovrasfruttata, o colpisce duro con “Shape of My Heart”.

Tutto è pensato per rivisitare i classici dei Police e riportarli nel loro impero: “Walking On The Moon” continua a suonare alla grande, in quel ritmo reggae, o nel modo energico e spericolato di “So Lonely”: piena di vitamine, adrenalina- canzoni seducenti, di coloro che ricaricano le nostre batterie.

La sua voce risuona con quel punto lacrimoso e confessionale, che è così accattivante. Mentre lo spettacolo continuava forte, ma con un ritmo a tratti inconsistente. La sua band brilla, o i coristi sono in modalità R&B, o raggiungono il massimo degli acuti, o l’armonica è fantastica.

Il repertorio era irregolare, ma i classici e i successi funzionavano alla grande. Sono ciò che salva lo scorpione. Ovviamente la band suona alla grande, trasuda gioventù e buon lavoro. Ma il riferimento ci lascia un po’ persi. Non tutto va bene.

“Every Breath You Take”, quel classico di “Synchronicity” (1983), forse l’album più commerciale e più interessante dei Police, agisce nel finale per ripristinare l’entusiasmo del pubblico.

Nei bis, il medley di “Roxanne” ha successo ma si confonde nello stile sorprendentemente impersonale del decennio, insieme a una di quelle ballate come “Fragile”. Il risultato non penetra come dovrebbe. Ma ehi, Sting mantiene il suo carisma e il suo libro di canzoni. Le persone irrilevanti non dovrebbero essere al centro della scena ai loro concerti. Naturalmente, lo spettacolo è stato fantastico a 72 anni. Sono le canzoni dei Police a risaltare, sì, ma chi aveva quel potere.

READ  Pietro Marcelo trasforma la storia di "Scarlet Sales" in un film poetico