Dicembre 2, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una serie di incisioni paleolitiche “rare” sono state scoperte in una grotta 14.000 anni fa

Pubblicato:

18 ottobre 2021 10:17 GMT

Questi risultati mostrano riferimenti visivi e culturali condivisi in tutta l’Eurasia, sollevando nuove domande sulle dinamiche delle dinamiche sociali e sulla distribuzione delle immagini iconografiche nel bacino del Mediterraneo durante il Paleolitico.

Un gruppo di ricerca poliedrico ha scoperto significative incisioni paleolitiche all’interno di una grotta durante l’età della pietra sulla costa adriatica della Puglia, parte dell’Italia sudorientale.

Secondo il suo studio, Pubblicato Nell’antico diario, la prima testimonianza di arte rupestre nota come Grotta Romanelli è stata registrata nel 1905. Tuttavia, da quando il team ha iniziato a scavare nel 2016, hanno scoperto una serie “rara” di incisioni che rappresentano una forma geometrica. Come alcune forme zoomorfe, principalmente pavit e uccelli sono figure appartenenti a una tradizione artistica che si estende dalla penisola iberica alla Francia, ma non ancora conosciuta in territorio italiano.

Dall’analisi dei frammenti ritrovati, i ricercatori sono riusciti a identificare un padiglione con corna piene di linee parallele sulla testa e sul dorso e una grande quercia, rara rappresentazione di un uccello ritenuto una specie. Ora estinto. “L’immagine delle alghe è un oggetto molto raro nell’arte paleolitica”, spiegato Dario Sikari, coautore dello studio, ha detto ad ARTnews.

Durante le indagini, gli scienziati hanno trovato diversi profili di scanalatura nelle 31 unità grafiche analizzate, il che suggerisce l’uso di almeno quattro diversi strumenti e tecniche di incisione. Inoltre, hanno applicato dei pennarelli a pigmenti naturali chiamati latte di luna direttamente sulla roccia con le dita.

Sculture e dipinti si trovano in Spagna "Insolito nell'arte paleolitica" Può cambiare la percezione della sua origine

Dati ottenuti durante la datazione al radiocarbonio, si dice che la grotta abbia abitato diverse migliaia di anni tra 14.000 e 11,00 anni fa, fornendo prove dell’esistenza di un “polichimico grafico che registra vari episodi artistici” durante quel periodo.

Queste somiglianze, hanno concluso gli accademici, erano “nuove domande sulle dinamiche delle dinamiche sociali e sulla generalizzazione della teoria del ritratto nel Mediterraneo”.

Se ti piace, condividilo con i tuoi amici!

READ  Sergio Massa presiede il Forum parlamentare latinoamericano contro il terrorismo nel nuovo anniversario dell'attentato AMIA