Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una lezione che dovremmo imparare dall’Italia

Uno sguardo a cosa dobbiamo imparare e cosa è successo in Italia. Quello che è successo in Italia ci insegna che la Spagna ha bisogno di un partito socialdemocratico veramente moderno e di una destra centrale. Maggioranza sociale su eccezioni e privilegi La Spagna, come l’Italia, è profondamente delusa.
Quanto accaduto in Italia ci insegna che un Paese come la Spagna ha bisogno per la sua stabilità dell’esistenza di un moderno partito socialdemocratico, con un chiaro senso dello Stato che tuteli come principio la parità di diritti e doveri dei suoi cittadini. Della comunità o del territorio in cui vive, è ben posizionato contro la sinistra bolivariana (come ha detto prima Sánchez) e non può dipendere dai voti separatisti per raggiungere il governo (come ha detto Sánchez). Ma quel moderno Partito socialdemocratico non esiste più. Allo stesso tempo, c’è bisogno di un diritto coerente o centrale di destra, nella piena consapevolezza che l’accordo è essenziale nell’ambito di un dialogo efficace su questioni essenziali di visione globale dello Stato e dell’interesse della nazione nel suo insieme . Quella destra o centrodestra deve avere una prospettiva al di là dei suoi ristretti interessi e comprendere che anche una società moderna è costruita sulla rinuncia alle massime e all’equilibrio. Sfortunatamente, quella Spagna moderna sognata dalle Cortes di Cadice è stata appesantita dalla sopravvivenza dei privilegi e dei diritti medievali in alcune comunità.
Il raggio di rinnovamento di cui parlava l’abate Seuss non cadde sulla Francia, nella quale insisteva di aver distrutto tutte le vestigia del vecchio regime. Altri chiamano il primo passo per andare oltre. Due idee capitali nel diritto costituzionale hanno un debito con Abe Cieses, vale a dire che l’autorità costituzionale, il fondamento giuridico della legittimità dello stato, diventa la logica di come e perché è organizzata legalmente mentre ci avviciniamo allo stato liberale. Come una posizione ferma; e il concetto di sovranità nazionale, cioè il potere politico supremo (sovrano), l’istituzione del capitale nella nazione per costituire il potere politico.
Sièyés ci insegna che “la nazione è al di sopra ed è l’origine di tutto. La sua volontà è sempre lecita, è legge. Davanti ad essa, e al di sopra di essa, non c’è altro che legge naturale”. È il modello e il riferimento per coloro che credono nella nazione spagnola, l’unico concetto di governo che dovrebbe distinguere lo spagnolo, nella nazione di tutti, indipendentemente dal nostro vicinato civile. Ma, per ora, non ci sono due partiti in Spagna che sostengono questa idea: un partito socialdemocratico significato, volontà e struttura statale e non semplici gruppi parrocchiali, pieni di contraddizioni e differenze significative, a seconda dei territori, ciascuno con i suoi obiettivi ristretti (che è contrario ai principi di ciò che dovrebbe essere il socialismo). e una destra o una destra centrale con una prospettiva statale e una coscienza storica, riconoscendo i bisogni di tutti i cittadini e la necessità di aiutare a costruire una società egualitaria, moderna e solidale. Solo in questo modo possiamo vedere il futuro senza gli shock degli estremi, di destra e di sinistra e del separatismo.
Ma oggigiorno le frodi finanziarie e le contraddizioni dell’uno e dell’altro mostrano quanto siamo lontani dall’ideale dell’uguaglianza legale e formale nella vita quotidiana dei cittadini. Poi le persone si annoiano l’una con l’altra. Il pericolo è credere in soluzioni miracolose perché non ti fidi più di chi ti ha deluso senza darti la risposta attesa.

READ  I monumenti si oscurano in Italia per combattere i costi energetici