Gennaio 17, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wall Street ha chiuso di nuovo in ritardo a causa dell’omicron variabile

La borsa di New York ha chiuso in ribasso lunedì, ancora una volta preoccupata per la variante omicron del coronavirus, in vista della riunione di politica monetaria della Federal Reserve di martedì e mercoledì.

Il Dow Jones ha perso lo 0,89% a 35.650,95 punti, mentre il Nasdaq ha perso l’1,39% a 15.413,28 unità e l’S&P 500 è cresciuto dello 0,91% a 4.668,97.

“C’è di nuovo qualche preoccupazione per la variante omicron, poiché sempre più paesi registrano casi”, ha spiegato Angelo Corcavas, stratega degli investimenti di Edward Jones.

Lunedì, la Cina ha annunciato il primo caso di Omicron rilevato a Tianjin, nel nord-est del Paese, mentre il primo ministro britannico Boris Johnson ha annunciato la prima morte nel Regno Unito per questa nuova mutazione.

“L’indice S&P ha raggiunto un livello record, quindi non devi preoccuparti dopo l’ondata di guadagni della scorsa settimana”, ha stimato Corkvas.

“Le prospettive di crescita (per l’economia globale) sembrano essere diminuite” a causa delle potenziali conseguenze di una ripresa della pandemia, ha affermato Jack Aplin, chief investment officer di Cresset Capital.

Tra i valori di oggi, sono stati direttamente colpiti coloro che la scorsa settimana hanno beneficiato del rilassamento associato alla nuova variabile, come le compagnie di crociera Carnival (-4,88%) e Norwegian (-4,41%), nonché compagnie aeree come American Airlines (- 4,94%) e United Airlines (-5,24%).

Alcuni titoli tecnologici sono scesi, come lo specialista di schede grafiche Nvidia (-6,75%) e il produttore di semiconduttori AMD (-3,43%), così come Uber (-2,56%).

Anche le case automobilistiche hanno avuto difficoltà lunedì, con General Motors in calo del 6,45% e Ford in calo del 4,76%.

READ  Cardano, Binance Coin e Avalanche superano tutta la settimana fino al 100% di CoinTelegraph

Nel frattempo, Apple (-2,07%) ha mancato di poco i $ 3 trilioni di capitalizzazione di mercato e Tesla (-4,98%) è scesa sotto $ 1 trilione (a $ 970 miliardi).

Pfizer (+4,59% a $ 55,20) ha beneficiato dell’annuncio dell’acquisto da $ 6,7 miliardi di Arena Pharmaceuticals.

tu / mr / dja