Maggio 18, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Voli in elicottero e ‘selfie’ a Huasteca e l’offerta di 50 immobili: queste le trattative di Musk in Messico

Voli in elicottero e ‘selfie’ a Huasteca e l’offerta di 50 immobili: queste le trattative di Musk in Messico

Un virus mille volte più sottile di un capello ha portato a un progetto del valore di oltre 6.000 milioni di dollari nello stato di Nuevo León. Il blocco nelle catene di approvvigionamento tra Messico e Stati Uniti causato dalla pandemia è stato l’inizio per l’uomo più ricco del pianeta, Elon Musk, a considerare il Paese la casa della sua nuova fabbrica per la sua auto elettrica, Tesla. La storia risale alla fine del 2021, quando il miliardario chiamò d’urgenza il consulente, Marcelo Ebrard, per chiedergli di riattivare le 127 fabbriche messicane che avevano delle forniture con la sua azienda e che all’epoca erano paralizzate dallo stato di salute. crisi. Questo collegamento ha aiutato il governo federale a conoscere in prima persona le idee di Musk all’estero.

Da quel momento in poi, afferma il sottosegretario di Stato per gli affari multilaterali (SRE), Martha Delgado, hanno iniziato a lavorare su una proposta a Tesla. Infine, l’iniziativa è stata annunciata ufficialmente nel febbraio 2022. “Il Ministero degli Affari Esteri ha fatto un segno personale, che è un accompagnamento diretto dell’azienda per fornire consulenza e orientamento legale nel Paese. Scout Cos’hai fatto. Li abbiamo portati in cinque stati, Stato del Messico, Queretaro, Puebla, Hidalgo e Nuevo León. Avevano alcuni criteri, alcune condizioni molto specifiche per l’impianto e lo stavano analizzando su ognuno dei terreni, e hanno esaminato almeno 50 proprietà”, i dettagli ufficiali federali.

In collaborazione con il governo federale, ogni stato ha offerto al miliardario bonus e oggetti allettanti per le proprie entità nel tentativo di impressionarlo. Nel caso di Nuevo León, il governatore Samuel García ha annunciato che il primo contatto è avvenuto durante una visita in Texas. In secondo luogo, il presidente ha osservato che il precedente riavvicinamento del suo team di economia con alcuni dirigenti di Tesla ha consentito loro l’accesso diretto per inviare loro informazioni economiche e demografiche sulle regioni industriali dello stato. Hector Tijerina, direttore esecutivo della Invest Monterrey Association, osserva che la scorsa estate hanno aiutato il governo locale con i dati affinché lo stato catturasse gli occhi di Tesla. “Volevano conoscere le regioni industriali, l’ecosistema universitario, il costo medio dei terreni, i salari medi per diversi tipi di lavoro, dagli operatori ai direttori generali, i dati economici, i dati demografici e la qualità della vita”, ha spiegato.

READ  Chi è Jacob Paczocki, il nuovo capo scienziato di OpenAI che sostituisce Ilya Sutskever

Tijerina, che ha lavorato per 10 anni nel Ministero dell’Economia dello stato, aggiunge che la posizione geografica di Nuevo León è un vantaggio che nessun’altra entità può eguagliare. “Siamo a 600 chilometri di distanza, circa sei ore tra Monterey e il Texas, e questo è molto interessante per Tesla, e in questo modo stanno creando un corridoio dove avranno la loro intera catena di approvvigionamento per rifornire sia i produttori che i loro fornitori. basta avviare un’operazione nell’area per poter rifornire sia la Tesla di Austin che la Tesla di Monterey”, afferma. Inoltre, sottolinea che Nuevo León ha pace sul lavoro, produttività e un ecosistema universitario attraente per il tipo di profilo lavorativo richiesto da un’azienda.Santa Catarina si trova a pochi chilometri da San Pedro, la città-comune con il più alto livello socio-economico livello e la più alta qualità della vita nel paese.

Il direttore di Invest Monterrey ammette che sebbene abbiano collaborato nella prima fase di questo processo, le trattative con i manager di Tesla sono sempre state condotte dal governo statale, che è stato quello che alla fine ha invitato il miliardario all’entità lo scorso ottobre per saperne di più terra , zone industriali e strutture logistiche che lo forniscono. A proposito di questa visita, il prefetto ha dichiarato a EL PAÍS in una precedente intervista che in questo incontro anche il proprietario di Twitter si è convinto che la sua prossima fabbrica avrebbe avuto sede nel comune di Santa Catarina. Al milionario è bastato un giro in elicottero su Huasteca per tirare fuori il cellulare e iniziare a farlo Foto personali. “Davanti a noi (Maschera) ha detto al direttore dei lavori: ‘Voglio la fabbrica qui’. Era inimmaginabile scendere a terra e costringerci a scendere, l’ha visto, l’ha amato, ha amato il montagne, e l’ho visto lì molto convinto”, ha detto García a EL PAÍS.

READ  Il gas è aumentato del 25% in Europa e i mercati azionari sono scambiati con enormi perdite a causa della crisi energetica

La decisione è stata presa. Dopo oltre 14 mesi di lavoro sia da parte del governo federale che di quello statale, l’uomo più ricco del mondo ha scelto Santa Catarina per installare una fabbrica di tre piani su 1.600 ettari dove verrà prodotto un milione di automobili all’anno. In prospettiva, il sottosegretario federale Delgado avverte che il comune e il Messico vinceranno il tanto atteso progetto che altri paesi hanno cercato a causa di tre fattori: la rete di accordi di libero scambio che il paese ha, la sua vicinanza agli Stati Uniti e quindi alle sacche di produzione di Musk nelle terre d’America del Nord e infine per la qualità del lavoro degli ingegneri messicani.

I dettagli sul pacchetto di stimolo sono ancora in fase di negoziazione a porte chiuse. Il governatore García ha dichiarato succintamente che la società avrebbe presentato i suoi requisiti nelle prossime settimane e da quel momento in poi il governo avrebbe rifiutato o accettato la sua proposta, fino a quando non fosse stato raggiunto un memorandum finale. A nome del governo federale, Delgado ha sottolineato che Tesla non ha richiesto ulteriori stimoli, tuttavia, altri vantaggi sono sul tavolo per il produttore di batterie elettriche che cerca di sbarcare nel Paese. “Dal governo federale non hanno incentivi aggiuntivi rispetto a quelli che ha qualsiasi altra azienda in Messico. Infatti, non li hanno cercati. Piuttosto, per l’altro impianto che vogliono installare nel paese delle batterie, abbiamo bisogno di un schema molto intelligente perché le stazioni di batterie elettriche negli Stati Uniti hanno enormi sussidi e in Messico non li abbiamo e la situazione attuale non è competitiva.Qui dobbiamo approfittare di alcuni incentivi fiscali che possono rendere competitiva la produzione di batterie elettriche in Messico ,” lui spiega.

READ  Risultati Chispazo: vincitori e numeri vincenti

Musk ha già annunciato il suo primo enorme investimento a Santa Catarina, tuttavia, il portafoglio di progetti perseguiti dal governo federale supera di gran lunga i primi 6.000 milioni di dollari che verranno spesi per questa mega-fabbrica. Il Sottosegretario di Stato ha precisato che è ancora in cantiere la costruzione di una fabbrica di batterie elettriche non solo per auto Tesla, ma anche per auto di altri marchi; Un centro di tecnologia spaziale nel Trans-Istmo – Istmo della regione di Tehuantepec – nonché una collaborazione scientifica e tecnica per la raffinazione del litio a Sonora. Il funzionario indica che continueranno a tenere riunioni con il team di gestione di Tesla nei prossimi giorni per valutare queste offerte. Delgado stima che, nella migliore delle ipotesi, questo portafoglio aggiuntivo sarebbe valutato a circa $ 5.000 milioni.

Alla vigilia della decisione di Musk di investire nel Nuevo Leon ufficiale, il progetto non era immune dai disordini politici che hanno segnato l’interesse del presidente Lopez Obrador per il milionario che considerava le opzioni in centro. Il presidente ha minacciato di non concedere i permessi se il progetto fosse arrivato a Nuevo León, tuttavia la controversia è stata risolta dopo due videochiamate tra Musk e l’esecutivo. Dopo quelle chiamate, il presidente ha indicato che era stato raggiunto un accordo con la fondazione e ha persino ringraziato Musk per essere venuto nel Paese.

Con l’ambizioso obiettivo di produrre 20 milioni di auto elettriche all’anno entro il 2030 a prezzi vantaggiosi sulle spalle, Musk ha preso una decisione definitiva a favore di Nuevo Leon. Nella mappa stradale del futuro di Tesla, Santa Catarina Heights è ora mostrata sulla mappa.

Iscriviti qui A le notizie Da EL PAÍS México riceverai tutte le informazioni essenziali sull’attualità in questo paese