Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Unisci un paese diviso e proteggi l’Amazzonia

(CNN) – Luiz Inacio Lula da Silva È stato eletto come prossimo presidente del Brasile, in una rimonta a sorpresa dopo un secondo turno ravvicinato Questa domenica. La sua vittoria annuncia un cambiamento politico per il paese più grande dell’America Latina, dopo quattro anni di amministrazione di estrema destra guidata da Jair Bolsonaro.

Il conquistare Il politico 76enne segna il ritorno al potere della sinistra in Brasile e si conclude con il trionfale ritorno di Lula da Silva, dopo che una serie di accuse di corruzione lo hanno portato in prigione per 580 giorni. Successivamente, la Corte di Cassazione ha ribaltato le sentenze, aprendogli la strada alla rielezione.

“Hanno cercato di seppellirmi vivo mentre ero qui”, ha detto domenica sera in un discorso ai suoi sostenitori e giornalisti, descrivendo la vittoria come la sua “missione” politica.

“Dal 1 gennaio 2023 governerò 215 milioni di brasiliani, non solo quelli che hanno votato per me. Non ci sono brasiliani. Siamo un grande paese, popolo e nazione”, ha aggiunto.

Lula assumerà la guida in un paese con una significativa disuguaglianza che sta ancora lottando per riprendersi dalla pandemia di COVID-19. Circa 9,6 milioni di persone sono scese al di sotto della soglia di povertà tra il 2019 e il 2021 e i tassi di alfabetizzazione e iscrizione scolastica sono diminuiti. Affronterà anche una nazione profondamente fratturata e pressanti questioni ambientali, inclusa la dilagante deforestazione in Amazzonia.

Questo sarà il suo terzo mandato, dopo aver governato il Brasile per due mandati consecutivi tra il 2003 e il 2010.

I sostenitori di Lula da Silva reagiscono mentre aspettano i risultati in Avenida Paulista, San Paolo, Brasile, il 30 ottobre 2022.

La nuova ondata di sinistra

La vittoria di Lula domenica è stata l’ultima vittoria di Lula Onda attraverso l’America LatinaDopo le recenti vittorie dei politici di sinistra in Argentina, Colombia e Cile. Ma Lula da Silva, un ex leader sindacale di estrazione operaia, ha cercato di rassicurare i moderati durante la sua campagna.

Ha costruito un’ampia coalizione di vari politici di centrodestra e centrodestra, inclusi gli storici oppositori del PSDB, il Partito socialdemocratico brasiliano. Tra questi politici c’è il suo vice, l’ex governatore di San Paolo Geraldo Alcmin, citato dal campo di Lula come garanzia di moderazione nella sua amministrazione.

READ  I ministri degli Esteri cubano e argentino firmano accordi di cooperazione
Lula: È necessario ricostruire questo Paese 4:30

Durante la campagna elettorale, Lula da Silva era riluttante a mostrare le sue carte quando si trattava di definire una strategia economica, una tendenza che gli è valsa pesanti critiche da parte dei suoi rivali. Chi è l’altro candidato ministro dell’Economia? Non c’è nessuno, non dice. Quale sarà il suo percorso politico ed economico? Più modalità? bassa statura? Bolsonaro ha detto durante una trasmissione in diretta su YouTube il 22 ottobre.

Lula da Silva ha detto che avrebbe fatto pressioni sul Congresso affinché approvi una riforma fiscale che esenta le persone a basso reddito dal pagamento dell’imposta sul reddito. La sua campagna ha ricevuto una spinta dall’ex candidato presidenziale centrista Simone Tibet, che è arrivato terzo al primo turno all’inizio di questo mese e ha dato a Lula da Silva la sua spinta al secondo turno. Tebet, nota per i suoi legami con l’industria agricola brasiliana, ha dichiarato in una conferenza stampa il 7 ottobre che Lula da Silva e il suo team economico “hanno ricevuto e integrato tutte le nostre proposte di programma nel programma del loro governo”.

Ha anche ricevuto il sostegno di molti famosi economisti molto apprezzati dagli investitori, tra cui Arminio Fraga, l’ex capo della Banca centrale brasiliana.

I sostenitori di Lula da Silva reagiscono mentre si riuniscono il giorno del secondo turno delle elezioni presidenziali brasiliane, a Brasilia, in Brasile, il 30 ottobre 2022.

unire un paese diviso

Lula da Silva ha ricevuto più di 60 milioni di voti, il massimo nella storia brasiliana, battendo il suo stesso record dal 2006.

Ma nonostante l’elevata affluenza alle urne, la sua vittoria è stata ristretta: Lula ha ricevuto il 50,90% dei voti e Bolsonaro il 49,10%, secondo l’organo elettorale brasiliano.

La sua più grande sfida ora potrebbe essere quella di unire un paese politicamente fratturato.

Ore dopo l’annuncio dei risultati, Bolsonaro non ha ammesso la sconfitta né ha rilasciato alcuna dichiarazione pubblica. Nel frattempo, i video sui social media mostravano i suoi sostenitori che bloccavano le autostrade in due stati per protestare contro la vittoria di Lula.

READ  Migliaia manifestano in diverse città americane per il diritto di voto - Telemundo San Antonio (60).

“Non partiremo finché l’esercito non avrà preso il controllo del Paese”, ha detto un sostenitore di Bolsonaro in un video girato nello stato meridionale di Santa Catarina.

Analisi del secondo turno elettorale in Brasile 6:20

Carlos Mello, professore di scienze politiche all’Insper, un’università di San Paolo, ha affermato che Lula dovrà cercare il dialogo e ricostruire relazioni. “Il presidente può essere uno strumento importante per questo fintanto che non è interessato solo a prendere di mira la sua base di elettori”, ha detto.

Thiago Amparo aggiunge che con oltre 58 milioni di voti espressi per il suo sfidante, Bolsonaro, sostenuto dall’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, Lula dovrà stringere “alleanze pragmatiche” con parti del centro e della destra che hanno accettato le politiche del suo predecessore. , Professore di Diritto e Diritti Umani presso la FGV Business School di San Paolo.

Allo stesso tempo, ha aggiunto Amparo, deve soddisfare le aspettative dei fan. “Molti elettori sono andati al ballottaggio con trepidazione, non solo per sbarazzarsi di Bolsonaro, ma con ricordi di tempi economici migliori durante le precedenti amministrazioni Lula”.

Molti staranno a guardare per potenziali modifiche alla legge sulla riforma del lavoro del 2017, che ha sottoposto più diritti e benefici dei lavoratori alla negoziazione con i datori di lavoro e ha reso facoltativi i contributi sindacali. Lula da Silva aveva precedentemente affermato che avrebbe abrogato la legge, ma di recente ha cambiato l’atto in “revisione” dopo le critiche del settore privato.

Amparo avverte che l’attuazione della tua agenda può essere una battaglia in salita, specialmente con un Congresso ostile. Amparo sottolinea che i seggi che appartenevano alla destra tradizionale sono ora occupati dall’estrema destra, che non è aperta alla trattativa e non è facile da affrontare.

Nelle ultime elezioni il partito liberale di Bolsonaro ha aumentato il numero dei suoi deputati alla Camera da 76 a 99, mentre al Senato è raddoppiato da sette a 14. Anche il Partito Operaio di Lula da Silva ha aumentato il numero dei suoi deputati da 56 a 68 membri del Senato. Da sette a otto, ma in generale, i politici con tendenze conservatrici domineranno il prossimo stato.

READ  L'Avana e Washington intensificano il loro impulso diplomatico alla vigilia del Vertice delle Americhe | internazionale

Quell’attrito richiederà qualche compromesso, afferma Camila Rocha, politologa del Cebrap Research Center. Il Partito Liberale [de Bolsonaro] Avrà il maggior numero di rappresentanti e alleati importanti e presenterà una vera opposizione al governo, il Partito Laburista [de Lula da Silva] Dovrai stringere un’alleanza con União Brasil [partido de derecha tradicional] Essere in grado di governare e questo significa negoziare ministeri e posizioni chiave”.

Un sostenitore di Lula da Silva reagisce quando incontra altri sostenitori il giorno del secondo turno delle elezioni presidenziali brasiliane, a Brasilia, Brasile, il 30 ottobre 2022.

L’Amazzonia e la leadership climatica

Nel frattempo, gli ambientalisti terranno d’occhio l’amministrazione di Lula da Silva, che è responsabile del governo non solo per la nazione, ma per le più grandi riserve forestali del pianeta.

Con la distruzione della vasta foresta pluviale amazzonica che ha raggiunto livelli record sotto la presidenza di Bolsonaro, Lula da Silva ha affermato ripetutamente durante la sua campagna che cercherà di ridurre la deforestazione. Ha affermato che la protezione della foresta potrebbe produrre alcuni vantaggi, indicando le industrie farmaceutiche e di bellezza come potenziali beneficiari della biodiversità.

In un’intervista con la stampa estera ad agosto, Lula da Silva ha chiesto una “nuova governance globale” per affrontare il cambiamento climatico e ha sottolineato che il Brasile dovrebbe svolgere un ruolo centrale in tale governance, date le sue risorse naturali.

Secondo il capo del piano del governo Lula da Silva, Aloysio Mercadante, un’altra tattica sarebbe quella di creare un gruppo comprendente Brasile, Indonesia e Congo prima della COP guidata dalle Nazioni Unite nel novembre 2022. Il gruppo mira a fare pressione sulle nazioni ricche per finanziare la protezione delle foreste, in quanto nonché delineare strategie per il mercato globale del carbonio.

Elezioni in Brasile: quale Paese erediterà il prossimo presidente? 1:01

Diversi esperti hanno detto alla CNN che ritengono che la sua posizione sulle questioni ambientali e climatiche potrebbe segnare un nuovo inizio nelle relazioni internazionali del Brasile.

Per Amparo, la protezione dell’ambiente potrebbe essere un trampolino di lancio per la leadership mondiale del Brasile, un cambiamento importante dopo che Bolsonaro ha avvertito il mondo di non interferire con la distruzione della foresta pluviale amazzonica. “Lula cercherà di riportare il Brasile sulla scena internazionale come una forza da non sottovalutare quasi altrettanto trasformativa”, ha detto.

“Possiamo aspettarci che un governo parli di nuovo al mondo, soprattutto con una nuova posizione nel campo ambientale”, ha affermato Milo, ricercatore di Insper.

Rodrigo Pedroso e Julia Vargas-Jones della CNN hanno contribuito al reportage.