Maggio 20, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un videogioco sull’Olocausto che rompe i tabù

Un videogioco sull’Olocausto che rompe i tabù

In questo gioco, disponibile di recente per PC e presto per console, il giocatore assume il ruolo di membri di una famiglia ebrea francese proveniente dalla Polonia e li segue nel loro viaggio sotto il regime di Vichy fino al loro arresto nel 1942 e al loro trasferimento al campo di Pithivers , da dove vengono deportati.

Evocare l’Olocausto è ancora un tabù nel mondo dei videogiochi e pochi programmatori si sono cimentati nell’affrontare l’argomento.

“Si teme di rendere il gioco frivolo o di semplificarlo eccessivamente”, spiega Eugen Pfister, ricercatore presso la Berne School of Art specializzato in videogiochi.

“C’è anche la preoccupazione che non si possa giocare eticamente”, aggiunge.

Tra i titoli di maggior successo degli ultimi anni c’è un’eccezione: la serie Wolfenstein, in particolare “The New Order” (2014), dove il protagonista viene introdotto in un immaginario campo di concentramento in Croazia.

Ma questo gioco è ambientato in un universo alternativo, dove i nazisti stanno vincendo la seconda guerra mondiale, e non offre una rappresentazione realistica dell’Olocausto.

“Vedi ciminiere, carri e persino la selezione dei prigionieri, ma non parli mai di campi di concentramento e nemmeno di ebrei”, spiega Pfister.

“nessuna scelta”

Per Luc Bernard, l’inventore francese di The Light in the Darkness, il fatto che l’Olocausto non sia affrontato nei videogiochi è problematico.

“I giovani giocano a giochi sulla seconda guerra mondiale, come Call of Duty, dove viene raramente menzionato”, si lamenta.

“È un po’ come negare che esista”, continua il programmatore 36enne di Los Angeles.

In Light in the Dark, il giocatore non può controllare lo sviluppo della storia e assiste passivamente al tragico destino dei personaggi.

READ  Pubblicità dallo spazio: valutano come vengono visualizzati i banner via satellite | Marketing | inquinamento ambientale | tecnologia

“Non potrei fare un gioco in cui alla fine vinci”, dice. “Non era come nell’Olocausto, non c’era scelta”.

Bernard ha svolto ricerche approfondite per creare il gioco, consultando gli archivi dei musei dell’Olocausto a Washington e Los Angeles.

Comprendeva anche testimonianze di sopravvissuti. In una versione futura del gioco, il programmatore prevede di incorporare alcune di queste spiegazioni.

L’evoluzione delle mentalità

Quindici anni fa, Bernard aveva già sviluppato il primo gioco sull’Olocausto, Imagination is the Only Escape, che voleva pubblicare per Nintendo DS.

Il gioco è basato sulla storia di sua nonna che ha trasportato bambini ebrei nel Regno Unito durante la guerra.

Il progetto è stato infine abbandonato a causa della mancanza di fondi. Secondo il fondatore, la sua credibilità è stata screditata da una campagna stampa.

“The Light in the Darkness” è disponibile gratuitamente sullo store online di Epic Games, i creatori della saga di Fortnite. Il gioco è anche in mostra al Museum of Pop Culture di Seattle.

Secondo il ricercatore Pfister, lo sviluppo della mentalità è simile a quanto accaduto al cinema dopo la serie “The Holocaust” (1978) e il film “Schindler’s List” (1993) di Steven Spielberg.

“L’attuale consenso è che Hollywood sia in grado di fare film sull’Olocausto”, riassume lo storico.

“Sono ottimista sul fatto che anche i videogiochi possano trovare un linguaggio di cui parlare”, scatta.