Maggio 16, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno chef compra una casa in Italia per un euro e poi l’ha dovuto ripagare per un motivo sorprendente | Fuori dal comune

La carenza di lavoratori nel settore edile non era solo di Porto Rico, e il famoso chef Danny McCabe era così ben informato che ha dovuto ripagare una casa dei sogni che aveva comprato in Sicilia per un euro che non poteva ricostruire. Quando necessario dal governo locale.

È anche uno dei rinomati chef australiani che ha utilizzato la tecnica della vendita di immobili a prezzi bassissimi per convincere molte città italiane a reinsediare i loro centri urbani. Storia e cultura circostante.

Tuttavia, McCubbin non si aspettava che l’Italia concedesse agevolazioni fiscali alle famiglie che hanno ristrutturato le proprie case, tenendo conto dei cambiamenti in corso per ridurre l’impatto sull’ambiente e costruire strutture in grado di resistere all’impatto dei terremoti.

La mossa fiscale ha stimolato il sostentamento per i lavoratori edili in tutto il paese, che sono affamati di lavoro in aree come la Sicilia perché hanno bisogno di più delle loro competenze in città densamente popolate.

È il caso di uno chef che per quasi un anno non ha trovato nessuno che lavorasse nella sua proprietà situata nel quartiere storico della città siciliana di Mussomely.

“È stato molto difficile trovare un edificio, la casa è peggiorata nel tempo. Quando ho finalmente trovato un’impresa edile, ristrutturarla costava già il doppio. Ho deciso che non ne valeva più la pena”, ha detto McCabin. Intervista recensita dal New York Journal.

Il disperato tentativo non ha smorzato la voglia del cuoco, che abitava vicino al Mar Mediterraneo, così è tornato a casa e si è trasferito in un’altra casa, sempre a Muzomali. Tuttavia, in questo caso, il costo è di 8.000 euro.

READ  Frank Ribery, leggenda del calcio mondiale, firma per la Salernitana

In quest’altra casa, McCabe ha scoperto i muratori che avevano svolto il lavoro necessario per riordinare la casa, permettendogli di aprire una cucina comunitaria in City Square e servire cibo alle famiglie vulnerabili della zona.

“Mi sono stabilito qui a fine dicembre 2020. Ho sempre voluto vivere in Sicilia. I miei genitori amavano la campagna, quindi sono rimasto stupito da ciò che mancava a Mussomeli e ho avuto l’idea di The Good Kitchen”, ha raccontato spiegato.

Ottieni maggiori informazioni su questa e altre notizie. Clicca qui se sei un utente Androide O I phone.