Settembre 25, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vidrala migliora l’utile netto del 31% fino a giugno | comp

Vidrala ha realizzato un utile netto di 56,3 milioni di euro tra gennaio e giugno, il 31% in meno rispetto agli 81,6 milioni realizzati nello stesso periodo del 2021, ha riferito il produttore di contenitori di vetro alla National Securities Market Commission (CNMV).

Secondo il suo bilancio, le vendite del semestre sono cresciute del 22,9% o del 21,8% a valuta costante, a 650,8 milioni di euro, e il risultato operativo totale, o EBITDA, è salito a 112 milioni, pari a un margine di vendita del 17,2%.

Questi 112 milioni rappresentano una diminuzione del 25,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Il calo degli utili significa un utile lordo per azione di € 1,90 per la società, il che evidenzia l’osservazione che il debito della società è aumentato del 24,2%, ovvero 0,9 volte l’utile prima di interessi, tasse, ammortamenti e svalutazioni negli ultimi 12 mesi.

Per quanto riguarda la remunerazione degli azionisti, il 14 luglio è stato pagato un secondo dividendo, ad integrazione dei risultati dell’esercizio 2021, pari a 32,09 centesimi di euro per azione. Complessivamente la distribuzione in contanti nel corso del 2022, comprensiva del bonus per la partecipazione all’assemblea degli azionisti, è stata di 1,2039 euro per azione e l’esborso annuo è aumentato del 5% rispetto all’anno precedente.

Nella sua nota, Vidrala evidenzia il contesto altamente inflazionistico dei costi di produzione industriale e la capacità del settore di adeguarsi gradualmente a questi costi aumenta con i prezzi di vendita. Tuttavia, è consapevole che le recenti tensioni sui prezzi del gas naturale e dell’elettricità, data la loro “anormale gravità”, se persistono, potrebbero causare un ulteriore deterioramento dei margini di profitto temporanei fino a quando i mercati energetici non si stabilizzano oi prezzi di vendita non corrispondono.

READ  L'OPEC mantiene la strategia di produzione petrolifera di fine anno