Marzo 2, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trovano depositi d'acqua delle dimensioni del Mar Rosso

Trovano depositi d'acqua delle dimensioni del Mar Rosso

Più di dieci anni e mezzo fa, la navicella spaziale Mars Express partì per un viaggio alla scoperta dei segreti della superficie di Marte, concentrandosi su creature misteriose. Formazione fossile di meduse (MFF). Il ghiaccio all'interno di tale formazione, se si scioglie, può avvolgersi Marte In uno strato d'acqua la cui profondità varia tra 1,5 e 2,7 metri.

Questa rappresenta la più grande riserva d'acqua scoperta in questa regione Martee contiene Abbastanza acqua da rivaleggiare con le dimensioni del Mar Rosso sulla Terra.

Questa caratteristica geologica, inizialmente studiata per i suoi estesi depositi, rimane oggetto di speculazioni e curiosità. Ma oggi, grazie a nuove ricerche, il velo sulla stampante multifunzione è stato finalmente sollevato.

Il MFF si trova all'intersezione tra le alte e le pianure di Marte ed è una potenziale importante fonte di polvere marziana. Uno dei più grandi giacimenti del pianeta.

Marte.jpeg

Situata all'intersezione tra altopiani e pianure su Marte, la formazione Medusae Fossae è uno dei depositi più diffusi del pianeta.

Quale

Precedenti studi sulla formazione delle Medusae Fossae

Le prime osservazioni di Mars Express indicavano la natura ghiacciata della Formazione Medusae Fossae a causa della sua trasparenza radar e della bassa densità.

Tuttavia, era lì Teorie alternative hanno suggerito che la formazione potrebbe essere un massiccio accumulo di polvere, cenere vulcanica o sedimenti trasportati dal vento.

“È qui che entrano in gioco i nuovi dati radar. Data la loro profondità, se il MFF è solo un enorme mucchio di polvere, Ci aspettiamo che si comprima sotto il suo stesso pesodice il coautore Andrea Cicchettidell'Istituto Nazionale di Astrofisica in Italia.

READ  WhatsApp ha annunciato le sue modifiche per il 2022 - notizie di tecnologia - tecnologia

“Ciò creerebbe qualcosa di più denso di quello che già vediamo con MARSIS. E quando modelliamo come si comporterebbero i diversi materiali senza ghiaccio, Niente riproduce le proprietà del MFF: serve il ghiaccio“.

Dall'altro lato, Tommaso Wattersdello Smithsonian Institution statunitense, che è anche l'autore principale degli studi originali e recenti, ha commentato i risultati: “Abbiamo esplorato nuovamente il MFF utilizzando dati più recenti provenienti dal radar Mars Express MARSIS, e abbiamo scoperto che I sedimenti sono più spessi di quanto pensassimo: fino a 3,7 chilometri di spessore“, Ha espresso.

“È interessante notare che i segnali radar corrispondono a ciò che ci aspettiamo di vedere dalle calotte glaciali e sono simili ai segnali che vediamo dalle calotte polari del nostro pianeta. Marte“Che sappiamo essere molto ricco di ghiaccio”, ha aggiunto.

Future esplorazioni di Marte

Per le future missioni a MarteLa scoperta del ghiaccio in luoghi tropicali come la Formazione Medusae Fossae ha un valore inestimabile. Richiede l’atterraggio vicino all’equatore, lontano dalle calotte polari o dai ghiacciai alle alte latitudini, e l’acqua è una risorsa essenziale.

Ma, Colin Wilson“I depositi MFF sepolti sotto estesi strati di polvere rimangono al momento sfuggenti”, avverte lo scienziato del progetto Mars Express ed ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO) dell'ESA. “Tuttavia, ogni scoperta di ghiaccio marziano arricchisce la nostra comprensione della storia idrologica e della distribuzione del pianeta”. .” Acqua corrente.

Mars Express continua a mappare il ghiaccio d'acqua in profondità sotto la superficie, mentre il TGO Mars Orbiter, equipaggiato con lo strumento FREND, esamina i segni di acqua vicino alla superficie.

La scoperta di FREND di una regione ricca di idrogeno, che indica la presenza di ghiaccio d'acqua, a Valles Marineris su Marte nel 2021, e la mappatura in corso dei sedimenti di acque poco profonde, completano questa comprensione.

READ  Assassin's Creed Mirage avrà un sistema di missioni completamente rinnovato

Wilson conclude: “I nostri sforzi collettivi per esplorare Marte stanno gradualmente rivelando i segreti del nostro vicino planetario, offrendo scorci del suo passato e del suo potenziale per l’esplorazione futura”.

condizione, “Prova di depositi stratificati ricchi di ghiaccio nei fossili della Formazione Medusae su Marte.” Di TR Watters et al., pubblicato sulla rivista Lettere di ricerca geofisica.