Settembre 21, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una macro bottiglia scuote l’area naturale di Tamaret Beach

Rabbia di una bottiglia di macro sabato sera nell’area naturale di Vignet, sulla spiaggia di Tamaret (Tarragona), in una zona di dune di sabbia molto fragile e pregiata. Cento giovani si sono concentrati a bere, ignorando il coprifuoco notturno, e lasciando deserta la loro lettiera, aggirando il faro che vietava l’accesso piuttosto che nidificando nelle sabbie del piviere ( Charadrios Alexandrinus), specie protette.

L’associazione ambientalista La Sínia ha denunciato gli eventi. “Sono spazi molto fragili e questo alla fine porta al loro deterioramento, è un episodio molto brutale, ma non è la prima bottiglia. Chiediamo più risorse nel campo del monitoraggio e della consapevolezza”, ha confermato Hector Hernández, coordinatore di La Sínia .

È un anello piuttosto brutale ma non è la prima bottiglia. Chiediamo più risorse nel monitoraggio e nella divulgazione”.



Hector HernandezLa Sínia Coordinatore

Ieri il consiglio comunale di Tarragona ha respinto in un comunicato gli effetti della macro bottiglia. “È necessario promuovere la consapevolezza ambientale tra la popolazione per adempiere ai nostri doveri nei confronti dell’ambiente naturale”, ha affermato Eva Miguel, sindaco dell’ambiente. “Sono spazi molto fragili e nel giro di poche ore il lavoro di tanti anni può crollare”, ha avvertito.

L’area naturale scelta per la macro bottiglia si trova nel comune di Tarragona ma al confine con Altafulla (Tarragonès), il che rende difficile l’intervento delle forze dell’ordine. È una fascia costiera con molti campeggi. La guardia urbana ha sgomberato i partecipanti nella macro bottiglia e domenica mattina presto la spiaggia è stata pulita.

READ  Elon Musk e le sue ultime idee imprenditoriali