Ottobre 20, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Utenze, cibo e bevande alcoliche, i cui prezzi sono aumentati maggiormente a settembre

Servizi pubblici, cibo e bevande alcoliche, che sono saliti di più a settembre EFE / EDUARDO CAVERO / Archivio

Juan Daniel Oviedo, direttore del Servizio statistico amministrativo nazionale, ha rivelato che la variazione annua dell’indice dei prezzi al consumo (IPC) è stata del 4,51% durante il mese di settembre. La spiegazione di questo comportamento, secondo Dane, è associata a un aumento mensile del 5,37% dei prezzi dei prodotti alimentari e delle bevande analcoliche.

Quello che preoccupa di questi comportamenti è che l’economia familiare ne risente direttamente perché l’aumento dei prezzi fa comprare di meno chi ha soldi e nel caso di famiglie deboli e povere apre un divario più ampio che può aumentare il reddito e i livelli di povertà.

Oviedo ha indicato che il risultato mensile per il mese di settembre coincide con le aspettative degli analisti di mercato che si aspettavano un risultato tra 0% e 0,45%. Cibo fuori casa, acqua ed elettricità hanno aumentato l’inflazione Mentre 12 punti fondamentali sono stati sollevati nelle iscrizioni e nell’ammissione alle professioni tecniche, tecnologiche e universitarie.

nel mese di settembre, Sono stati registrati aumenti di prezzo Nelle sottocategorie, banane (9,00%), manioca per consumo domestico (5,04%) e caffè e prodotti a base di caffè (4,81%).

In un’intervista a Portafolio, Carlos Sepulveda, Preside di Economia dell’Universidad del Rosario, ha spiegato che tale comportamento “un aumento generale dei prezzi incide sui consumi (domanda) e mette sotto pressione anche gli indicatori di povertà (i panieri alimentari di base sono più costosi e ulteriori nuclei familiari non possono accedere).

Le maggiori diminuzioni dei prezzi sono state registrate nelle sottocategorie del bianco (-5,85%), dell’arancio (-3,72%) e del riso (-3,60%). Il dipartimento dell’Istruzione ha registrato una variazione mensile del -2,30%, che è la variazione mensile più bassa.

foto d'archivio.  Un uomo compra frutta e verdura a Cali, Colombia, 4 gennaio 2018. REUTERS/Jaime Saldariaga
foto d’archivio. Un uomo compra frutta e verdura a Cali, Colombia, 4 gennaio 2018. REUTERS/Jaime Saldariaga

Inoltre, partizione Alimenti e bevande analcoliche hanno registrato una variazione da inizio anno del 12,21%, che è la variazione più alta dell’anno fino ad oggi. Inoltre, Gli aumenti di prezzo più elevati sono stati registrati nelle sottocategorie di patate, oli commestibili e carote.

READ  L'Agenzia internazionale per l'energia avverte che la transizione verso l'energia pulita è "troppo lenta" | DW

D’altra parte, il più grande calo dei prezzi è stato registrato in Sottocategorie di arracacha, patate e altri tuberi, cipolle e riso. La divisione ristoranti e hotel ha registrato una variazione da inizio anno del 6,15%, la seconda più alta varianza da inizio anno. Andamento annuo dell’indice dei prezzi al consumo (4,51%) Ciò è stato spiegato principalmente dalla variazione annuale nelle divisioni cibo, analcolici, alloggio, acqua, elettricità, gas e altri combustibili.

I maggiori aumenti di prezzo per i pasti di sottocategoria sono stati registrati nei servizi al tavolo e nei self-service (8,33%) bevande calde (7,53%) e pasti preparati fuori casa per il consumo immediato (6,44%).

In questo senso, Il calo maggiore dei prezzi si è registrato nella sottocategoria dei servizi di alloggio in alberghi, pensioni, ostelli, ostelli e motel (-3,93%). La Direzione Informazione e Comunicazione ha registrato una variazione annua del -5,95%, che è la variazione annua più bassa. Inoltre, nel nono mese, gli aumenti di prezzo più bassi sono stati registrati nelle sottocategorie di apparecchiature mobili, apparecchiature simili e riparazione (-13,83%), servizi di comunicazione fissa e mobile e fornitura di Internet (-5,36%).

Per regione, l’inflazione più alta si è verificata a Cúcuta (0,79%), mentre Ibagué ha registrato la più bassa (-0,04%). Per il direttore della Danimarca, l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari è necessariamente legato ai movimenti di sciopero nazionale: “Negli alimenti e nelle bevande analcoliche, le uova a seguito dello sciopero nazionale hanno generato un’inflazione mensile positiva per diversi mesi, tuttavia, a settembre, hanno contribuito negativamente di cinque punti base insieme al riso di tre punti base”.

Continuare a leggere: