Ottobre 6, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

TeamLab Phenomena Abu Dhabi o “la nuova casa mondiale della curiosità infinita”

Il Dipartimento di Cultura e Turismo di Abu Dhabi ha collaborato con il team tecnico giapponese TeamLab per sviluppare un’esperienza unica, coinvolgente e interattiva.

Soprannominata la “casa del nuovo mondo della curiosità infinita”, tecnologia, scienza, arte e natura convergono in questo spazio. Per scoprire quello che si chiamerà TeamLab Phenomena Abu Dhabi, la giornalista di Euronews Rebecca McLaughlin-Eastham ha visitato lo studio pop-up del progetto, dove ha esaminato alcune delle opere d’arte.

Chi viene al quartier generale di Abu Dhabi si renderà presto conto che la visita, a terra, si svolge un po’ diversamente. Tra l’altro, perché non ci sono indicazioni. Sta a tutti trovare la propria strada nello spazio creativo.

Né è necessario stare lontano dalle opere d’arte. Un approccio pratico è incoraggiato.

Una delle cose più sorprendenti è l’odore gradevole che emana da una delle opere d’arte che si trovano in questo spazio.

Ad evidenziare l’esperienza sensoriale, alcuni dei principali attori Laboratorio di squadradal Giappone.

Fondato nel 2001, questo gruppo di artisti, ingegneri e architetti internazionali esplora il rapporto tra “il sé” e “il mondo”, attraverso nuove percezioni dell’arte.

“Eravamo interessati a come l’ambiente porta in vita i fenomeni e in che modo i fenomeni danno vita alle opere d’arte. Eravamo interessati a come espandere la consapevolezza delle persone sul pianeta. Essere ad Abu Dhabi, una delle ‘città chiave’, il futuro” , Toshiyuki Inoko, fondatore di teamLab, ha detto al mondo. , possiamo espandere ulteriormente la percezione umana del futuro. Sono davvero onorato di poter affrontare una sfida del genere”.

In una “città del futuro” come Abu Dhabi, l’isola naturale di Saadiyat rappresenta la sua interconnessione culturale.

READ  PlayStation Plus può essere aggiornato ai livelli Extra, Deluxe e Premium

Negli ultimi cinque anni, la capitale degli Emirati Arabi Uniti ha sviluppato strategicamente le sue industrie creative. Ciò ha portato alla nascita di progetti importanti come il Distretto Culturale di Saadiyat. Un luogo che ospita il Louvre Abu Dhabi e il capo del Dipartimento della Cultura e del Turismo dell’emirato incoraggia i visitatori a esplorare.

Inoltre, presto ospiterà il Museo Nazionale Zayed, il Museo di Storia Naturale e la Casa della Famiglia Abrahamic. Senza dimenticare che un’altra attrazione culturale sta per rivoluzionare il panorama artistico.

“I fenomeni sono un luogo ‘filosofico’ e speriamo che il visitatore diventi un pensatore critico. I concetti di scoperta, immaginazione e curiosità sono, per noi, gli elementi costitutivi di un essere umano fiorente. Questo è ciò di cui tratta la fenomenologia, ” afferma Mohammed Khalifa Al Mubarak, Capo del Dipartimento di Cultura e Media di Abu Dhabi. Spazio per assorbire tutto ciò che ha visto, un vero omaggio alla sua immaginazione e curiosità… e per scoprire il mondo che lo aspetta”. Turismo.

Quanto a coloro che visitano i fenomeni, ci si aspetta che filosofichino e cerchino ispirazione. Ma, Per i giovani, i giovani degli Emirati di oggi e di domani, cosa ti aspetti che facciano? Cosa vuoi che portino via da quell’esperienza?chiede la giornalista di Euronews Rebecca McLaughlin Eastham.

“I nostri leader hanno sempre detto che ‘impossibile’ è solo un concetto. Tutto è possibile, se ci lavori o se lo sogni. E qui, non abbiamo paura di sognare. Anzi, te lo diciamo sognare. Chiederemo alle generazioni future di sognare. Sii curioso! Vogliamo che tu esplori! Non ci sono ostacoli per te! Penso che sia quello che stiamo cercando di fare qui in questo distretto culturale. Tutte queste cose meravigliose. I musei sono istituzioni educative , e aiuteranno a costruire le basi di una società fiorente e lungimirante”, spiega Mohamed Khalifa Al Mubarak.

READ  I telefoni pieghevoli del futuro saranno molto più economici | tecnologia

Ha visto i progetti definitivi per il complesso di 17.000 metri quadrati, che alla fine verrà costruito qui ad Abu Dhabi. Se dovessi scegliere la tua camera preferita, quale sceglieresti? E perché?Il giornalista vuole sapere.

“C’è uno spazio chiamato ‘Foresta infinita’ che è, per me, molto, molto speciale. Ovviamente penso a questo nella mia mente, perché al momento ci sono solo bei disegni o bei disegni. Mi immagino nel mezzo di questi enormi tronchi d’albero, che ti sollevano di qualche metro. E poi prende vita. Si anima con un tocco. Si anima con il movimento. Penso che il solo essere in questo spazio ispirerà molte persone. ” Presidente, Dipartimento di Cultura e Turismo, Abu Dhabi.

I visitatori potranno presto verificarlo, poiché non passerà molto tempo prima che il progetto artistico multisensoriale di Abu Dhabi diventi una realtà virtuale.