Maggio 23, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wall Street chiude, registrando il suo aumento più alto in due anni | Notizia

New York (AFP) – Mercoledì le azioni di Wall Street hanno registrato il loro più grande guadagno in quasi due anni, poiché un forte calo dei prezzi del petrolio ha attenuato i timori che l’inflazione stia per aumentare in tutto il mondo.

L’S&P 500 è aumentato del 2,6%, il suo più grande guadagno da giugno 2020. Il Dow Jones Industrial Average è aumentato del 2% e il Nasdaq Composite è balzato del 3,6%. I guadagni hanno interrotto una serie di perdite consecutive di quattro giorni nei principali indici, sebbene fossero in linea con la chiusura della settimana con perdite.

L’inversione del mercato è avvenuta dopo che il prezzo del petrolio statunitense è sceso del 12%, il calo più grande da novembre, che ha portato sollievo dopo il forte aumento dei prezzi del greggio dall’invasione russa dell’Ucraina. Il benchmark internazionale del greggio Brent è sceso del 13,2%, il calo più grande in quasi due anni.

I mercati hanno visto alti e bassi nelle ultime settimane mentre gli investitori cercano di indovinare quanto danno economico globale farà l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia. Le oscillazioni si sono verificate non solo giorno per giorno, ma ora per ora, con alcuni giorni si sono viste molte grandi inversioni.

È probabile che i movimenti caotici continuino con grande incertezza sulla guerra in Ucraina e sulle sue eventuali conseguenze economiche. La regione è fondamentale per i mercati perché è un importante produttore di petrolio, grano e altre materie prime, i cui prezzi sono aumentati a causa delle preoccupazioni per le interruzioni della catena di approvvigionamento.

I prezzi del greggio sono scesi e il crollo è accelerato alla notizia che gli Emirati Arabi Uniti esorteranno altri membri dell’OPEC ad aumentare la produzione e ad alleviare i problemi di fornitura. Il greggio statunitense ha chiuso a 108,70 dollari al barile e il greggio Brent si è attestato a 111,14 dollari.

Anche il prezzo dell’oro è sceso, il che riflette le preoccupazioni degli investitori a Wall Street.

Nel complesso, l’indice Standard & Poor’s 500 è salito di 107,18 punti a 4277,88 punti. Il Dow Jones ha aggiunto 653,61 punti per chiudere a 33.286,25 e il Nasdaq Composite ha aggiunto 459,99 punti per attestarsi a 13.255,55. L’indice Russell 2000 Small Business è salito di 53,28 punti, o del 2,7%, per chiudere a 2.016,29 punti.

I rendimenti dei Treasury sono aumentati con l’avvicinarsi del previsto aumento dei tassi da parte della Federal Reserve. Il comitato di politica monetaria della banca centrale si riunirà la prossima settimana e si prevede ampiamente che voterà sull’aumento del tasso di interesse a breve di un quarto di punto percentuale. Questo sarà il primo aumento di questo tipo dal 2018.

La Federal Reserve deve affrontare un compito sempre più delicato e difficile mentre cerca di aumentare i tassi di interesse fino al 2022 per rallentare l’economia. La banca centrale vuole aumentare i tassi di interesse abbastanza da far scendere l’inflazione, che è ai livelli più alti da generazioni, ma non vuole aumentarli così tanto da portare a una recessione.

Il rendimento del Tesoro a 10 anni è salito all’1,94% dall’1,86% del giorno prima.

Copyright 2022 Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito senza autorizzazione.