Febbraio 8, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un funzionario afferma che gli accordi sull’immigrazione tra Cuba e gli Stati Uniti stanno mostrando dei progressi

L’Avana: Johanna Tablada, Vice Direttore Generale degli Stati Uniti del Ministero degli Affari Esteri di Cuba, ha sottolineato che dopo cinque anni di continua inosservanza da parte di Washington degli accordi sull’immigrazione con l’isola più grande delle Antille, ora si apprezzano i progressi.

Il funzionario ha affermato che la chiusura ingiustificata del Consolato USA all’Avana sulla base di accuse stravaganti e false su presunti attacchi a diplomatici, che anche la CIA ha ammesso, è insostenibile.

Ha osservato che dopo il primo round di colloqui a Washington sulla questione dell’immigrazione dal 2018, gli Stati Uniti hanno iniziato a concedere visti per cercare di rispettare l’impegno di almeno 20.000 all’anno.

“Poi ci sarà l’annuncio che le operazioni di assistenza consolare dei cubani assurdamente trasferiti in Guyana torneranno all’Avana all’inizio del 2023”, ha detto Tablada.

Ha osservato che la nazione settentrionale ha raggiunto la quota annuale per i visti, ma non si è accumulata negli anni in cui non sono stati concessi.

Il diplomatico ha spiegato che distribuiscono solo visti per ricongiungimento familiare, esclusi i visti per non immigrati, cioè quelli attraverso i quali più di 200.000 cubani hanno viaggiato e sono tornati senza lasciare definitivamente il Paese.

Johanna Tablada ha ritenuto paradossale che Washington, pur chiedendo maggiori investimenti sociali ed economici nei paesi della regione con alti flussi di immigrazione, insista nel far crollare l’economia cubana e rendere la vita più difficile ai suoi residenti.

Inoltre, ha sottolineato gli incentivi che gli Stati Uniti mantengono per l’immigrazione irregolare dei cubani, e come non rispetti parte degli accordi per non accettare persone che raggiungono il suo confine meridionale per questa via.

READ  Gli Stati Uniti senza un consenso per imporre le proprie politiche - Juventud Rebelde