Maggio 22, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’allerta è stata lanciata 28 giorni dopo la scomparsa di un giovane cubano a Villa Clara

Giornale delle donne cubane ali sfilacciate Ho lanciato un avviso sulla scomparsa del giovane cubano 28 giorni fa Ynisit Rojas Perezè nato a Ranchoillo, a Santa Clara.

Questo progetto ha diffuso un messaggio urgente che le donne È la madre di una bambina di 10 anni ed è stata vista l’ultima volta il 19 marzo.

Un mese dopo la sua scomparsa, ha invitato le forze di polizia cubane a destinare tutte le risorse che utilizzano alla “sorveglianza e molestie di attivisti pacifici” in questi casi.

“Chiediamo alle forze di polizia cubane, che utilizzano agenti e risorse delle forze dell’ordine per monitorare e molestare attivisti pacifici, ma in questi casi e come ha denunciato il fratello di Yenist, c’è un silenzio inquietante e una mancanza di interesse”. Posta in evidenza.

Di recente, il fratello di Rojas, Yerandi Fleets Perez, ha ammesso che “gli sembra sorprendente che siamo scomparsi a Cuba” e si è lamentato “del fatto che non Le notizie sulla frequenza dei media“.

“Mi sembra incredibile, ad esempio, che i metodi chirurgici utilizzati da Humberto Lopez non vengano utilizzati quando rivela in televisione e nel telegiornale della televisione cubana le sue conversazioni WhatsApp, registrazioni delle chiamate, ecc., come prove inconfutabili contro i “minion spinti dall’imperialismo” (Humbe, lancia una corda contro una madre disperata e una bambina di 10 anni, per favore), per rendere la ricerca più completa, anche se esauriente…”, disse con rabbia.

Ha anche affermato che la famiglia era rimasta senza informazioni per sei giorni sull’andamento delle indagini e del caso. Affermò che “gli sembrava incredibile che si potesse fare molto di più, e molto di più, e non farlo”.

READ  Abbas ordina un attacco diplomatico contro il permesso agli ebrei di pregare nei locali delle moschee

Fleets Perez, che è professore all’Istituto superiore d’arte, oltre ad essere un drammaturgo, ha espresso i suoi timori che il silenzio si sarebbe poi accumulato. Il caso comincia a essere dimenticatoSi chiedeva chi accompagnasse la famiglia in un momento simile.

Decine di utenti hanno risposto al post, con alcuni commenti così: “Come ho detto, le autorità si preoccupano solo della sua continuità Infinito sul trono delle termiti”, e affermano che al regime non interessa più “la priorità precedente dell’umanità dello stato”.

Ynet Rojas Perez, residente nel comune di Ranchuillo, in provincia di Villa Clara, è scomparso da sabato 19 marzo alle 11:00.

Quel giorno lasciò il posto di lavoro e tornò a casa, ma non tornò mai a casa. Indossava una lycra grigia e un cappotto nero a righe bianche.

Sui social network, centinaia di persone da allora si sono risentite per la scomparsa della donna, che molti concordano di descrivere come una brava madre e una figura eccellente.

Aumentano le sparizioni a Cuba, così come le richieste di aiuto da parte dei parenti attraverso i social network, che cercano disperatamente di conoscere la sorte dei loro parenti e data la passività delle autorità nelle perquisizioni.