Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Toyota sta accelerando verso la neutralità del carbonio in Europa entro il 2040

Toyota ha rilasciato alcune linee guida per il suo futuro immediato. Lo ha fatto al forum di Kinshikiappuntamento annuale giunto alla sua quinta edizione, in cui i responsabili del gruppo automobilistico giapponese in Europa hanno sviluppato alcune delle loro strategie per i tempi a venire.

All’evento, ad esempio, abbiamo potuto vedere eIn anteprima alcuni dei nuovissimi modelli. Il futuro della C-HR si indovina sotto la fiancata della Toyota C-HR Prolog ConceptUnione europea. Oltre alle nuove elettriche della famiglia bZ. Un modello che è ancora un prototipo ma arriverà il prossimo anno come Toyota bZ3.

Oltre a nuovi modelli o tecnologie, ci sono questioni industriali ed economiche. Accanto Indicazioni per raggiungere questo futuro elettrificato e neutralità nelle emissioni di CO2 proposte dal marchio giapponese.

Toyota assembla batterie in Europa

Ecco perché, a Bruxelles, il presidente e amministratore delegato di Toyota Motor Europe, Matt Harrison, ha confermato che Toyota Assemblerà batterie per auto in uno dei suoi stabilimenti in Europa. Alcune batterie andranno per nuove CHR. Sebbene non sia stato determinato quale delle sue fabbriche si occuperà di questo compito.

Certo, non ci vorrà molto per scoprirlo, tra l’altro perché il brand giapponese ha deciso di accelerare il processo di raggiungimento della carbon neutrality in Europa e in 2030 che tutti vogliono piante europee Che sia carbon neutralo no.

Questa data fa parte di una storia più ambiziosa, perché Matt Harrison ha specificato quella data L’attività europea di Toyota sarà decarbonizzata nel 2040, 10 anni prima dell’obiettivo fissato da Toyota a livello globale.lui è. Una sfida per una regione del mondo che sta evolvendo sempre più rapidamente verso la sostenibilità, ha commentato il responsabile di Toyota in Europa.

READ  ¿Come elegir o analizza le altcoin? Pur CoinTelegraph

“Il Il ritmo del cambiamento che stiamo osservando sia nelle aspettative dei clienti che negli impegni normativi è senza precedenti. E arriva in un momento in cui stiamo già affrontando molte altre importanti sfide. Harrison ha riassunto l’impatto senza fine di Covid, il conflitto prolungato tra Russia e Ucraina, le continue interruzioni della catena di approvvigionamento a causa della carenza globale di semiconduttori e l’iperinflazione a un livello mai visto da decenni.

Nel 2035 Toyota venderà a zero emissioni solo in Europa

In questa ricerca della neutralità delle emissioni, Toyota in Europa ha pianificato di raggiungerla. Ad esempio, in termini di vendite di auto, l’obiettivo è che entro il 2035 tutti i modelli venduti abbiano emissioni zero. E dopo cinque anni, tutta la sua produzione di beni e servizi e la sua logistica devono essere carbon neutral.

Questo è il futuro dell’azienda a medio termine nel nostro continente. Ma Harrison ha anche rivisto il prossimo futuro. Nello specifico ha analizzato i numeri con cui l’azienda chiuderà nel 2022. Il risultato non potrebbe essere più positivo, soprattutto se si analizza il quadro di incertezza del mercato europeo.

Forum Toyota Kinshiki

Allora Harrison Toyota dovrebbe chiudere il 2022 con una quota di mercato “record” del 7,3% in Europa, con un aumento di 0,9 punti percentuali rispetto all’anno precedente.. Con questi dati, sembra che Toyota sarà la seconda casa automobilistica più venduta in Europa alla fine del 2022 e anche che chiuderà l’anno con vendite di circa 1,1 milioni di unità.

Non è un grande salto, ma visti i problemi che affliggono il mercato europeo, lo è “Piccolo ma significativo aumento di anno in anno”. la base di questa crescita Marchio giapponese Si tratta, secondo Matt Harrison, della diversificazione della sua gamma di modelli elettrificati, che rappresentano circa il 66% delle sue vendite nel continente.

READ  “Sono disconnessi dalla realtà”: Charles Hoskinson, co-fondatore di Ethereum, pronuncia il suo verdetto sui titoli crypto