Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una nuova “corsa allo spazio” sulla luna, ma “con un obiettivo finale diverso da quello di Apollo”

Così Jose Francisco Sanz Requena, professore di Master in Astrofisica e Tecniche di Osservazione in Astronomia presso l’Università Internazionale della Rioja (UNIR), ha sottolineato José Francisco Sanz Requena, che ha anche spiegato a Europa Press che la missione Artemisa “è divisa in tre parti, il cui primo tentativo è stato effettuato lunedì.” 29 agosto con il lancio di Artemis I, ma a causa di un guasto al motore, il suo lancio è stato posticipato.

Con la prima di queste “parti”, la non ancora implementata Artemisa I, “l’obiettivo è annotare i dati di navigazione che verranno utilizzati nelle altre due missioni” come dettagliato dal docente UNIR.

Segue Artemis II, che “girerà in orbita attorno alla Luna, per segnare un buon sito di atterraggio per la terza delle missioni”, essendo Artemis III, che porterà, finalmente, la prima donna sulla Luna.

“Queste operazioni sono molto simili a quelle della sua sorella maggiore, la missione Apollo”, ha osservato Sanz Requena, in cui “è stata condotta una ricognizione della luna per scoprire possibili siti di atterraggio”.

In questo modo, una volta completati i tre compiti che compongono il programma, “Con Artemis III, torneremo sulla luna nel 2025”.

Artemide e Apollo

Sebbene l’antenato del fortunato Apollo fosse per molti aspetti simile al nuovo Artemide, ci sono anche molti fattori che lo distinguono.

Sanz Requena ha osservato che “non solo Artemisa stessa, ma anche altri fattori all’interno delle missioni sulla luna, come l’intervento della Cina o della Russia”, rilevando che in questa occasione, il motivo delle maggiori potenze mondiali per tornare su questo satellite” mira a minare la luna.”

READ  Monster Hunter World continua a fare la storia con oltre 20 milioni di copie vendute

“Supponiamo che l’obiettivo finale sia diverso da quello di Apollo”, ha osservato l’insegnante dell’UNIR, che “la luna diventa molto attraente perché conterrà materiali rari sulla Terra e che in futuro saranno molto importanti”.

Ecco perché “c’è una specie di corsa allo spazio molto simile alla corsa con gli Stati Uniti e l’ex Unione Sovietica, in cui, pur essendo il primo paese a mettere un uomo nello spazio, gli americani sono i primi a raggiungere la luna. ” Sans Requina.

In questo senso, il professore dell’UNIR ha evidenziato come questa spinta al ritorno sulla Luna sia “spaccata” in questioni politiche ed economiche, e ha spiegato come “la Cina investa gran parte del suo budget in tecnologia spaziale da inviare sulla Luna, anche in tempi di un’epidemia, questo paese ha inviato una missione che ha avuto successo e ha raggiunto la Luna, e anche la Russia, nonostante la guerra con l’Ucraina, sta preparando missioni sulla Luna”, che ha descritto come “competizione politica”.

Tuttavia, “a parte le questioni politiche”, ha esordito spiegando, “ha molto peso perché sulla Luna si trovano materiali come l’elio-3, che sono rari sulla Terra e che, in futuro, saranno utilizzati per costruire reattori a fusione nucleare al posto degli attuali reattori nucleari”.

A ciò si aggiunge la “parte scientifica” in cui ha menzionato l’interesse per “il lato nascosto della luna, dove vogliono installare radiotelescopi e costruire una sorta di base lunare, e da lì, lanciare lanci su Marte” da allora. “La Luna è meno attraente della Terra e il costo per andare sulla Luna è inferiore”, ha spiegato.

Luna o Marte?

Sanz Requena lo ha descritto come “uno degli obiettivi più importanti” delle missioni spaziali, che è l’astrobiologia, cioè “la ricerca della vita al di fuori del nostro pianeta” e Marte ha un livello astrobiologico molto ampio”.

READ  Palworld e il suo nuovo trailer ce lo ricordano con il suo folle gameplay in movimento con creature simili a Pokemon armate fino ai denti.

Per questo motivo, sebbene il ritorno sulla Luna sia già in corso, l’obiettivo principale della NASA è raggiungere Marte e che questo pianeta è “asciutto e sterile, ma abbiamo prove molto chiare dell’acqua, e l’acqua è strettamente correlata alla vita”.

“L’astrobiologia è molto importante”, ha osservato il professore dell’UNIR, sottolineando che “varia dalla missione alla luna, che è una missione più commerciale”. “L’uomo è stato creato per vivere sulla Terra”

La possibilità che gli esseri umani abitino su altri pianeti è qualcosa che abbiamo in mente, ed è in realtà una delle cose principali che la NASA sta studiando.

A questo proposito, Sanz Requena ha osservato che “gli esseri umani sono creati per vivere sulla Terra” e, come ha spiegato, “sono soggetti alla gravità terrestre e in un’atmosfera che ci protegge dalle radiazioni”.

In questo senso, ha osservato: “Quello che succede quando andiamo nello spazio è che la navicella spaziale deve avere uno scudo speciale per proteggere gli astronauti da questa radiazione”.

Questo è il motivo per cui il mentore dell’UNIR ha affermato che “scendere dalla Terra non è un habitat desiderabile per gli umani” aggiungendo che “si parla di spostare gli esseri umani su Marte, ma bisogna stare attenti”.

interesse globale

Ciò che è chiaro è che un ritorno sulla Luna è qualcosa di interesse globale, cioè, come ha sottolineato Sanz Requena, “Non sono interessati solo gli Stati Uniti, la Cina e la Russia, ma altri come gli Stati Uniti come Gli Emirati Arabi Uniti, l’Agenzia Spaziale Europea e tanti altri Paesi stanno investendo”.

A ciò si aggiungono le varie società private che, ha osservato, stanno “investendo molto”, tra cui spiccano Space X, Elon Musk o Blue Origin.

READ  I cuccioli prendono il controllo dell'ultimo film dei Guardiani della Galassia

Vale a dire, questo nuovo viaggio sulla luna costituisce un’altra “corsa allo spazio”, in cui tutti vogliono davvero essere parte del ritorno umano al satellite, questa volta, intrapreso da una donna.