Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un dirigente afferma che la rinascita dei cinema statunitensi potrebbe avvantaggiare Netflix

John Fethian, presidente della US National Association of Theatres (NATO), ha affermato di aver avuto “diverse discussioni” con il capo dei contenuti di Netflix, Ted Sarandos, esortandolo a “vedere se la produzione avrà successo nei cinema” afp_ticker

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 aprile 2022-17:55

(AFP)

Le anticipazioni di Netflix mettono in discussione da anni il futuro del grande schermo, ma il colosso dello streaming, che sta registrando una progressiva perdita di abbonati, potrebbe beneficiare di un aumento degli spettatori che tornano ai posti, secondo John Vithian, presidente dell’associazione. Che include i cinema negli Stati Uniti.

“Le porte dei cinema sono sempre state aperte ai film Netflix da anni”, ha detto Vithian all’AFP all’annuale CinemaCon, che riunisce i grandi dell’industria audiovisiva a Las Vegas.

Vithian, presidente della US National Association of Theatre Owners (NATO), ha affermato di aver avuto “diverse discussioni” con Ted Sarandos, chief content officer di Netflix, esortandolo a “vedere se gli spettacoli stanno funzionando nei cinema”.

“Non guardo i prezzi delle azioni. Guardo solo i dati. Puoi guadagnare di più, anche se sei uno spettatore online, ndlr), se mostri prima i tuoi film migliori nelle sale”, ha detto.

Mettere i film al primo posto sul grande schermo prima di mostrarli su piattaforme di contenuti va contro il modello di business di successo di Netflix, che ha messo in fuga Disney e Warner nel mezzo della cosiddetta “guerra dello streaming”.

La piattaforma ha rivoluzionato Hollywood e il modo in cui il pubblico consuma i film, spendendo ingenti somme per attirare le star lontano dagli studi tradizionali e tenere gli spettatori sui loro divani.

Ma la perdita di 200.000 abbonati – lo 0,1% della base totale di abbonati – nel primo semestre, annunciata la scorsa settimana, ha scatenato il panico nel mercato azionario e ha fatto scendere le azioni Netflix di oltre il 30% in un solo giorno.

La società ha annunciato diverse nuove strategie, inclusi abbonamenti più economici con annunci.

Alcune grandi produzioni vengono proiettate nei cinema su base limitata per competere per gli Oscar, ma sorge la domanda se potrebbero prendere in considerazione un’uscita più grande sul grande schermo.

“Penso che il modello Netflix potrebbe evolversi in quella direzione”, ha detto Vithian. “Speriamo che accada”.

Ciò consentirà al film di “saltare di più”, ha affermato il funzionario, aggiungendo che “i film che vanno direttamente ai servizi di streaming sono sprecati”.

– “morto” –

L’atmosfera è stata più vivace all’edizione di quest’anno di CinemaCon rispetto al 2021, che ha risentito di una delle varianti della pandemia covid-19, che ha continuato anche a spaventare gli spettatori e costringere gli studi. Scegli l’intrattenimento online e non guardare i film dalla poltrona .

Ciò è stato registrato anche nel discorso annuale di Vithian, che questa settimana ha fatto notizia affermando che la tendenza a distribuire film contemporaneamente su piattaforme digitali e nelle sale è “morta”.

“Non è stato tirato fuori dal nulla, è uscito dopo aver consultato alcuni dei nostri partner di studio su cosa pensano di come pubblicheranno i loro film”, ha detto all’AFP.

I grandi studi di Hollywood hanno recentemente stuzzicato l’interesse dei proprietari di teatri re-implementando l’esclusività delle finestre in modo che i film vengano proiettati solo sul grande schermo. Tuttavia, l’attuale finestra di 45 giorni o meno è inferiore alla finestra di 90 giorni per i tempi pre-pandemici.

“Il dibattito riguarda più la lunghezza di questa finestra, non se dovrebbe essere un’opzione o l’altra”, ha detto Vithian.

– Paure –

Ma ci sono ancora motivi di preoccupazione nel settore. Tra questi c’è il modello di business di Amazon Prime, che, secondo Vithian, “non sta cercando di fare soldi con i film”, ma piuttosto cerca di invogliare i consumatori “a fare acquisti o utilizzare i loro servizi di consegna”.

Amazon Prime, un servizio in abbonamento del gigante Amazon, ha acquisito lo storico studio MGM chiudendo un accordo da 8,5 miliardi di dollari il mese scorso.

“Se stanno acquistando aziende per ritirare i film dalle sale e mostrarli esclusivamente su piattaforme, ridurranno la scelta dei consumatori”, ha spiegato il dirigente.

Vithian ha anche affermato che ci sono preoccupazioni per gli Oscar.

Il mese scorso, Apple TV+ è diventata la prima piattaforma di streaming a vincere la migliore statuetta, mentre blockbuster come “Spider-Man: No Way Home” sono stati evidenti dalla loro assenza dalle categorie principali.

L’industria audiovisiva è anche preoccupata per l’impatto sui cinema russi a causa del divieto imposto da Hollywood in risposta all’invasione militare dell’Ucraina il 24 febbraio.

“Il mercato non è stato abbandonato. È una pausa di pace fino al momento di tornare”, ha detto Vithian, descrivendo l’anno passato come “molto strano”.

READ  "Penso che succederà a me come Tina Turner e alla fine diventerò una leggenda"