Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un leader esclude elezioni anticipate come soluzione alla crisi in Perù

In un’intervista televisiva ha escluso che la crisi si limiti al confronto tra autorità esecutiva e legislativa.

“Da diversi anni stiamo attraversando una crisi politica, sociale ed economica multipla, grave e profonda e abbiamo un governo che ha abbandonato le promesse di cambiamento per cui era stato eletto e un Congresso che sta completamente voltando le spalle cittadini”, ha detto.

Mendoza ha sottolineato, in questo contesto, che né la vacanza (rimozione) del presidente né l’andamento delle elezioni sono soluzioni reali.

Ha sottolineato: “Non si tratta di cambiare i numeri e non si tratta solo di correzioni o correzioni parziali, ma piuttosto abbiamo bisogno di un cambiamento nelle regole del gioco”.

Il leader, il cui partito ha co-governato fino a poco tempo fa e ha fornito ministri all’esecutivo, mantiene attualmente un atteggiamento critico nei confronti dell’amministrazione Castillo.

Nonostante ciò, questa settimana ha sostenuto il progetto del governo di tenere un referendum sull’idoneità dell’Assemblea Costituente richiesto dai settori sociali nell’ambito delle richieste delle recenti proteste.

Allo stesso tempo, ha avvertito che il dibattito su questo argomento dovrebbe essere gli eroi dei cittadini.

“Non permettiamo che questa discussione, così importante, su una nuova costituzione finisca per essere dirottata dal governo e dal Congresso, quando è una questione che riguarda tutti noi peruviani”, ha detto.

Riguardo alle richieste sociali, che sono state esacerbate dall’ondata di rincari dovuti a fattori internazionali, ha parlato di indirizzarle in modo ordinato, pacifico e istituzionale, ma si è rammaricato che le regole del gioco le impediscano che potrebbero portare a un esplosione sociale.

D’altra parte, il capo dell’UGT, Luis Villanueva, ha sostenuto il progetto del governo per un referendum sull’Assemblea Costituente per cambiare le strutture statali.

READ  Biden chiede al Partito Democratico di restare unito dopo la dura sconfitta in Virginia

“Serve una nuova costituzione, una nuova carta politica in cui non ci sia emarginazione e le persone non siano escluse dalle risorse e dalla ricchezza che il Paese genera”, ha aggiunto il leader sindacale.

Ha criticato l’opposizione per la sua testardaggine nell’evacuare il presidente Pedro Castillo e nel promuovere leggi favorevoli agli imprenditori, mentre il governo sta cercando di apportare cambiamenti a beneficio della popolazione, ha affermato.

Jha / la signora