Febbraio 9, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’ultima partita per togliere l’ombra di Maradona

In caso di dubbio, era lo stesso Leone Messi La persona che ha avuto il compito di confermarlo dopo la vittoria sulla Croazia. est Sarà il suo ultimo Mondiale, quindi il suo addio sarà niente meno che la finale di domenica 18 dicembre (16:00) contro la Francia in una partita in cui proverà a dare il tocco finale a una carriera leggendaria, quella di uno dei migliori giocatori in storia. Per molti, sì, è davvero il migliore di tutti i tempi qualunque cosa sia accaduta durante i tre giorni al Lusail Stadium in Qatar.

“Sono orgoglioso di poter concludere il mio viaggio in Coppa del Mondo giocando questa finale, quello che sto affrontando è entusiasmante. Domenica sarà la mia ultima partita di Coppa del Mondo”, la stella argentina confermata nella zona mista dopo la vittoria sui Balcani, che ha qualificato l’Albiceleste per un’altra finale, che è la sesta nella sua storia, Il secondo è Lionel Dopo quello sfortunato ricordo di lui quando l’Argentina perse ai supplementari nel 2014 in Brasile contro la Germania con un gol di Götze.

Messi È stato il miglior giocatore del torneoma questa non era una consolazione per lui, ossessionato dall’idea di regalare al suo paese la Coppa del Mondo come fece all’epoca Diego Armando Maradona, la persona a cui viene spesso paragonato e che desidera eguagliare… ed eccellere.

E proprio nel primo Mondiale dalla morte di El Pelusa, poco più di due anni fa, quando Leo ha potuto realizzare il suo sogno a lungo accarezzato. La sua ossessione, appunto. Dopo aver vinto tutto separatamente – Come evidenziato da sette palline d’oro – Come a livello di clubCon quattro Champions League e un numero infinito di titoli, è stato scelto come la spina dorsale della squadra. Ci riesce con la maglia del suo paese.

La scorsa estate è stata un’anteprima di ciò che potrebbe accadere. Dopo, dopo Anni di frustrazione vestiti da uova E anche ricevendo critiche perché le sue prestazioni non erano le stesse con la nazionale come con il Barcellona, ​​​​Messi è stato finalmente in grado di alzare un trofeo importante per il suo paese. era nel passato Copa America e contro l’eterno rivale, il Brasile, al Maracanã. L’obiettivo era Di Maria, ma “10” è stato riconosciuto all’unanimità come il miglior giocatore del torneo dopo essere stato capocannoniere del torneo (quattro gol) e assistente (con cinque gol).

essi Partenza improvvisa da Barcellona Sembra indicare la ritirata del giocatore. È stato difficile per lui adattarsi a Parigi, a una nuova squadra, a compagni diversi, a un ambiente che non ruotava attorno alla sua personalità. Ma Messi si è adattato, forse anche grazie alla tranquillità che quel titolo gli ha dato con la sua squadra, ed è arrivato al Mondiale in ottima forma… e mentalmente.

In Qatar si è visto un Messi completamente diverso. Leader assoluto della sua squadra, i suoi compagni lo adorano, lo idolatrano. Lontano da quell’immagine di persona calma e serena, che va chiamata più fresco Ha continuato a lasciare una frase per la storia del calcio: “Cosa stai guardando, idiota?”ha sparato all’olandese Wout Werghost in area mista dopo la partita più calda di questo Mondiale, quella che ha portato alla vittoria ai rigori contro l’Olanda nei quarti di finale.

Messi si sente forte, capitano. La pressione non è più un ostacolo, è una motivazione. La sua ossessione è alzare la Coppa del Mondo Ed è pronto a guidare l’Argentina, a lasciarsi alle spalle l’ombra di Maradona.

READ  Rangers - Lipsia Live | Lega Europea