Maggio 23, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vargas Llosa ha continuato a scrivere durante la sua degenza in ospedale a causa del virus Corona

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Buenos Aires (AFP) – Lo scrittore peruviano-spagnolo Mario Vargas Llosa, 86 anni, ha continuato a scrivere anche quando è stato ricoverato in ospedale per complicazioni dovute al Covid-19 due settimane fa a Madrid, ha rivelato lo stesso autore questa domenica alla Fiera del Libro di Buenos Aires.

“Non ho mai smesso di scrivere articoli, nemmeno nelle situazioni più difficili”, ha detto Vargas Llosa, premio Nobel per la letteratura nel 2010, a proposito della sua ultima pubblicazione sulla stampa, una recensione di Cervantes al libro. Santiago Muñoz Machado, Direttore dell’Accademia Reale di Lingua Spagnola.

L’autore di “The City and the Dogs” ha dichiarato: “Ho lavorato molto su questo articolo, perché faremo una presentazione all’Accademia. Alla fine l’ho scritto in clinica, dove non c’era presentazione”, Green House ”, “Conversazione in Cattedrale” e “La Fiesta” del Chivo”, tra decine di romanzi, opere teatrali e articoli.

In un’intervista con l’argentino Jorge Fernandez Diaz, Vargas Llosa ha spiegato che ha dovuto essere ricoverato in ospedale perché ha perso il respiro a causa del virus Corona.

“E ‘stata solo un’esperienza di 24 ore, ma molto dolorosa. Ricordo quanto sia stato liberatorio quando mi hanno messo in ossigeno”, ha detto.

Vargas Llosa è a Buenos Aires da giovedì scorso. Venerdì ha lanciato il concorso di racconti alla Fiera del Libro e questa domenica ha presentato il suo ultimo libro, “The Still Look” sullo scrittore spagnolo Benito Perez Galdos.

Lunedì parteciperà a una cena per la Fondazione Libertad a Rosario, insieme all’ex presidente di destra Mauricio Macri (2015-19) e ad altri leader politici dell’opposizione argentina.

READ  HBO annuncia la premiere della terza stagione di Barry

Per scrivere quest’ultimo libro, Vargas Llosa si è dedicato per 18 mesi, nel mezzo dell’epidemia, alla lettura di tutta l’opera di Pérez Galdós, secondo quanto da lui stesso indicato.

Infine, riguardo al suo lavoro, Vargas Llosa ha sottolineato: “Scrivo sempre romanzi. A volte non pubblico romanzi e li conservo. Ma non smetto mai di scrivere romanzi”.

Vargas Llosa è l’ultimo rappresentante vivente del boom in America Latina, dove si sono uniti anche il colombiano Gabriel García Márquez, l’argentino Julio Cortázar e il messicano Carlos Fuentes. L’anno scorso è stato eletto membro dell’Accademia francese della lingua.