Gennaio 31, 2023

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Vivere nello spazio: non lo vedremo, ma accadrà

José Luis Bacone |

Málaga (EFE). – Sono già in corso lavori affinché “in un futuro tutt’altro che vicino”, quando la Terra raggiungerà il suo limite di popolazione, la vita si estenderà nello spazio, anche se è “un progetto da decenni” e la generazione attuale “non la vedrai il risultato”, secondo Alvaro Soria, ingegnere operativo presso la Stazione spaziale internazionale (ISS) presso l’Agenzia spaziale europea (ESA).

Il 50% della ricerca dell’Agenzia spaziale europea sulla Stazione spaziale internazionale è dedicata allo studio della fisiologia umana. Ciò che accade a gravità zero è che il corpo invecchia molto rapidamente e ci sono molti effetti che ci aiutano a comprendere malattie come l’osteoporosi o l’Alzheimer”, spiega Surya in un’intervista con EFE.

Aggiunge che “la capacità di risolvere queste sfide è ora il principale determinante della capacità di trasferirsi su un altro pianeta in futuro”, ma sulla Terra “le risorse sono limitate” e “tendono all’infinito, come dice l’ingegnere, avremo muoversi verso l’infinito e cercare un altro posto in cui vivere.

Investire nello spazio è redditizio

La Siria, che partecipa questo mercoledì alla Conferenza Future On Technological Sciences, organizzata dal Centro Culturale La Termeca, difende gli investimenti nel settore aerospaziale, “che preserva e migliora l’industria del Paese, in modo che sia competitiva, generi lavoro e valore e migliori l’economia.

“L’argomento principale che generalmente giustifica qualsiasi investimento in tecnologia e ricerca è che quell’investimento è ciò che ci terrà a galla quando arriveranno tempi difficili, e la pandemia è un ottimo esempio di tale argomento”.

ISS Operations Engineer) presso l’Agenzia spaziale europea, Alvaro Soria, durante un’intervista con EFE. EFE/Jorge Zapata

Gli investimenti nel settore spaziale sono “investimenti in tecnologie direttamente applicabili nella vita reale, nella ricerca medica o in nuovi materiali”.

READ  spazio di espressione

La recente selezione come astronauta di riserva per la ricercatrice oncologica Sara García di Lione dimostra che l’ESA è “interessata a profili in diverse aree della scienza e della tecnologia”, secondo Soria, che coordina il Columbus Laboratory della Stazione Spaziale Internazionale, specializzato in biotecnologia e medicinale.

Per quanto riguarda il turismo spaziale, ritiene che sia “molto positivo, perché è un altro aspetto della commercializzazione dell’accesso allo spazio e lo avvicina alla vita quotidiana dei cittadini”, e prevede che “in questo secolo assisteremo stazioni spaziali private con veicoli privati.”

Ma l’Agenzia spaziale europea “non può competere in questo settore perché non ha un veicolo o un lanciatore”, di cui si è parlato nella riunione ministeriale della scorsa settimana, perché “l’Europa in questo senso è molto in ritardo”, avverte la Siria.

Come si lavora in un’agenzia spaziale?

L’ingegnere di Malaga ritiene che sia qualcosa di “più psicologico” che lo spagnolo trovi difficile lavorare nell’Agenzia spaziale europea, perché “la Spagna partecipa dagli anni ’80 ed è il quarto o quinto paese a contribuire, ma per qualche motivo è ancora lontano dalla nostra società».

“Come arrivarci? Ovviamente studia molto, ma soprattutto ha motivazione ed entusiasmo, perché alla fine tutte le strade portano a Roma, non esiste un profilo unico per il lavoro dell’ESA e servono persone di tutti i rami, non solo delle scienze e ingegneria”.

Il suo lavoro si concentra sul laboratorio di Columbus “e sui suoi strumenti ed esperimenti, per assicurarsi che tutto funzioni, dalla logistica all’energia, alla temperatura o al tempo per gli astronauti per svolgere la scienza che viene svolta nello spazio”.

Surya è sorpreso dal numero di persone compatibili con la posizione di astronauta, ed è che i requisiti attualmente “non hanno nulla a che fare con quanto richiesto nelle missioni Apollo, non c’è bisogno di superumani”.

READ  Risparmia spazio nella tua borsa con questo indispensabile per i tuoi viaggi

“Servono solo persone che hanno una carriera professionale in un campo interessante, che possono lavorare bene in un ambiente operativo e che hanno un’intelligenza emotiva abbastanza buona per lavorare bene come una squadra in un ambiente che può diventare stressante a causa delle circostanze, non tu. Puoi tornare a casa quando vuoi”.

L’effetto della guerra nello spazio

L’invasione dell’Ucraina ha colpito lo spazio e ha dimostrato che “sebbene la cooperazione internazionale sia fondamentale e positiva”, nessun paese può subordinare la propria autonomia a questa cooperazione, “perché alla fine, a causa di qualsiasi situazione come la guerra, diventi dipendente e non puoi farlo che alla tua stessa società.” “.

L’impatto della guerra è stato “chiaro e chiaro” per l’Europa, che “ha perso la possibilità di inviare la missione ExoMars su Marte, come doveva andare con la NASA, che poi si è ritirata, quindi l’Agenzia spaziale europea ha cercato un altro partner, che era la Russia».

D’altra parte, per quanto riguarda la competizione tra diverse città per ospitare la sede della futura Agenzia Spaziale Spagnola, questo ingegnere non pensa che “sia rilevante”.

“Lavoro in Germania e la tua agenzia satellitare ha diversi centri in tutto il paese. Non so perché ci sia così tanta contesa, perché alla fine sarà il centro di tutta la Spagna e l’interfaccia con il resto dell’Europa. La discussione mi sembra irrilevante e la domanda dovrebbe essere qual è il ruolo e quale sarà il budget dell’agenzia?