Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ultime notizie e invasione

“Non ci sono parole per esprimere l’orrore che ho visto a Bucha”, afferma il presidente della Commissione europea.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, al centro, osserva i corpi rimossi da una fossa comune a Bucha, fuori Kiev, Ucraina, venerdì 8 aprile 2022 (AP Photo/Rodrigo Abd)
La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen esamina i corpi recuperati da una fossa comune a Bucha, in Ucraina, venerdì 8 aprile (Rodrigo Abd/AP)

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha definito “orrore” ciò a cui ha assistito durante la sua visita in Ucraina. Bucha Ha ribadito la sua “ammirazione” per gli ucraini che combattono contro l’invasione russa.

“Non ci sono parole per esprimere l’orrore che ho visto in Bucha, la brutta faccia dell’esercito di Putin che terrorizza le persone”, ha detto la von der Leyen durante un evento globale chiamato “Stand for Ukraine” a Varsavia, la capitale polacca, sabato. “Tanta ammirazione per i nostri coraggiosi amici ucraini che stanno combattendo questo. Stanno combattendo la nostra guerra”.

“È la nostra battaglia che la combatte, perché l’Ucraina non sta solo combattendo per la sua sovranità e sicurezza, ma sta anche combattendo sulla questione se l’umanità vincerà o se il risultato sarà un’orribile devastazione”, ha detto von der Leyen.

Venerdì si è recato a Kiev con l’alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, Josep Borrell, per incontrare il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, e altri funzionari ucraini.

Zelensky e il primo ministro canadese Justin Trudeau hanno parlato anche all’evento Stand up for Ukraine.

Zelensky ha elogiato il coraggio dei suoi compatrioti e ha ribadito la sua richiesta di ulteriori aiuti militari e finanziari.

READ  Risultati delle elezioni presidenziali in Cile 2021: la borsa di Santiago crolla dopo la vittoria di Borek | EL PAÍS America Edition: The World Newspaper

“La leadership russa non ha tenuto conto di un solo fatto. Il fatto che stia attaccando il paese più grande del mondo, l’Ucraina, il più grande per il suo coraggio. Non abbiamo paura di massicci attacchi missilistici, aerei russi e infinite colonne di carri armati ,” Egli ha detto.

“Siamo qui oggi per rispondere all’appello del presidente Zelensky affinché la comunità internazionale si mobiliti a sostegno dei rifugiati ucraini e di tutti gli ucraini”, ha affermato Trudeau.