Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un nuovo tentativo in Turchia di porre fine alla guerra in Ucraina

I negoziatori russi e ucraini sono a Istanbul per un nuovo round di colloqui in programma martedì e mercoledì volti a porre fine alla guerra. La neutralità dell’ex repubblica sovietica e lo status dei territori contesi a est possono essere sul tavolo, ma con l’invasione russa in gran parte ferma, è improbabile che Kiev faccia concessioni sulla sua integrità territoriale.

Ospitando la Turchia, membro della Nato, dove mantiene stretti rapporti con entrambi i Paesi, il suo presidente, Recep Tayyip Erdogan, è ottimista: “Ci incontreremo brevemente con le delegazioni prima del loro incontro. Posso dire che ci incontreremo al telefono. La comunicazione con il signor Putin e il signor Zelensky sta camminando in una tendenza positiva.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov lunedì è stato meno ottimista e ha escluso il tempo per un incontro tra i presidenti del suo Paese e l’ex repubblica sovietica: “La crisi in Ucraina, il conflitto all’interno dell’Ucraina, è in corso da allora. Da molto tempo tempo, in tutti questi anni, una serie di accumulati Un’enorme quantità di problemi, quindi stare insieme e scambiare opinioni su ciò che pensi e in cui credi sarà controproducente ora.

A terra, un’anziana donna è arrivata a Kiev sollevata per essere sfuggita ai bombardamenti della vicina città di Irbin. Il sindaco di quest’ultima città ha annunciato che le forze ucraine avevano ripreso il controllo dopo aver espulso i soldati russi. Erbin è stata una delle scene principali dei combattimenti nei pressi della capitale.

La situazione è molto diversa a Mariupol assediata, dove circa 160.000 civili rimangono intrappolati senza cibo, acqua e medicine. Almeno 5.000 persone sono morte lì.

READ  Incontro ad alto livello tra Stati Uniti e Messico su immigrazione e sicurezza delle frontiere