martedì, Luglio 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Universal, Sony e Warner fanno causa alle società di intelligenza artificiale Suno e Udio per aver addestrato i loro modelli su canzoni protette da copyright

La Recording Industry Association of America (RIAA), di cui fanno parte Universal Music Group Recordings, Sony Music Entertainment e Warner Records, ha citato in giudizio Suno e Udio per aver addestrato i loro modelli di intelligenza artificiale (IA) su brani originali protetti da copyright presenti nei loro cataloghi. Suno AI e Udio sono piattaforme gratuite per la creazione di musica e la conversione del testo in musica ancora disponibili in versione beta. Entrambi offrono una versione gratuita, con alcune limitazioni, oltre a diversi piani di pagamento. I membri della Recording Industry Association degli Stati Uniti hanno intentato una causa contro ciascuna di queste società, accusandole di violare e sfruttare i diritti d’autore di artisti firmati sotto etichette come Universal Music Recordings, Sony Music Entertainment e Warner Records senza permesso. La causa contro Suno, lo sviluppatore di Suno AI, è stata intentata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto del Massachusetts, mentre la causa contro Udio AI, sviluppata da Uncharted Labs, è stata archiviata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di Massachusetts. New York. Secondo la RIAA, che ritiene che questi servizi “frustrino la promessa di un’intelligenza artificiale veramente innovativa” ritenendo “giusto” copiare il lavoro di un artista e sfruttarlo a proprio vantaggio, queste affermazioni si riferiscono a musicisti di molteplici generi, stili ed età. In cause molto simili, le suddette etichette discografiche e altre come Atlantic e Capitol Records sottolineano che il contenuto utilizzato da Suno e Udio per addestrare i loro modelli di intelligenza artificiale proviene da registrazioni protette da copyright che sono state riprodotte senza il permesso di tali etichette. Secondo i ricorrenti, Sono “non avrebbe potuto costruire un modello in grado di produrre un suono molto simile alle registrazioni protette da copyright senza la procedura iniziale di copia di tali registrazioni”, come affermato nella denuncia. Questo perché la sua intelligenza artificiale prima “trascrive enormi quantità di registrazioni audio”, quindi “pulisce” i file trascritti per rimuovere dati duplicati o di bassa qualità, quindi elabora le informazioni raccolte per “perfezionare” il suo modello di intelligenza artificiale”, quindi potenzialmente richiedendo copie aggiuntive delle registrazioni audio raccolte. In questo senso, i querelanti sostengono che Suno “spesso produce risultati che assomigliano molto a registrazioni protette da copyright”, come hanno visto in canzoni come “Deep down in Louisiana to New Orle” – con un testo molto simile a “Johnny B. Goode”. . “, di Chuck Berry – o “One, Two, Three O’Clock”, presumibilmente addestrato a “Rockaround The Clock”, di Bill Haley & His Comets. L’associazione ritiene che “questa violazione non può essere risolta semplicemente alleviando la modifica del modello o implementare barriere tecniche che rendano improbabile che i risultati corrispondano a estratti di registrazioni protette da copyright. ” UDIO utilizza la stessa procedura Nella causa contro Udio, le case discografiche sottolineano che l’addestramento dei loro modelli di intelligenza artificiale è lo stesso di quello di Suno, con A. compilazione massiccia che prevede la copia o il download diretto di brani da fonti digitali dopo averli “puliti” e generato una serie di valori per i parametri che compongono il suo modello. Tuttavia, i ricorrenti insistono sul fatto che questo “non è la stessa cosa di pubblico dominio” e sottolineano che “il fatto che i cataloghi delle registrazioni protette da copyright dei querelanti siano pubblicamente disponibili non significa che nessuno possa copiarli e sfruttarli commercialmente”. piattaforma dopo aver inserito il testo della canzone The Temptations in una casella di testo. Pertanto, la canzone platform “riflette una serie di somiglianze, inclusa una melodia molto simile, gli stessi accordi e ritornelli molto simili” con quella della canzone del suddetto gruppo “My Girl”. La stessa cosa accade con “Uncosciente Hysteria”, simile a “American Idiot” dei Green Day, tra gli altri esempi. La Recording Industry Association degli Stati Uniti alla fine ha stabilito che queste denunce mirano a far sì che entrambi i servizi ammettano di violare registrazioni audio protette da copyright, attuino misure precauzionali per prevenire tali azioni in futuro e riconoscano i danni per le violazioni. Cosa che effettivamente è accaduta.

READ  Estopa annuncia l'uscita di “El día que tú te Marches”, la loro prima canzone in cinque anni.
Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles