Novembre 29, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Trump critica l’ex capo del Pentagono Mark Esper, ma non nega le accuse di Bock – Chicago Tribune

L’ex presidente Donald Trump ha risposto a Mark Esper, il suo ex segretario alla Difesa, definendolo un “leggero” e repubblicano solo di nome, ma non ha negato le accuse esplosive di voler sparare a manifestanti per la giustizia razziale o lanciare missili contro obiettivi. in Messico.

L’ex presidente ha accusato Esper di tacere sui suggerimenti più stravaganti di Trump perché era desideroso di compiacere.

“Mark Esper era un duro ed era disperato per non perdere il lavoro. Avrebbe fatto quello che volevo, motivo per cui l’ho chiamato ‘Syber'”, ha detto Trump a CBS News, che ha mandato in onda un’intervista con Esper su “60 Minutes” domenica .

“Era leggero e visivo, e me ne sono reso conto molto rapidamente”, ha aggiunto Trump.

Trump non ha negato molte delle accuse esplosive di Esper, come quella di voler invocare l’Insurrection Act per reprimere proteste pacifiche o lanciare razzi in Messico.

Né ha spiegato perché queste misure non sono state prese se Esper era troppo resiliente.

“La verità è che non ho bisogno di invocare questo atto e non l’ho mai fatto”, ha detto Trump.

Trump ha detto di aver menzionato il nome di Esper solo perché è stato fuorviato da “alcuni RINO”. Esper ha servito come capo del Pentagono fino a quando Trump non lo ha licenziato subito dopo il giorno delle elezioni 2020.

“Ho licenziato (Esper) perché era di Reno incapace di guidare e doveva guidare io stesso l’esercito”, ha detto Trump nella dichiarazione.

Esper ha sollevato le accuse contro Trump nel suo prossimo libro, “A Sacred Oath: A Secretary of Defense’s Memoirs during Extraordinary Times”, che arriverà nelle librerie martedì.

READ  Il voto anticipato inizia nella corsa al Senato in Georgia

L’ex capo dell’esercito si è detto sbalordito da alcuni dei suggerimenti che Trump ha avanzato, in particolare aprendo il fuoco sui manifestanti e lanciando razzi contro obiettivi in ​​Messico.

Ha affermato che l’aiutante intransigente di Trump, Stephen Miller, gli ha fatto pressioni affinché inviasse 250.000 soldati al confine meridionale e voleva che gli Stati Uniti mostrassero la testa mozzata del leader dello Stato Islamico ucciso per scoraggiare altri estremisti, cosa che Miller nega.

Come altri ex aiutanti di Trump, Esper è rimasto in silenzio sul comportamento pericoloso anche dopo il suo licenziamento e non ha parlato durante il processo di impeachment di Trump.

Il manoscritto del libro è stato sottoposto a un esame approfondito e lungo per verificarne l’accuratezza; I resoconti in esso contenuti sono stati verificati da dozzine di testimoni, inclusi altri alti ufficiali.

  • Questo testo è stato tradotto da Octavio Lopez /TCA