Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Una stella a 250 milioni di anni luce dalla Terra è stata inghiottita da un buco nero e la NASA è riuscita a vederla

La comprensione dei misteri di questi fenomeni cosmici è in costante aumento.

Non è stato uno, ma molti telescopi a testimoniare quello che potrebbe essere un omicidio cosmico, il cui colpevole era un nuovo buco nero e la vittima una stella innocente. Proprio come un Un gruppo di scienziati lo ha pubblicato sul Digital Astrophysical Journalè stato possibile notare a Un buco nero inghiotte una stella a 250 milioni di anni luce di distanza Dalla Terra, al centro di un’altra galassia. Questo è il Quinta nota che sono stati realizzati da un evento così unico e sono stati scoperti anche grazie al lavoro di Telescopio Nustar.

Grande gravità del buco nero iniziato B colpo di stella che vagava intorno, irradiando raggi X ad alta energia intorno al cratere. Questo aumento ha mostrato ciò che è noto come Coronache è una struttura surriscaldata sopra il buco nero e può essere osservata in entrambi esercizio Come si è evoluto.

È così che un buco nero “rutta” dopo aver inghiottito una stella intera

I buchi neri mangiano le stelle e la NASA li ha visti

Questi processi, che di solito sono chiamati Eventi di disturbo di marea, al servizio della comunità scientifica per capire cosa succede quando un buco nero intrappola la materia e comincia a divorarla. L’unica cosa chiara agli astrofisici è questa buchi neri È anche circondato da gas molto caldoa volte accumulato nel corso di migliaia di anni, formando dei dischi che potrebbe essere di più Luminoso da alcune galassie. Con questa luminosità, nonostante quello che può sembrare, si possono rilevare eventi come il consumo di una stella.

il Eventi di disturbo di marea Noi siamo troppo corta, in termini cosmici, perché può accadere nel giro di poche settimane o mesi. Questo fatto, insieme alle leggi fisiche estreme che si verificano e agli spettacoli di luce che si propagano in tutto l’universo, rende questi eventi qualcosa di straordinario da osservare. Sofia MacellaioCoautore dello studio, afferma:

Gli eventi di disturbo delle maree sono una specie di laboratorio cosmico. È la nostra finestra in tempo reale sull’alimentazione di un buco nero supermassiccio che si trova al centro della galassia.

il È successo Colui che ci ha portato qui è stato chiamato AT2021eb E ha un proverbio l’eroe della storia dopo Un buco nero ha una massa 10 milioni di volte maggiore di quella del Sole. Sembra che un lato della stella più vicina abbia iniziato a squarciarsi, lasciando dietro di sé un filamento di gas caldo come prova. In questi processi vengono generate onde d’urto e luce UVessendo l’ultimo Visibile Per i nostri strumenti di monitoraggio, ad es Telescopi Swift, NICER e NuSTAR. Ci sono molti misteri irrisolti sui buchi neri, ma eventi di questo tipo sono ancora vitali per comprenderli.