Aprile 24, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Voyager 1 invia un segnale decodificato

Voyager 1 invia un segnale decodificato

Dal novembre 2023, la navicella spaziale Voyager 1 della NASA trasmette un segnale radio stabile alla Terra. Sfortunatamente, da allora questo segnale non contiene più dati utilizzabili. peccatore? Uno dei componenti chiave a bordo: il sottosistema dati di volo (FDS). Questo sistema, responsabile dell'imballaggio dei dati scientifici e ingegneristici prima dell'invio sulla Terra, era al centro dell'attenzione degli ingegneri della missione Voyager.

Il 3 marzo, dopo mesi di diligente analisi, La squadra della missione Voyager ha finalmente rilevato un'attività insolita in una sezione delle Forze di Difesa e Sicurezza. Sebbene questo nuovo segnale inizialmente preoccupasse per la sua forma non convenzionale, si è rivelato un barlume di speranza. Un ingegnere del Deep Space Network della NASA è riuscito a decifrare il segnale, rivelando che conteneva una lettura completa della memoria FDS.

Questa lettura, un tesoro di informazioni sul funzionamento interno di FDS, viene attentamente analizzata dal team della missione. Con i suoi contenuti che vanno dal codice operativo ai dati scientifici, il team ora ha un indizio vitale per risolvere il mistero che ha tenuto silenziosa la Voyager 1 per mesi.

La cosa più sorprendente è questa Questo segnale decodificato non è stato solo un incidente cosmico, ma il risultato di un comando inviato alla Voyager 1 il 1 marzo., affettuosamente soprannominato dalla squadra “Push”. Progettato per guidare delicatamente FDS attraverso varie sequenze software, questo comando mira a identificare e risolvere potenziali aree problematiche all'interno del sistema.

Tuttavia, l'enorme distanza tra la Voyager 1 e la Terra aggiunge una sfida unica a questa missione di salvataggio spaziale. con A più di 24 miliardi di chilometri di distanza, il segnale radio impiega circa 22,5 ore per viaggiare avanti e indietro. Pertanto, il team ha dovuto attendere pazientemente fino al 3 marzo per ottenere la conferma che l'ordine era stato eseguito con successo.

READ  Spec Ops: il direttore creativo e chitarrista di Nine Inch Studio ha rilasciato un nuovo videogioco: Eyes Out

Da allora, gli ingegneri si sono impegnati ad analizzare i dati raccolti, scoprendo incoerenze nel codice e nelle variabili per determinare l'origine del problema attuale. Anche se la strada verso una soluzione finale resta ancora da percorrere, La scoperta di questo segnale decodificato rappresenta una pietra miliare fondamentale negli sforzi per rilanciare la missione Voyager 1.