Febbraio 21, 2024

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wall Street chiude in ribasso la peggiore settimana dell’anno

Wall Street chiude in ribasso la peggiore settimana dell’anno

L’indice Dow Jones ha perso l’1,02% a 32.816,92 punti, mentre l’indice Nasdaq per i valori tecnologici è sceso dell’1,69% a 11.394,94 unità e l’indice S&P 500 ha perso l’1,05% a 3.970,04 punti.

L’inflazione negli Stati Uniti, misurata dall’indice della spesa per consumi personali, il più seguito dalla Federal Reserve (banca centrale statunitense, Federal Reserve) ha registrato a gennaio il 5,4% su base annua, rispetto al 5,3% del mese precedente.

In un mese è cresciuto dello 0,6% rispetto allo 0,2% di dicembre, mentre gli analisti si aspettavano un aumento dello 0,4%. Anche senza beni alimentari ed energetici, anche l’inflazione core è in rialzo (+0,6%).

Ciò ha causato un aumento dei rendimenti obbligazionari a scapito delle azioni.

Pertanto, i tassi di interesse sui buoni del Tesoro a due anni sono rimbalzati al 4,80% dal 4,69% di giovedì, raggiungendo il valore più alto dal 2007. Mentre il tasso di interesse a 10 anni è salito al 3,94% dal 3,87% di giovedì.

Wall Street ha chiuso così la sua peggiore settimana dell’anno con una perdita settimanale di quasi il 2,99% per il Dow Jones, del 3,33% per il Nasdaq e del 2,70% per l’S&P 500 Composite.

“Gli investitori hanno venduto azioni dopo che questa iperinflazione ha spinto a scommettere che la Fed alzerà i tassi di interesse alle prossime tre riunioni politiche”, ha affermato Edward Moya di Oanda.

READ  Dettagli Shibaverse di Investing.com