Febbraio 2, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trovano documenti classificati come responsabilità di Joe Biden-Escambray

Il primo lotto è stato trovato in un ufficio a Washington, DC, appartenuto a Biden tra il suo mandato come vicepresidente e la sua campagna presidenziale del 2020.

Gli assistenti della Casa Bianca hanno scoperto un secondo lotto di documenti riservati appartenenti al presidente Joe Biden, giorni dopo che i documenti dell’ex gabinetto del presidente erano stati rivelati.

Il nuovo lotto è stato trovato in un sito separato dal primo e da allora gli assistenti della Casa Bianca hanno cercato altrove ulteriori documenti riservati.

Confermando la notizia della scoperta del primo lotto di documenti mercoledì, l’addetto stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha evitato di rispondere alle domande sul motivo per cui l’attuale amministrazione non ha informato il pubblico prima.

Gli avvocati di Biden hanno fatto la scoperta il 2 novembre, appena sei giorni prima delle cruciali elezioni di medio termine.

Ne ha parlato lui stesso il presidente. E parlarne personalmente”, ha detto Jean-Pierre, spiegando che “questo è sotto inchiesta, sotto esame da parte del Ministero della Giustizia, e lasceremo che questo processo continui”.

Biden ha affrontato la questione del primo lotto martedì. Ha detto di non sapere quali documenti sono stati trovati e che i suoi avvocati gli hanno consigliato di non cercare tali informazioni. Ha anche espresso il suo stupore per il fatto che tali registrazioni fossero conservate lì.

La rivelazione ha immediatamente fatto paragoni con una perquisizione dell’FBI dell’anno scorso nella tenuta di Mar-a-Lago dell’ex presidente Donald Trump. In quell’occasione, gli investigatori federali hanno sequestrato documenti riservati nell’ambito di un’indagine federale più ampia sulla possibile cattiva gestione delle informazioni.

READ  Il governo degli Stati Uniti eliminerà la politica sull'immigrazione per rimanere in Messico

La Casa Bianca ha detto che sta lavorando con il Dipartimento di Giustizia per una revisione dei documenti, che sono stati trovati in un ufficio di proprietà di Biden tra il suo mandato come vicepresidente e la sua campagna presidenziale del 2020.

(con informazioni di TeleSUR)