Novembre 28, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno spazio interattivo dove la scienza e la tecnologia battono | Esposizione

A due anni dall’inizio della pandemia con proposte ipotetiche, il Centro interattivo per la scienza e la tecnologia (CICyT) Abremate, che opera presso l’Università Nazionale di Lanús (UNLa), ha riaperto le sue porte per le visite familiari e scolastiche. Lo spazio si terrà sabato prossimo, a 21 anni dalla sua nascita, spinto dal presupposto del “diritto alla conoscenza” di cui gode l’intera società. L’Abremate dispone di una sala espositiva aperta alla comunità, con sessantatré unità (unità di interazione ludica). Con l’ingresso gratuito e la partecipazione di tredici insegnanti guida, i visitatori possono attraversare le trasformazioni della scienza e della tecnologia ripercorrendo la storia attraverso culture diverse.

Ospitato in un edificio di 2.000 metri quadrati in 5600 Avenida Hipólito Yrigoyen, a Remedios de Escalda, il Museo Abremate è diventato, nel corso della sua storia, un punto di riferimento per colmare il divario tra le scienze sociali e naturali. “La questione dell’eliminazione dei divari o dei divari tra le diverse aree specialistiche ha a che fare con uno degli obiettivi principali sia dell’UNLa che dell’Abremate e si basa anche sul fatto che tutte le lingue sono integrate, integrate e interagiscono quando si tratta di apprendimento”, ha spiegato all’Estensione dell’Università Susana Espinosa, Direttrice del Centro. La sede dispone di una sala espositiva con sette settori storici, attraverso i quali si realizzano visite guidate e percorsi tematici. Nello specifico, i periodi storici mostrati sono gli antichi imperi d’oriente, gli imperi d’occidente, il medioevo, il rinascimento, l’era moderna, l’era contemporanea e la nostra era. Convinto che il principale meccanismo educativo a favore dell’alfabetizzazione scientifica sia l’interazione, Abremate invita i visitatori a giocare con unità di fisica, chimica e biologia, andando oltre il mero esempio speculativo. “Credo che la creatività e l’inclusività, con la libertà che consente a tutti l’opportunità di imparare attraverso la pratica, attraverso il gioco, sia il percorso inevitabile che la nostra società deve seguire con impegno e assoluta priorità”, ha affermato Espinosa, laureato in amministrazione dell’istruzione e medico di filosofia.

READ  Sony acquista Bungie, creatore degli studi in franchising "Destiny" e "Halo", per integrarlo nei PlayStation Studios | videogiochi | intrattenimento

Le visite, a cui partecipano soprattutto ragazzi e ragazze dai 7 ai 15 anni, portano solitamente a future professioni. La pandemia ha impedito che questi tour venissero presi di persona, ma l’università ha continuato a proporre ipotetiche proposte. Per due anni, le attività online sono consistite in “loop di conversazioni” in cui specialisti di diversi settori hanno partecipato a brevi materiali audiovisivi di cinque minuti per spiegare fenomeni tecnologici e scientifici.

Il colossale porticato è stato riportato in vita e le sfide si rinnovano. “Vogliamo tornare a fare mostre itineranti in tutta l’Argentina e nei paesi vicini. Per riprendere scambi di questo tipo, loro di Abremate hanno stabilito contatti con comuni, direzioni culturali, università e musei in tutto il paese. Inoltre, stanno lavorando per organizzare un corso di conversazioni online per il secondo semestre.Con eminenti personalità di musei interattivi di tutto il mondo, Espinosa ha affermato: “La cosa più importante sarà lavorare di nuovo sodo per accedere alla conoscenza in modo interattivo per democratizzare scienza e tecnologia da diversi campi di lavoro”.