Settembre 30, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wall Street ha chiuso in rosso e il Dow Jones è sceso del 2,73% a causa dell’inflazione

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2022 – 20:44

New York, 10 giugno (EFE). – Wall Street ha chiuso venerdì con forti battute d’arresto e il Dow Jones Industrial Average, il suo indice principale, è sceso del 2,73% dopo aver appreso che il tasso di inflazione negli Stati Uniti è salito a maggio all’8,6%, tre decimi in più rispetto ad aprile e il livello più alto tra 40 anni.

Alla chiusura delle contrattazioni alla Borsa di New York, il Dow Jones ha perso 880,00 punti a 3.1392,79 unità, mentre l’S&P 500 selettivo è sceso del 2,91%, o 116,96 interi, a 3.900,86 punti.

L’indice Nasdaq Composite, dove sono quotate le principali società tecnologiche, è sceso del 3,52%, o 414,20 unità, e ha chiuso a un numero intero 11340,02.

Gli investitori hanno scelto le vendite dopo essersi assicurati che l’inflazione non si riducesse e continuasse a salire, nonostante sia leggermente diminuita ad aprile con il suo primo calo in sette mesi.

Ma a maggio, il numero era al livello più alto dal 1981, principalmente a causa dell’aumento dei prezzi dell’energia ma anche, anche se in misura minore, dell’aumento dei prezzi degli alloggi e dei generi alimentari.

Con questo scenario, molti investitori temono che la banca centrale statunitense dovrà essere più aggressiva nell’aumentare i tassi di interesse e che questo porterà a una recessione.

“Ogni speranza che la Fed rallenti il ​​ritmo dei rialzi dei tassi dopo gli incontri di giugno-luglio ora sembra essere fuori portata. L’inflazione continua a sollevare la sua brutta testa e le speranze di miglioramento sono svanite. Sono scomparse di nuovo”. L’analista bancario Greg McBride ha detto alla CNBC.

READ  MODEX lancia il modello di fondo collaborativo DeFi per gli investitori al dettaglio di CoinTelegraph

La possibilità che il rialzo dei tassi della Fed oggi possa essere ancora più aggressivo ha fatto crescere il rendimento del Treasury a due anni oltre il 3%, il livello più alto dal 2008.

Nel frattempo, i dati preliminari del Consumer Sentiment Index dell’Università del Michigan, pubblicato venerdì, erano ben al di sotto delle aspettative, a un minimo storico.

Così facendo, tutti i settori di Wall Street hanno chiuso la giornata in ribasso, con perdite particolarmente significative per le società non commodity (-4,16%), le società tecnologiche (-3,89%) e le società finanziarie (-3,65%).

Tra i 30 valori del Dow Jones Index, ribassi di Dow (-6,06%), Goldman Sachs (-5,65%), Boeing (-6,03%), Salesforce (-4,63%) e JPMorgan Chase (-4,60%) sono i cali più evidenti.

L’unica società in quell’indice a chiudere positivamente è stata il gigante della vendita al dettaglio Walmart, che è salito dello 0,56%.

Come di consueto quest’anno, il settore tecnologico ha sofferto in particolare, con evidenti perdite per Apple (-3,86%), Microsoft (-4,46%), Meta (-4,58%), Alphabet (-3,20%) e Amazon (-5,60%) .

In altri mercati, il petrolio del Texas ha chiuso in ribasso dello 0,69% a 120,67 dollari al barile, alla chiusura di Wall Street l’oro è salito a 1865,4 dollari l’oncia, i Treasury USA a 10 anni sono saliti a 3,157% e il dollaro è salito rispetto all’euro, con un cambio di 1.052. EFE

amfs / fjo / mangia

EFE 2022. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di Agencia EFE SA, è espressamente vietata.