Ottobre 19, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un paziente in ospedale a Calixto Garcia condivide lo spazio con il corpo di una donna per ore.

Un paziente gravemente malato è stato ricoverato mercoledì all’ospedale Calixto Garcia dell’Avana e ha dovuto condividere lo spazio per ore con il corpo di una donna morta martedì mattina presto.

“Il paziente critico è ricoverato in ospedale a Calixto Garcia oggi 21/09/15, condividendo lo spazio con una donna morta ieri prematuramente. L’attivista Ilian Martinez Rodriguez ha denunciato su Facebook i figli disperati del defunto e il resto dei pazienti che vivono con questo povera morta che fu lasciata in un letto in una stanza clinica bassa, all’ospedale Calixto Garcia.”

Nel post, il denunciante ha pubblicato un videoclip che mostra il corpo della donna in una stanza con diversi pazienti e altri compagni che hanno trascorso l’intera giornata con il corpo del defunto sul letto, senza essere prelevati dagli operatori sanitari.

Infine, in un altro video condiviso da Martínez Rodríguez, si osserva il momento in cui gli operatori ospedalieri rimuovono il corpo del defunto, rivelando la mancanza di dispositivi di protezione individuale (indumenti e guanti) per il personale altamente vulnerabile all’infezione da virus Corona.

Sebbene la denuncia non specifichi se la persona sia morta per COVID-19, gli ospedali cubani sono in condizioni critiche con pazienti infetti e le strutture di molti di loro non hanno un isolamento adeguato, necessario per ridurre la possibilità di diffusione del virus. Il virus Corona e i suoi nuovi ceppi e varianti sono altamente contagiosi. Oltre a ciò, in una situazione normale, uno spettacolo di queste caratteristiche potrebbe, quanto meno, essere considerato malsano.

Preoccupati per la situazione epidemiologica, il crollo degli ospedali e la carenza di medicinali, i cubani hanno visto come l’epidemia mettesse in luce le carenze di un sistema sanitario che, nonostante gli sforzi dei suoi specialisti, non aveva le risorse per far fronte a una tale crisi sanitaria.

READ  Fortnite Patch 18.10: novità, super boost per le nuove skin e tutte le modifiche

Sottoinvestimenti nella sanità pubblica, la responsabilità del governo, contrasta con la generosa spesa della leadership ideologica militare del Paese in infrastrutture alberghiere e servizi turistici; Uno scandalo che il regime cubano sta cercando di nascondere dietro messaggi sempre più critici nei confronti della sua macchina propagandistica e del suo costante ricorso ad incolpare l’embargo statunitense per le sue carenze.

All’inizio di agosto, quando la situazione epidemiologica a Cuba era già critica e molte province vivevano il crollo delle proprie istituzioni sanitarie, la stampa ufficiale ha pubblicato la visita del governatore Miguel Diaz-Canel La ragazza uruguaiana che è stata curata presso il Centro Internazionale di Restauro Neurologico (CIREN) dell’Avana.

“Quest’uomo non si vergogna di fare quella foto, mentre gli ospedali in cui vanno i cubani vengono distrutti, senza niente”, è stato uno dei commenti pubblicati dai cubani arrabbiati sui social network.

“E i genitori che stanno con i loro figli aspettando più di 20 ore per ottenere un letto all’ospedale pediatrico? E che sono disperati per postare nei gruppi di vendita per comprare Depyrone per la febbre al prezzo che chiedono? Rischi di essere infettato in lunghe code per un sacchetto di yogurt o di pane? Con quale capo scatterà una foto??” chiese poi la giovane donna.

E i cubani che muoiono negli ospedali per non aver ricevuto cure mediche e non aver ricevuto medicine? Dovrebbero vergognarsi di postare questo” è stato un altro dei commenti arrabbiati che hanno portato a un crudo tentativo di manipolazione e propaganda.

Questo martedì, il dottor Wilson Sanchez del comune di Mayari Abajo a Holguín ha deplorato che la mancanza di risorse per l’assistenza sanitaria a Cuba stia facendo il tentativo dei medici di affrontare l’epidemia di coronavirus e cercare di fermare le infezioni e i decessi segnalati.

READ  La NASA ha fotografato il vulcano dallo spazio

Non abbiamo risorse (ossigeno, medicine sufficienti, forniture mediche) e Credimi, non vogliamo vedere più pazienti morireSanchez ha lamentato, in un post pubblicato sulle reti, attribuendo il crollo psicologico dei medici alla fragilità, alla mancanza di rifornimenti e all’insensibilità delle autorità.

“Stress, stanchezza e soprattutto dolore, dolore per i pazienti che ci lasciano, dolore per i miei colleghi che, come me, continuano a lavorare all’inferno, se gli incendi si spegnessero, non dovremmo nemmeno smettere di farlo funzionare di nuovo” il dottore ha detto.