Maggio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Uno specchio sarcastico che è imbarazzante da guardare – Caribbean Channel

“Il cielo scenderà e il re deve saperlo. Affrettiamoci a dare la notizia!” Colmare il divario, ecco come inizia non cercare (in spagnolo, non cercare), il nuovo film Netflix di tendenza in questi giorni: una studentessa di dottorato e il suo insegnante scoprono una cometa lunga un chilometro, confermata al 100% in collisione con la Terra, in soli sei mesi. È così che, come Polito Beto, cerca di allertare tutti sul grande pericolo che sta in agguato. La risposta del mondo: E…?


La commedia nera è stata presentata in anteprima il 24 dicembre ed è scritta e diretta da Adam McKay Ha lo scopo di illustrare le diverse potenziali reazioni che notizie come questa possono innescare negli attuali tempi di globalizzazione, iperconnettività e polarizzazione estrema. Nelle parole dello stesso regista, il suo obiettivo è: dimostrare l’incapacità politica e sociale di ascoltare i fatti scientifici, come nella vita reale, sul riscaldamento globale.

“MacKay è arrabbiato per la retorica dei media, per il modo in cui le notizie sono state trasformate in informazioni caloriche vuote, ed è arrabbiato per come un disastro come la pandemia sia stato politicizzato a morte (…) Odia i social media, però, chi può Lui teme che il gusto per il tap e la cultura delle celebrità abbia infettato tutto.Un articolo di giornale argentino dice: “Odia che il concetto stesso di realtà sia diventato una questione di parte”. Nazione.

Con un cast di lusso guidato da Jennifer Lawrence e Leonardo DiCaprio, che interpretano Kate Dibaschi e Randall Mindy, scopritori della Grande Meteorite, e supportati da altre figure famose della Settima Arte come Meryl Streep, Mark Rylance, Cate Blanchett, Jonah Hill, Timothée Chalamet e la cantante Ariana Grande, Il testo riesce a penetrare la superficialità con cui si affronta la “notizia seria” (che si intreccia con umorismo e risate); Campagne sui social media Pink Press. e il potere, il controllo e l’influenza delle grandi aziende tecnologiche della Silicon Valley su individui e governi.

READ  Alcune delle sorprese di Spider-Man: No Way Home non sono state "legate" fino a metà delle riprese

È quasi impossibile navigare sul web o sui social network senza trovare un accenno a questo nuovo Rivelarsi Hollywood. Il film è stato ben accolto dalla comunità scientifica e da un vasto pubblico identificato nella fascia di età degli attori composta da diverse generazioni.

Tuttavia, nonostante l’alto punteggio che ha ottenuto flusso Dalla sua uscita, il lungometraggio ha avuto critici, principalmente critici professionisti. Ad esempio, un articolo nella versione spagnola del giornale indipendente puntando a:

Bad Streep, così come Rylance, la cui meschina e disastrosa interpretazione sembra pregare i suoi amici del mondo del teatro di offrire un intervento. E per la commedia, forse il suo più grande insulto sono le quasi senza risate (…) le aspirazioni comiche di non cercare Sono chiari: le battute sono continue e non divertenti come se fossero un gruppo di roditori sulla parete di un dirupo”.

Il giornalista peruviano, Rodrigo Escora, concorda sul fatto che, nonostante sia stato in grado di trasmettere il suo messaggio critico alla sfera politica degli Stati Uniti, “non cercare Sembra una sitcom con un budget elevato per uno show televisivo americano a tarda notte, tipo Sabato sera in diretta. È carino e utilizza il suo unico strumento di giudizio così rapidamente che, anche se non è completamente noioso, ti fa guardare l’orologio per vedere quanto tempo starai in piedi”.

D’altra parte, la rivista Cile cultura te stesso Afferma: “Il film ha una premessa interessante, ma la spreca con espedienti idioti che ripete nauseante, il che non funziona. Inoltre, il numero di sottotrame è esagerato, che sembra una sfilata di volti famosi, non contribuisce a la performance, ma solo come gancio.Attraente per un cast da spaccone.

READ  Rosario e Suzu parlano a 'L'isola delle tentazioni' dopo il suo momento di passione con Simone | Cinema e televisione

Successivamente la sceneggiatura afferma che “in una storia distopica, con il contesto apocalittico, non puoi cadere in queste sciocchezze ripetitive, minimizzando questioni serie, quindi il film perde una grande opportunità per tirare fuori il meglio, ma quello che fa è inondare la capitale”.

In risposta alle critiche, i social network, in particolare Twitter, sono tornati ad essere un campo di battaglia per i sostenitori del film, che ovviamente include i suoi creatori. La complessità del dibattito sulla difesa audiovisiva non è altro che rafforzare una delle premesse del film, c’è un’estrema polarizzazione di idee, norme e ideologie, quindi non possiamo ascoltare l’altro senza sentirci offesi.

In questo caso particolare si è confuso il valore artistico ed estetico dell’opera e si sottovaluta la giusta causa che il regista intende difendere con la sua équipe. Un articolo di giornale lo spiega accuratamente indipendente:

“Ci sono film perfettamente ragionevoli e dignitosi che possono andare molto male, così come film eccellenti che a volte possono contenere elementi problematici. Non si tratta di scegliere l’uno o l’altro. Lo squalo era un film che trasmetteva eloquentemente la frenesia dell’intransigenza del governo di fronte a una crisi di sicurezza pubblica. E si è scoperto. È anche molto divertente da guardare. Tuttavia, è insensibile confondere l’avversione per i meriti creativi del film con l’opposizione al suo messaggio indiscutibilmente accettato”.

Questo film ha tutti gli ingredienti necessari per il successo al botteghino: un cast stellato, un appeal visivo che fa appello esteticamente al linguaggio audiovisivo dei social network, la sorpresa delle celebrità, il richiamo all’attivismo, il richiamo ai valori tradizionali ​contro interessi aziendali, meme, ecc.

READ  Guillermo del Toro sbatte i cambiamenti agli Oscar 2022: "Non dovremmo mai farlo"

Tuttavia, non possiamo perdere di vista non cercare È la figlia di Hollywood e quindi la formula del mercato le scorre nelle vene. Il giornalista spagnolo Pascual Serrano nel suo articolo Condizioni di un film di successo che critica il capitalismo Lo spiega in dettaglio:

“(…) è importante poter notare le crepe nel loro discorso rivoluzionario non rivoluzionario, guardare nelle trappole per farci credere che sono più sovversivi di quanto non siano, e che non perdiamo di vista il buchi attraverso quegli schemi mentali reazionari o trasparenti che si insinuano senza prendere nota, e non dimentichiamo che il film finisce sempre per essere innocuo per il sistema”.

Se c’è una cosa su cui siamo tutti d’accordo sul film non cercare Non lascia nessuno indifferente. Con più successi da perdere, Adam McKay ci mette davanti uno specchio satirico che è imbarazzante da guardare in quanto riporta il vero riflesso non filtrato di una comunità globale più significativa di Riley Pena e la disintegrazione di DJ Cello, cosa che lui stesso ha finito per fare .

Naturalmente, abbiamo lo stesso dubbio: perché il generale ha accusato gli scienziati di biscotti gratuiti alla Casa Bianca?



https://www.youtube.com/watch?v=teUCOUEwf8g