Febbraio 5, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tra panico, depressione e ‘paura della morte’

argentino Giovanni Ignazio londinese Ha sconfitto lo spagnolo Pedro Martinez e ha raggiunto i quarti di finale all’ATP 250 di Cordoba. Non appena la partita è finita, l’argentino ha aperto il suo cuore in conferenza stampa e Lascia frasi impressionanti.

“Con la pandemia la mia testa non è andata da nessuna parte, ho giocato e nient’altro. Quando è tornato il tennis ho avuto molti dubbi, il letargo mi ha fatto tanto male. Nel 2021 Avevo paura della morte, della malattia e di molte altre cose che mi passavano per la testa. Paura di tutto Non ho vinto e ho iniziato ad andare nel panico sul campo e poi è iniziata la depressione. Non mi diverto più e non voglio più giocare“, Egli ha detto.

El Topo, dal lato umanitario, ha continuato a commentare: “C’è stato un momento in cui non ho visto nulla di positivo. In questo torneo sono riuscito ad organizzarmi mentalmente, cosa che non potevo fare e fortunatamente il primo torneo in cui ho giocato ha dato i suoi frutti.. Mi sono sentito molto bene a giocare, con la voglia di leggere bene la partita. “Sono felice di incontrarti di nuovo”, ha detto Cordovan, il campione della competizione nel 2019.

Inoltre, ha parlato della sfida di competere bene con i migliori del mondo e di sentirsi bene con se stesso. “Dopo questa stagione preparatoria, ho rimesso la mente al cibo, alla preparazione fisica e mentale, e ho dovuto ricominciare da zero. Oggi mi sento molto bene. Non sto pensando di diventare un eroe a Cordoba. Andrò torneo dopo torneo, giorno dopo giorno. torna aoccupazione 100 è un obiettivo che possiedo e mi aiuterà molto. Sarebbe una grande sfida”.

READ  L'Ecuador aggiunge il suo sesto certificato alle Paralimpiadi di Tokyo grazie a Roberto Tilla | Altri sport | Gli sport

L’allontanamento dalla testa della classifica ha colpito emotivamente in Cordofan. “esci da più alto 100 mi ha colpito troppo. La parte economica no, quella va e viene, mi fa male psicologicamente. Mi sono sostenuto soprattutto con l’aiuto della mia famiglia e del mio team di lavoro. È stato un taglio che ho dato alla situazione. Avevo l’atteggiamento di cui avevo bisogno per andare avanti e penso che sia stato il grande supporto che ho ricevuto”.

Infine, il 28enne argentino ha aggiunto: “Lavoro molto sul lato emotivo con lo psichiatra. Ho fatto molta terapia ed è stato inutile, ma in realtà sono stato io a dover fare il cambiamento, oltre a tutti i consigli che ho avuto da lui e dalla mia famiglia. Mi trovavo in un momento oscuro mentalmente e quando ciò accade è molto difficile vedere chiaramente le cose che ti stanno accadendo. Li vedo oggi”.