mercoledì, Giugno 19, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Un nuovo dinosauro predatore sta cambiando la preistoria americana

19:42

40 anni fa, nel cuore della Patagonia, un gruppo di esistenzialisti argentini scoprì lo scheletro di una creatura vivente. Carnotaurus sastreL’unica specie estinta di dinosauro conosciuta CarnotauroCon un’altezza di tre metri e una lunghezza fino a nove, e con la forma unica del suo cranio che sporge e si ramifica in quelle che a prima vista sembrano corna, divenne presto una delle specie più famose.

Ecco perché oggi, dopo un altro gruppo di 70 scienziati provenienti da tutto il mondo si sono uniti al progetto La fine dell’era dei dinosauri in Patagonia Per comprendere i cambiamenti che gli ecosistemi della regione hanno subito prima dell’estinzione di massa, lo scopriranno Carnotauro Condividevano i loro territori 69 milioni di anni fa con le loro prede e un altro predatore meno feroce, che chiamavano Kolekin InakayaliL’intera Terra getta gli occhi sul continente meridionale.

El Colombiano ha parlato con Diego Bol, il paleontologo argentino famoso per aver scoperto il più grande dinosauro finora conosciuto. Sindaco di PatagotitanChi è la persona responsabile della direzione di questa indagine?

Quali ipotesi hai avanzato nella ricerca? La fine dell’era dei dinosauri in Patagonia Perché scelgono quell’area per svilupparsi?

“Una questione su cui volevamo testare le ipotesi è se ci sia stato o meno un declino della biodiversità prima della grande estinzione dei dinosauri. Non è ancora del tutto chiaro se nei milioni di anni precedenti la grande estinzione ci sia stato un degrado ambientale ed ecosistemico declino della biodiversità.” , e l’eventuale estinzione e la caduta del meteorite è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, o se, al contrario, la biodiversità era in buone condizioni e l’estinzione è stata molto improvvisa e improvvisa.

READ  Come vivi in ​​un ufficio o in un posto di lavoro molto freddo

Questo è il motivo per cui è necessario disporre di dati provenienti da diverse parti del mondo, e i dati che abbiamo attualmente da tutto il Sud America sono molto rari rispetto, ad esempio, al Nord America, quindi crediamo che la Patagonia abbia un grande potenziale per aprire un nuovo mondo. Una quantità molto grande di dati è importante per testare con precisione ciò di cui sto parlando.

Cosa significherebbe per la scienza riuscire a risolvere quelle ipotesi che ho citato?

“Ebbene, l’estinzione dei dinosauri è una delle cinque più grandi estinzioni di massa avvenute nella storia della vita. Fu un’estinzione in cui scomparvero tre specie su quattro che vivevano in quel periodo, e ovviamente sappiamo che ciò accadde a causa di cambiamenti negli ecosistemi, nel clima e nell’esposizione alla luce solare, ma se capiamo quali fattori vi contribuirono – se questi “Se dovessimo affrontare il cambiamento climatico e il degrado degli ecosistemi naturali, saremo in grado di ottenere prove sul fatto che stiamo attualmente affrontando o meno un sesto evento di estinzione, e quindi suggerire possibili soluzioni.”

Nell’ambito di questa indagine, sono stati trovati i resti del dinosauro carnivoro che chiamavano Culkin Inakayali, Ha catturato la stampa mondiale, com’è stata questa scoperta e come hai capito che si trattava di una nuova specie?

“Questa scoperta è avvenuta come parte delle nostre esplorazioni in più di 20 siti in Patagonia alla ricerca di fossili di ogni tipo. Abbiamo trovato di tutto, dai fossili microscopici ai resti di dinosauri e, fortunatamente, di tutte le dimensioni e tipi, e tra questi c’erano i. resti di Questo è un dinosauro carnivoro.

READ  Valve dettaglia le specifiche del SoC AMD Aerith per la sua piattaforma Steam

Una volta trovato, abbiamo saputo che apparteneva alla famiglia Abelisauridae grazie ai dettagli anatomici del piede ad artiglio e anche ai frammenti di cranio ritrovati, poiché presenta caratteristiche anatomiche uniche.

“Ora abbiamo dovuto aspettare molto tempo per rimuovere lo scheletro, portarlo in laboratorio e prepararlo per poter analizzare tutta l’anatomia e confrontarlo con le specie conosciute, quindi ora ci rendiamo conto che si trattava di una nuova specie. “

Che storia sono riusciti a ricostruire su Kulekin, partendo ovviamente dai resti ritrovati?

“Ebbene, una delle cose interessanti è che si tratta di un membro della famiglia Abelisauridae, e quindi un parente molto stretto di un dinosauro molto famoso, probabilmente il più famoso di tutta la Patagonia: CarnotauroÈ un dinosauro carnivoro con le corna, anche se quello che abbiamo trovato non ha le corna e presenta altre differenze nelle zampe, nella colonna arteriosa e nel cranio.

Cosa indicano queste differenze?

“A quel tempo, in questo ecosistema coesistevano almeno due specie di carnivori della stessa famiglia, il che indica che si trattava di un ecosistema abbastanza produttivo da nutrire due specie.

È qualcosa di simile a quello che possiamo vedere oggi, con il puma e il giaguaro, che sono due predatori che coesistono in alcuni ecosistemi quando le loro condizioni sono sufficientemente buone, perché negli ecosistemi degradati il ​​giaguaro tende a scomparire.

Quindi, trovare due carnivori nello stesso posto ci dice che c’è bella vita nella zona, il che è legato alle problematiche del progetto.

Desideria Zullo
Desideria Zullo
"Educatore generale della birra. Pioniere del caffè per tutta la vita. Sostenitore certificato di Twitter. Fanatico di Internet. Professionista dei viaggi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles