Agosto 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Venticinque anni da quando JK Rowling ci ha rivelato la Piattaforma 9 e 3/4

Stranamente, anche 25 anni fa nessuno aveva sentito parlare di un orfano di nome Harry Potter, della Scuola di Magia di Hogwarts o dei binari nascosti 9 e 3/4 alla stazione di Kings Cross a Londra. Nessuno tranne il romanziere J.K. Rowling e i suoi editori a Bloomsbury, che hanno pubblicato il primo libro della già popolare serie letteraria il 26 giugno 1997: Harry Potter e la pietra filosofale.

In questo quarto di secolo, il magico mondo del “ragazzo sopravvissuto” di Voldemort è stato radicato nell’immaginazione di molte generazioni che desideravano avere, un giorno, il discorso di accettazione a Hogwarts ed essere in grado di studiare argomenti come pozioni, difesa contro le arti oscure o la stregoneria, con una bacchetta, fatta di piume di fenice come la protagonista.

Ancora oggi, ci sono bambini e ragazzi che crescono e vogliono trovare quelle lettere stampate con inchiostro verde che guardano fuori dal negozio Minalima, a Londra, nel quartiere centrale di Soho, per vedere questo e gli altri disegni che Miraphora Mina e Eduardo Lima creato per il cinema.

“Per il mio compleanno, ho chiesto di venire a Londra per visitare tutti i negozi di Harry Potter e andare agli studi”, ha detto a Evie la quindicenne Lucia Jurado di Tenerife.

Insieme al fratello Roberto hanno avuto la “incredibile esperienza” di vedere e toccare le diverse carte nel camino del negozio. “Mi sentivo come Harry Potter a casa sua”, sottolinea, eccitata, “non lo dimenticherò mai”.

Il duo di designer Minalima ha copiato e riportato in vita molte cose dalle pagine: libri di magia, la Gazzetta del Profeta, involucri di caramelle come la rana che salta di cioccolato e persino i biglietti del treno dell’Hogwarts Express. “Ci sentiamo così speciali per aver iniziato Harry in questo fantastico viaggio”, ha detto Lima a Efe.

READ  Juliana Velasquez vince il Latin Grammy come Best New Artist

Mina ha detto che JK Rowling fornisce una “semplice descrizione” delle cose nei suoi libri, ma è sufficiente per alimentare l’immaginazione e fornire un “piccolo regalo” per i designer, che hanno molto spazio di manovra. “Ad esempio, la mappa di un ladro la descrive come un semplice pezzo di carta quadrato che cade a pezzi”, dice.

Potrebbe interessarti: ecco perché Alan Rickman, che interpretava Severus Sanab, era l’unico a sapere come fosse finito Harry Potter

Manoscritto rifiutato

Venticinque anni fa, Alice Newton aveva otto anni ed è stata una delle prime lettrici a fuggire dal nostro mondo ordinario, il mondo dei “ladri” secondo la saga, per immergersi nella storia di un’orfana con una strana cicatrice su la sua fronte che deve vivere con i suoi zii spietati e dormire nell’armadio sotto le scale.

Quando iniziò a leggere, Alice rimase affascinata dai primi capitoli lasciatile dal padre, Nigel Newton, fondatore della Bloomsbury Publishing, e la sua opinione fu decisiva affinché il manoscritto non si concludesse con un altro rifiuto di pubblicare.

Prima di Alice, una dozzina di editori diede la zucca a J.K. Rowling, lo pseudonimo di Joan Rowling, e al manoscritto che aveva iniziato a scrivere in una stanza in affitto nel sud di Londra, pur portando lo stigma di una madre single, e sopravvisse. Grazie all’assistenza sociale, senza sapere che finirà per accumulare più di 850 milioni di sterline (989 milioni di euro).

Lontano dalla credenza popolare che la libreria Gotica di Lilo a Porto fosse il luogo di nascita delle avventure di Harry e dei suoi amici, Ron ed Hermione, lo stesso romanziere ha rivelato che si trattava, in realtà, di un appartamento londinese vicino a Clapham Junction, al 94 di St John’s Street , dove ha messo “la penna su carta per la prima volta” e ha posato i “primi mattoni di Hogwarts”.

READ  Water Tiger 2022 Zodiaco cinese: 10 cose che dovresti sapere se sei nato sotto questo segno zodiacale | Capodanno cinese 2022 nnda nnlt | le risposte

Pertanto, nonostante le lunghe file di fan che si accumulano ogni giorno nella biblioteca del Porto, la Rowling non ha scritto una sola parola dei 77.689 che conteneva il primo romanzo. “Non sapevo che esistesse! È bellissimo e vorrei averlo visitato, ma non ha nulla a che fare con Hogwarts!”, ha ammesso su Twitter, anche se ha vissuto per due anni nella città portoghese, pieno di vestiti di nero. studenti universitari – niente brax – che assomiglia molto al costume di Hogwarts.