Dicembre 7, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una pestilenza uccide i pini di Roma

  • I pini mediterranei, simbolo della Città Eterna, stanno morendo per una peste proveniente dalle Americhe.

  • Gli agronomi di Roma sono costantemente alla ricerca di un antidoto a questo invasore invasivo, che in Italia non ha predatori naturali.

I maestosi pini mediterranei (Pinus pinea) di Roma, il simbolo della Città Eterna, popolare nel cinema e nella musica, sta morendo. Ogni giorno questo è evidente nelle strade e nei parchi della città italiana. Le loro alte cime verdi diventano nere E centinaia sono già stati abbattuti. Il suo carnefice: un piccolo insetto Il rosso-marrone dall’America è velenoso per loro. E così ogni rodeo ha raggiunto un punto in cui potrebbe essere l’ultimo.

L’agronoma Sarah Sacerdot è semplice. “L’intera regione di Roma è colpita. È una condizione molto grave”, afferma. La notizia è che questo caso non è nuovo, è peggiorato. La ‘Tumeella parvicornis’, detta anche Cocciniglia della Tartaruga, è originaria dell’Italia. Circa sette anni fa. Ha poi distrutto i pini della regione Napoli, Campania, probabilmente dopo lo sbarco dai Caraibi. Il sacerdote spiega di essersi stabilito lì dopo essere emigrato dalle fredde terre del Canada.

Lo è stato da allora Una lotta senza tante vittorie Per controllare l’infezione. Bel clima mediterraneo e favorevole Nessun nemico nativo Sono i loro predatori naturali in Italia, Il verme della farina delle tartarughe si sta espandendo A nord lungo la costa italiana, fino a raggiungere Roma. Qui ha cominciato ad apparire nella periferia sud del capoluogo italiano dal 2018.

Una lotta senza vittorie (ancora)

Il prete sa meglio. Lei stessa partecipa alla guerra. Ha già consegnato decine di alberi L’unica cura Scoperto finora. Di EndoterapiaUna tecnica per praticare piccoli fori (distanti circa 30 cm) nel tronco Applicare l’insetticida apamectina sull’albero, che con l’aiuto di una sostanza alcolica raggiunge il parassita attraverso il succo e lo distrugge. “Il problema è che questa è solo una soluzione temporanea, che mira solo a prolungare la vita degli alberi, in attesa di trovare un vero antidoto. Perché l’effetto dell’apamectina termina dopo circa tre mesi, poi il parassita ritorna”, spiega Sacerdote , se la pianta è troppo danneggiata, anche questa tecnica non funziona.

READ  Memoria metamorfica del Costa Rica e dell'Italia 90

Inoltre, l’endoterapia è costosa (costa almeno 50 euro per albero, secondo gli esperti) e lenta, poiché impiega diversi minuti per erogare la miscela a ciascuna pianta. Per questo stanno anche andando avanti Altri test anche se non molti risultati in questo momento. Alcune università stanno studiando l’uso delle coccinelle per attaccare le cocciniglie, e questo è stato pensato. Nell’importazione di insetti Sono predatori naturali di Doumeyella parvicornis nel loro aspetto. Ma finora non è stata trovata alcuna soluzione.

La situazione è lì Una vera lotta contro il tempo a Roma‘Pinus Pinia’ fa parte del paesaggio della capitale fin dai tempi della civiltà etrusca (IX-I secolo a.C.), e dal XIX secolo in poi iniziò ad essere impiantato in maniera importante in tutta la città, secondo Sacerrot . Successivamente, negli anni ’40, il leader fascista Benito Mussolini ampliò nuovamente i giardini, promuovendo l’albero come simbolo d’Italia. Questo è tutto Mussolini cambiò anche nomeCambia il nome latino Pinus pinea Di Pino in pendenza.

Simbolo di Roma

Tuttavia, questi alberi hanno guadagnato una certa popolarità anche prima. Ad esempio, nel 1924, Ha ispirato il famoso poema sinfonico Pini di Roma, compositore italiano Ottorino Respingi, che illustra la presenza di questi alberi in varie parti della città durante il giorno. Successivamente sono apparsi in alcuni film famosi Roma Federico Fellini e, più recentemente, in La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino.

Un altro estimatore dei pini rumeni fu l’agronomo rumeno Franco Milito. Li studia da anni. “È l’albero simbolo di Roma. La sua scomparsa sarebbe terribile per il paesaggio della città. Le strade sono vuote“, lui spiega. Ma la verità è che la cocciniglia tartaruga è particolarmente aggressiva in Italia, dove si riproduce sempre più velocemente che in Canada. Deposita un alimento bianco zuccherino a cui si attaccano alcuni funghi, creando una fuliggine nera che si infiltra nei rami e nel tronco, bloccando la fotosintesi, preoccupa Milito.

READ  Secondo il FMI, Germania e Italia sono i primi grandi paesi a cadere in recessione nel 2023

Il mondo in cui viviamo è sempre più drammatico. Sembra che gli argomenti siano finiti Il pianeta continua a ribellarsi. “Come i pini di Roma, la vita non ci spezzerà…”, cantava Antonello Venditti, uno dei cantautori più famosi dell’ambiente romano. Forse non più.

Notizie correlate