Ottobre 16, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Strana incertezza in Germania: il successore di Angela Merkel si deciderà tra “Simafor” o “Giamaica”

Saluta il candidato del Partito socialdemocratico (SPD) alla cancelliera tedesca, Olaf Schulz, dopo i primi dati sul conteggio dei voti nelle elezioni generali tedesche (Immagine: Reuters)

(Chicago – speciale per Infobae) – Domenica c’era Un chiaro vincitore delle elezioni generali in Germania. Il suo nome è Olaf Schultz. Possiede Rinascita del suo Partito Socialdemocratico (SPD) semi-dormiente Nel giro di pochi mesi dall’inizio della campagna, ha ottenuto più voti di qualsiasi altro candidato. È riuscito a massimizzare le sue possibilità al punto da poter raggiungere la Cancelleria in poche settimane. Ha guidato la resurrezione del suo partito e Molti credono che meriti la possibilità di formare un governo di coalizione Che pone fine ai 16 anni di governo della cancelliera democristiana uscente Angela Merkel (CDU).

ma Tra loro non c’è Armin Laschet, il candidato che questa volta ha guidato la CDU, e che nonostante abbia perso le elezioni – con un margine molto ristretto dell’1,6% – è convinto di essere un “collegamento tecnico” e che Può anche formare una coalizione di governo.

Questo lascia tutto nelle mani del terzo e quarto posto: Il Partito dei Verdi (PV) e i Democratici Liberi (FDP). Saranno loro a decidere chi guiderà il nuovo governo. Nelle loro mani è il destino di Schulze e Lachette. Al momento – e fino a quando il bisogno diventa una moda passeggera – è chiaro che L’AfD di estrema destra è stato squalificato, che ha ricevuto significativamente meno voti rispetto alle precedenti elezioni del 2017, e partito di sinistra Che è stato il peggior risultato in molti anni.

Grafici

Il socialdemocratico Schulz si sente in diritto di avere la prima scelta per formare un governo, e lo ha detto nel suo messaggio tra le celebrazioni di domenica sera a Berlino: “I cittadini di questo Paese vogliono il cambiamento. Vogliono che il prossimo cancelliere sia il candidato SPDMa il conservatore Laschet non vuole arrendersi: nonostante il suo partito abbia ricevuto la percentuale di voti più bassa nella sua storia nella Germania del dopoguerra, Laschet è stato almeno in grado di arginare il rapido declino del suo partito negli ultimi giorni prima delle elezioni. ha aiutato la CDU e il suo partito fratello bavarese, l’Unione Cristiano Sociale (CSU) – comunemente nota come Confederazione – non sarà inferiore al 20%Ciò lascia aperta la possibilità di giudizio. Crede anche di avere il diritto di formare la prossima coalizione. Un voto per l’Unione è un voto contro un governo federale guidato dalla sinistra. poi Faremo del nostro meglio per costruire un governo guidato dai sindacati“, Lei disse.

Armin Laschet, il candidato dell'Unione Cristiano Democratica (CDU) che è arrivato secondo (Immagine: Reuters)
Armin Laschet, il candidato dell’Unione Cristiano Democratica (CDU) che è arrivato secondo (Immagine: Reuters)

Questo rappresenta lo stallo politico che i sondaggisti hanno già previsto durante la campagna elettorale. Un pareggio che potrebbe portare la Germania a Diverse settimane di trattative scrupolose Durante il quale vengono indagate varie coalizioni. È anche chiaro da queste elezioni che l’era dei partiti forti e dei grandi elettori è finita, così come le alleanze stabili tra i due partiti. È probabile che la maggior parte delle future coalizioni di governo abbia tre partiti Renderà più difficile trovare una via di mezzo che in passato. Sembra quasi che l’elettorato non voglia che nessuna delle parti possa governare a suo piacimento. Come se volessero tutti i leader dei diversi partiti Guardatevi l’un l’altro così nessuno si precipita. La perfetta forma di controllo ed equilibrio”, è stata l’analisi della prestigiosa rivista tedesca donna.

Grafici

Le due possibili coalizioni ritenute più probabili sono le due coalizioni note nel gergo politico tedesco come “Semafori”, Dai colori che designano i lati: Il trio SPD, Verdi e FDP (rispettivamente rosso, verde e giallo); Onda “Giamaica”, Anche per suonerie di gruppo che corrispondono a quelle della bandiera di quel paese e che saranno combinate da Federazione, Verdi e FDP (rispettivamente nero, verde e giallo). C’è una terza opzione, la stessa che da otto anni governa la “grande coalizione” tra Unione e Partito socialdemocratico. Sebbene entrambe le parti abbiano chiarito durante la campagna che Non avevano alcun desiderio di ricostituire un tale governo, almeno come partner minore. Qual è, allora, il futuro della Germania nell’era post-Merkel? Governo liberale conservatore verde? O un’alleanza tra SPD e Verdi con una correzione liberale dell’FDP?

READ  Coronavirus in Spagna in diretta: variante Delta, last minute | Appuntamento vaccino COVID a Madrid, Andalusia...

Christian Lindner, capo del Partito Liberale Democratico, ha chiarito all’inizio della campagna che Ha preferito allearsi con l’Unione sotto il comando del cancelliere Laschet. I due sono amici e lavorano bene insieme. Inoltre, i due partiti si sono uniti negli ultimi quattro anni in una coalizione di governo nello stato del Nord Reno-Westfalia, di cui Lachat è il governatore. Ci sono grandi coincidenze ideologiche. Entrambe le parti Vogliono evitare gli aumenti delle tasse E hanno una strategia climatica che si basa molto sui miglioramenti tecnologici insieme alla riduzione della burocrazia per costruire parchi eolici o energia solare, per esempio.

La candidata del Partito Verde Annalena Barbock tiene un importante messaggio negoziale con i compagni liberali Robert Habeck per formare qualsiasi coalizione (Immagine: EFE)
La candidata del Partito Verde Annalena Barbock tiene un importante messaggio negoziale con i compagni liberali Robert Habeck per formare qualsiasi coalizione (Immagine: EFE)

E quindi, La posizione dei Verdi sarà decisiva. Ma ci sono differenze interne. Mentre la leader e candidata del partito, Annalena Barbock, lo ha già detto Vede la più grande coincidenza politica con il Partito socialdemocraticoIl co-presidente del partito, Robert Habeck, è un sostenitore Tieni aperte tutte le opzioni. A Berlino, si crede che Habeck voglia essere il prossimo ministro dell’economia, indipendentemente dal partner di governo. E anche se i Verdi dovranno affrontare una situazione difficile nell’alleanza con l’Unione e il Partito Liberale Democratico, possono ottenere molto nei negoziati. Per esempio, Possono essere lasciati con molti più ministeri di quelli che corrisponderebbero al loro peso elettorale Si occupa di tutto ciò che riguarda l’ambiente.

I prossimi giorni saranno i giorni delle dichiarazioni clamorose e delle trattative frenetiche. Schulze e Lachey vogliono entrambi apparire come “consigliere”. Dovranno essere ampi ma risoluti, negoziatori con confini chiari e con la convinzione che non solo potranno guidare la Germania, ma potranno anche essere in prima linea. Locomotiva dell’Unione Europea. Insomma, lontana dai colori dell’alleanza, la prossima cancelliera guarda il più possibile ad Angela Merkel, la donna che ha guidato con successo la Germania negli ultimi 16 anni.

READ  Nuove missioni religiose sono vietate nelle aree con indiani non imparentati in Brasile

Continuare a leggere: