domenica, Giugno 16, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Vetusta Morla annuncia il suo ritiro temporaneo dalla musica e pubblica l’album Figurantes

Vetusta Morla, la band spagnola che ha iniziato la sua carriera nel 1998 e che nel tempo si è affermata come una delle band indie rock più apprezzate in Spagna, Hanno annunciato che si prenderanno una pausa dalla musica almeno fino al 2026.

Non si tratta però del tradizionale “ci vediamo dopo”. Lettera di pensionamento temporaneo per Juan Pedro Martín, Guillermo Galván Alonso, Juan Manuel Latorre, Alvaro P. Baglieto, Jorge González Giralda e David Garcia L’album in studio comprende: Figurantes, il settimo album del gruppo, e un regalo per accompagnare i fan in attesa.

I madrileni si sono esibiti sui grandi palcoscenici colombiani come il Festival Estéreo Picnic nel 2013, Altavoz Medellín nel 2014, Rock al Parque 2015, al Teatro Jorge Eliécer Gaitán (2018), al Cordillera Festival (2023) E molti altri, che hanno registrato il tutto esaurito al botteghino per il loro spettacolo nel 2018. In Spagna, sono stati onorati con numerosi premi, tra cui: Tre premi all’ottava edizione degli Spanish Independent Music Awards: miglior artista, miglior video live e miglior video clipTutto nel 2016. Nel 2018, l’anno in cui hanno visitato Bogotá, loro La rivista Rolling Stone lo ha premiato nella categoria Miglior tour dell’anno.


La dichiarazione che annunciava la sua rottura, pubblicata sui siti ufficiali dei social network, affermava: La band indie di successo ha sottolineato che non si è trattato di un “arrivederci” ma di un “ci vediamo presto”, e hanno accolto i loro fan con incoraggiamento e tranquillità.Hanno sottolineato che non stanno facendo nulla di diverso da quello che hanno fatto durante i loro 25 anni di carriera. “Cerchiamo di fare musica al meglio delle nostre possibilità e impariamo a convivere con noi stessi giorno dopo giorno (…) Il livello della domanda musicale, a volte, è disgustoso. Abbiamo bisogno di separarci per rafforzare il nostro problema di salute”; .

Il bassista Álvaro B. Baglietto ha parlato con EL TIEMPO di Figurantes, l’ultimo album che la band pubblicherà prima della pausa e che descrive anche la loro situazione emotiva e musicale in questo momento.

È un album senza promozione, senza tour introduttivo e senza videoclip. Perché hai deciso di pubblicare un album prima di ritirarti temporaneamente?

È la stessa domanda che ci siamo posti. Per questo abbiamo rilasciato un comunicato ai tifosi per cercare di spiegare i motivi della nostra interruzione. Era un modo per spiegarsi e capirsi, Per riaffermare ciò che pensiamo da diversi anni; Abbiamo bisogno di una pausa. Di solito lavoriamo con un concetto e da lì scriviamo un album che in seguito include un tour esclusivo. Ma in questo caso, il nostro bisogno di prenderci una pausa è arrivato dal fatto che avevamo molte canzoni salvate che avevamo scritto durante il tour e volevamo condividerle, ma allo stesso tempo volevamo fermarci. Alla fine abbiamo deciso che non doveva essere una cosa binaria, e che la nostra unica opzione, se volevamo che tutti fossero felici, era far uscire l’album e fermarci.

READ  Kurt Russell in Godzilla su Apple TV +

Perché non salvi queste canzoni per il tuo ritorno?

Ci abbiamo pensato e abbiamo detto: lascia che questo sia l’album quando torneremo. Ma è questo Quando torneremo saremo persone diverse e forse queste canzoni non ci rappresentano più e non le amiamo tanto quanto adesso. Il piano attuale è quello di riunirci nel 2025 e iniziare a scrivere per vedere se c’è ancora sintonia e possiamo pubblicare un altro album. Ma per ora ci sentiamo a nostro agio con il gioco del disco, per questo motivo abbiamo messo Extra, perché sono uscite delle canzoni sciolte, ma niente di specifico. Penso che ora possiamo condensarlo.

Qual è stato il momento in cui hai capito che avevi bisogno di una pausa?

Cerchiamo di fare musica nel miglior modo possibile e impariamo a convivere con noi stessi giorno dopo giorno (…) e il livello della domanda musicale è, a volte, disgustoso. Dobbiamo separarci per rafforzarci; È un problema di salute

La verità è che fin dal primo album che abbiamo pubblicato avevamo la sensazione che volevamo fermarci, ma tutto si è riunito nell’ultimo anno. Eravamo a Bogotá, in realtà, eravamo venuti per esibirci al Cordillera Festival e alloggiavamo in un hotel situato nel Parque de la 93. Facciamo sempre delle riunioni per pianificare le presentazioni, e nella riunione di quel giorno c’era silenzio, poi qualcuno ha accennato all’idea e tutti abbiamo seguito subito l’esempio. Era nell’aria, ma nessuno osava dirlo ad alta voce. Non è stata una decisione facile perché non riguardava solo noi, ma anche il nostro team logistico. Delle persone che ci aiutano nella produzione e nell’organizzazione.

Cosa rappresenta questa interruzione nel tuo percorso artistico?

È un’aria creativa. Vogliamo avere spazi per incontrare nuove persone e fare esperienze non frequenti ma che ci sorprendano. Ciò significa che avremo nuove speranze e nuovi approcci nel fare musica. È un modo per non stagnare, né a livello personale né professionale. Siamo una band a cui piace avere la sensazione di proporre qualcosa di nuovo, finora lo abbiamo fatto attraverso la ricerca, ora dobbiamo fare una ricerca più empirica.

READ  Virginia piange quando dà il benvenuto alle sue figlie a "Frozen" su GH: "Ricorda che combattente sei"

Hai tralasciato così tante canzoni, come hai deciso quali avrebbero fatto parte di “Figurantes”?

All’inizio sarebbe stato uno. Poi abbiamo fatto una doppia uscita e abbiamo detto, okay, lascia che sia un EP. Poi la cosa è sfuggita di mano e ci siamo ritrovati con un nuovo album tra le mani. Alla fine questa è la vita. Non vai dove vuoi, ma dove ti portano le strade. Noi Ci lasciamo trasportare dall’illusione, Dato che volevamo fare musica, siamo andati in studio a metà tour e non abbiamo buttato via le canzoni, abbiamo semplicemente bloccato le sessioni e girato le idee.

Com’è stato il processo di scrittura di “Figurantes”?

Non abbiamo un modus operandi. Non abbiamo nemmeno dedicato uno spazio specifico alla composizione, no. È stato tutto scritto nel bel mezzo del tour “Cable a tierra” in cui abbiamo visitato diversi festival e la dinamica era salire sul palco, scendere, viaggiare e tornare sul palco. Non c’era nemmeno il tempo per le prove. Abbiamo anche scritto molte canzoni in piccole riprese, una un giorno, la successiva tre giorni dopo. Avevamo molte idee e pezzi sciolti, ecco perché, se ordini l’album fisico, noterai che abbiamo incluso una scatola contenente diversi pezzi che rappresentano com’è stato scrivere e registrare questo lavoro.

Ecco perché le canzoni piene di sentimento dell’album come “Puentes” coesistono con canzoni più cupe e nostalgiche come “Catedrales”.

Ciò significa che avremo nuove speranze e nuovi approcci nel fare musica. È un modo per evitare la stagnazione, né personale né professionale.

esattamente. Al centro di tutto c’è un album che cattura le nostre sensazioni da un punto di vista intimo e riflessivo. Ci sono cose che scriviamo e cantiamo che non abbiamo mai detto ai nostri compagni di band, anche se siamo amici, e vengono alla luce solo attraverso la musica. “Puentes” è stato scritto da Juanma, “Cathedrals” è stato scritto da Gilly. Abbiamo avuto momenti per parlarne con loro e Sono in definitiva momenti di catarsi in cui ognuno finisce per offrire la propria interpretazione. Ci sentiamo l’uno nelle parole dell’altro e speriamo che il pubblico faccia lo stesso.

In “O Madrid!” C’è più esperienza collettiva. Com’è stato vivere in quella città e chiamarla casa?

In teoria, questa canzone dovrebbe essere adatta a chiunque; Potrei essere Bogotà, Lima o Barcellona. In quella canzone volevamo descrivere il modo in cui viviamo, che finisce per influenzare il modo in cui definiamo noi stessi. Associamo Madrid a persone e situazioni, sia buone che cattive. Questo è ciò che ci fa avere un rapporto di amore-odio con la città, e supponiamo che ciò accada in tutte le città del mondo. Noi stessi abbiamo trovato quella canzone anche in città diverse da Madrid.

READ  Furia ha attaccato Mauro su GH e ha scatenato una scenata di gelosia: il partecipante che lo ha fatto arrabbiare

Per la copertina di “Figurantes” hanno deciso di utilizzare i volti di alcuni dei loro follower, perché anche loro parlavano di come fanno parte di quei pezzi, di questo puzzle che hanno.

I nostri fan e il nostro pubblico sono fantastici. Infatti ci siamo formati con loro Una comunità chiamata Valientes con la quale abbiamo una comunicazione costante e contenuti esclusivi. Sei tu per te, qualcosa di più lineare. Come abbiamo detto prima, non lo faremo da soli. Abbiamo una squadra, che è anche delle comparse. Abbiamo il nostro pubblico e anche le comparse. C’è sempre un fratello, un amico e un cugino che ci aiuta. Alla fine lo siamo tutti, è importante dare importanza a ciò che apprezzi e a chi aiuti. Abbiamo indetto un concorso in cui persone coraggiose ci hanno inviato le loro foto e noi abbiamo assegnato loro un punto Per rappresentare che qualcuno dei nostri follower potrebbe essere lì.

Il loro concerto finale è previsto per il 6 settembre a Granada. È ora di dire “ci vediamo dopo”? Qual è il piano di rientro?

Non siamo pronti ad accettare altre date quest’anno, quindi al momento sarà l’ultima data prima della nostra pausa a Granada, ma non è ancora confermata. Vogliamo lasciarci andare un po’. Al momento non abbiamo una data di ritorno specifica, ma sappiamo che ci riuniremo l’anno prossimo per fare musica, e speriamo che avrete nostre notizie nel 2026. Non vogliamo imporre nulla né una data di partenza né una data di ritorno. Per ora, è rimasto Vigurantes ad accompagnarci tutti in questo viaggio.

Lauren Sofia Buitrago Batista
Scuola Tempo di Giornalismo Multimediale
Pubblicato nell’edizione cartacea domenicale di EL TIEMPO
Reti: @soofisaurio

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles