Ottobre 25, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Wallbox inizia le negoziazioni alla Borsa di New York, in rialzo del 9%

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 ottobre 2021 – 18:10

New York, 4 ottobre (EFE). La spagnola Wallbox, specializzata in soluzioni di ricarica per veicoli elettrici e gestione dell’energia, ha iniziato a negoziare alla Borsa di New York (NYSE) lunedì con un aumento del 9% dopo la sua fusione aziendale con la firma “spazio” o “assegno in bianco”.

Intorno alle 11:00 ora locale (15.00 GMT), Wallbox è diventato il primo unicorno, come società con una valutazione privata di oltre $ 1 miliardo, a negoziare alla Borsa di New York con il simbolo WBX a $ 9,02 ciascuna (9% in anticipo) secondo ai dati di mercato.

Due ore prima della fine della sessione, lo slancio iniziale è diminuito e il titolo è stato scambiato a $ 8,40 (4,09%).

Wallbox, costituita a Barcellona nel 2015, ha concordato all’inizio di giugno di fondersi con “spac” (una società di acquisizioni di scopo speciale) Kensington Capital Acquisition Corp. II ha annunciato lunedì che l’accordo avrebbe significato un reddito netto di quasi 252 milioni di dollari.

La Borsa di New York, a sud dell’isola di Manhattan, ha indossato per l’occasione la sua storica facciata con un enorme striscione nero che recitava in lettere verdi e bianche: “Wall Street, dead wall box”, accanto allo slogan “Unlock the power di ricaricare i veicoli elettrici”.

L’evento ha suscitato i commenti degli astanti, tra cui un gruppo di turisti che si sono fermati ad ascoltare una guida in lingua spagnola che spiegava l’IPO, nonché l’eccitazione allo stesso piano, dove i dirigenti hanno rilasciato interviste concatenate durante la mattinata prima del torneo. Campanello quando è chiuso.

READ  Le principali telecomunicazioni della Corea del Sud adottano la tecnologia Blockchain per ridurre le emissioni di carbonio di CoinTelegraph

L’azienda spagnola, di proprietà di Iberdrola, offre una varietà di prodotti, dai caricabatterie universali per auto elettriche (Supernova), ad altri caricabatterie bidirezionali – che caricano ma forniscono anche energia – (Quasar) o ai sistemi di gestione dell’energia (Sirius).

Nella prima metà del 2021 ha fatturato 32 milioni di dollari – circa 27 milioni di euro -, in crescita del 300% rispetto ai primi sei mesi del 2020, e contava 305 dipendenti, raggiungendo una forza lavoro di 643 dipendenti. EFE

nqs / fjo / may

© EFE 2021. La ridistribuzione e la ridistribuzione di tutto o parte dei contenuti dei Servizi EFE, senza il previo ed espresso consenso di EFE SA, è espressamente vietata.