Ottobre 3, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Tre morti lasciano il bombardamento ucraino dell’area vicino alla centrale di Zaporozhye – Juventud Rebeldy

Kiev, 2 SET – Le autorità locali hanno denunciato, giovedì, la nuova aggressione lanciata dalle Forze armate ucraine in una zona della città ucraina di Energodar, dove si trova la centrale nucleare di Zaporozhye, che ha provocato la morte di almeno tre persone, il Lo ha riferito la stampa latina.

Le esplosioni, ordinate dal governo di Kiev, hanno anche ferito una persona e bruciato due asili nido, secondo quanto affermato dalle autorità citate dai media russi.

Da parte sua, il ministero della Difesa russo ha riferito di aver sventato un tentativo delle forze armate ucraine di prendere il controllo della centrale nucleare di Zaporozhye, presidiata dalle milizie russe dallo scorso marzo.

Verso le 0600 ora di Mosca (0300 GMT), le forze ucraine hanno sbarcato due gruppi di sabotaggio per un totale di 60 persone e sette barche sono arrivate, sulle rive del bacino idrico di Kakhovka, a circa tre chilometri a nord-est della centrale nucleare di Zaporozhye. Tentativo di occupare la fabbrica, dettagli del caso difensivo.

Queste azioni delle forze ucraine si verificano quando una delegazione dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica si trova a Zaporozhye per verificare le condizioni della centrale nucleare.

Un portavoce del gruppo internazionale ha indicato che la missione è stata trattenuta dall’esercito ucraino per tre ore a un posto di blocco mentre si dirigeva verso la fabbrica.

Ma il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e capo della missione, Rafael Grossi, ha negoziato personalmente con le autorità militari ucraine per continuare il suo viaggio, secondo il giornalista del Washington Post John Hudson, sul suo account Twitter.

READ  "Alberto Fernandez ha suggerito l'Argentina come misura preventiva per la penetrazione russa"

Nel frattempo, il capo dell’amministrazione regionale di Zaporozhye, Evgeny Palitsky, ha riferito di aver dovuto chiudere la quinta unità della centrale nucleare dopo i bombardamenti e i danni alle linee elettriche.

“Purtroppo, la quinta unità di potenza non funziona. L’unità 6 continua a funzionare al 60% della capacità”, ha affermato Palitsky, che ha affermato che l’unità 6 continua a funzionare al 60% della capacità.