sabato, Giugno 22, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Türkiye attende con impazienza il secondo turno elettorale

28 maggio, data prevista per il secondo turno delle elezioni presidenziali e parlamentari che si terranno domenica in Turchia Perché il primo turno non ha lasciato nessun vincitore definitivo ad assumere la presidenza.

La partecipazione è stata alta Circa il 90% degli aventi diritto di voto, il che indica la grande importanza di queste elezioni e la polarizzazione politica esistente in Turchia che contrappone i credenti al presidente Recep Tayyip Erdogan, leader del Partito per la giustizia e lo sviluppo e l’opposizione, rappresentata da una figura, Kemal Kilicdaroglu, leader del Partito popolare repubblicano.

foto/AP – Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan

Recep Tayyip Erdogan ha mostrato negli ultimi anni un discorso politico che ha sfumature nazionaliste, conservatrici e islamiche, intrisa di una politica estera interventista che portò la Turchia a prendere parte attiva alle guerre civili in Siria e in Libia e ad affermarsi come importante negoziatore per una questione correlata legata all’invasione russa dell’Ucraina, ovvero il commercio di grano ucraino, che era in grado di lasciare il porto su barconi grazie alla mediazione turca tra Ucraina e Russia.

Le aspettative sono alte perché c’è così tanto in gioco, Né più né meno di Recep Tayyip Erdogan rimane al potere o meno dopo anni e anni passati a dirigere i piani del Paese eurasiatico come capo di stato e di governo. Non a caso, Erdogan è presidente turco dal 2014.

L’opposizione ha accusato Recep Tayyip Erdogan di eccessiva tirannia e di persecuzione poliziesca e giudiziaria di molti oppositori in vari campi come la politica o anche il sistema giudiziario. Negli ultimi anni si sono susseguiti numerosi arresti e processi contro elementi dell’opposizione con varie accuse, e un’ombra è sempre rimasta sul grande potere esercitato dall’uomo forte dell’impero ottomano. Per non parlare della soffocante persecuzione della minoranza curda, che il governo turco accusa di aver commesso atti terroristici nel sud del Paese. In particolare, uno dei pretesti turchi per entrare attraverso il confine siriano e stanziarsi nella guerra civile siriana è stata la persecuzione degli elementi curdi siriani presenti nella zona di confine.

READ  Il presidente del Guatemala chiede di andare alle urne domenica prossima
Afp/Ozan Kos – Il presidente del Partito popolare repubblicano turco (CHP) e il candidato alla presidenza Kemal Kilicdaroglu parlano durante una manifestazione a Canakkale, nella Turchia occidentale, l’11 aprile 2023.

Di fronte a questo scenario, l’opposizione ha reagito dopo molti anni. Ha condannato le vessazioni politiche del Partito popolare repubblicano guidato da Kemal Kilicdaroglu e del Partito democratico popolare filo-curdo e di sinistra. Forti critiche sono state mosse anche alla gestione economica di Recep Tayyip Erdogan, a causa del forte deprezzamento della lira turca e delle pressioni subite dall’inflazione in Turchia. L’inflazione ha raggiunto il picco nell’ottobre 2022, all’85,5% su base annua, mentre nel marzo 2023 era al 50,5%, che sono tassi molto alti per un aumento dei prezzi in un paese come la Turchia. Kemal Kilicdaroglu, infatti, è riuscito a riunire per la prima volta in un’alleanza congiunta gli oppositori di Erdogan per confrontarsi con il presidente, grande candidato alla riconvalida della sua posizione e segnato dalla deriva politica ed economica che ha subito la nazione eurasiatica.

I sondaggi arrivavano a prevedere la vittoria di Erdogan al primo turno, ma tutto era più equilibrato. Erdoğan ha ricevuto il 49,5% e Kilicdaroglu il 44,9%. L’incumbent era vicino al 50%, il che gli avrebbe fatto riaffermare la sua posizione per la terza volta, ma è rimasto dietro l’angolo.

Ora resta da vedere come verrà nuovamente distribuito il voto, Sembra che rimarrà lo stesso per coloro che hanno votato per un candidato o per l’altro al primo turno di fronte all’attuale polarizzazione; Ma resta da vedere come verrà distribuito il 5% ottenuto dalla terza testa di serie nel turno precedente: Sinan Ogan. Stanno aspettando di vedere cosa accadrà a chi ha votato per il partito di Ogan, che ora dovrà scegliere tra Erdogan o Kilicdaroglu e che potrebbe fare una svolta elettorale. Sebbene tutti si aspettino che Sinan Oğan faccia una campagna a favore di Recep Tayyip Erdoğan e chieda ai suoi elettori di scegliere l’attuale presidente perché sono dalla stessa parte conservatrice, in realtà Oğan è considerato da molti analisti un candidato di estrema destra e quindi è il più vicino al suo spettro politico. È il Partito per la giustizia e lo sviluppo. I quasi tre milioni di voti di Sinan Ogan potrebbero determinare se Erdogan estenderà il suo già lungo governo o determinerà un cambiamento nella politica turca.

READ  La Russia chiede all'Ucraina di estradare le persone coinvolte negli attacchi dell'Escambray

Questa è la prima volta che si tengono elezioni di ballottaggio in Turchia da quando Recep Tayyip Erdogan ha trasformato il sistema costituzionale parlamentare turco in uno completamente presidenziale nel 2017. Finora Erdogan è sempre stato sopra il 50% dei voti ed è bastato il primo turno per investirlo a capo della nazione, ma la polarizzazione politica e la crisi economica hanno mobilitato l’intera opposizione per fronteggiare il cosiddetto “sultano” e egli è. Più vicino che mai a estromettere l’attuale presidente dai pieni poteri, nonostante tutte le previsioni prevedano una vittoria finale per Recep Tayyip Erdogan.

Ciriaco Capone
Ciriaco Capone
"Creatore. Amante dei social media hipster. Appassionato di web. Appassionato fanatico dell'alcol."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles