Dicembre 9, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Warner Music o come “Broadcasting” ha salvato le case discografiche | Affare

Sì, come diceva la canzone Video Killed the Radio Star, il video ha ucciso la star della radio. All’alba del nuovo millennio, la rivoluzione digitale stava facendo lo stesso per l’industria della musica registrata. L’avvento di Napster nel 1999 e la proliferazione del file sharing hanno ridotto le entrate per tre decenni, poiché il settore ha quasi dimezzato le sue dimensioni. Nel 2015, Il fluire È venuto per salvare l’industria in trasformazione. Warner Music, uno dei primi tre marchi, sta cercando di guidare questa nuova ondata che è stata caratterizzata, tra l’altro, da un’elevata concorrenza. Il suo ultimo passo in questa direzione è stata l’apertura di The Music Station, a centro principale Creativo a Madrid.

“Vogliamo trasformare questo luogo in un complesso culturalmente unico”, afferma Guillermo González, presidente della Warner Music Iberia, seduto in una delle sue stanze. La sua origine risale al 2015, quando hanno aderito al progetto di trasformare la testata della vecchia Stazione Nord, a Madrid, in un teatro. In quel momento, Gonzalez ha notato le torri laterali e ha pensato che sarebbe stato un buon posto dove andare. Con l’arrivo della pandemia, questa possibilità si è rafforzata a causa della partenza delle società che hanno deciso di stabilirsi.

stazione musicale ha spazio per lavoro congiunto Per il personale, gli studi di registrazione, le sale di composizione, le sale di formazione e di gruppo, tra gli altri spazi gestiti tramite l’applicazione mobile e disponibili in qualsiasi momento. Oltre al teatro e agli uffici, ospiterà anche una discoteca, un ristorante, un negozio e un museo.

Da una prospettiva strategica, dice Gonzalez, centro principale Aspira a diventare un punto di accesso e un luogo di collaborazione per gli artisti, in un contesto in cui le produzioni in lingua spagnola guardano già alle produzioni anglosassoni faccia a faccia e in cui oscillano musicisti dei mercati emergenti. “Questo sito, ed è quello che mi dicono i miei colleghi, è una porta di accesso a molte culture”, afferma il direttore. “Penso che darebbe a Spagna e Madrid una posizione internazionale, in termini di musica, che non avevamo”.

READ  Jamie Foxx spiega perché appare come Electro in Spider-Man: No Way Home
Guillermo González, Presidente della Warner Iberia, presso il nuovo “hub” dell’azienda: The Music Station. Jaime Villanueva

Per l’azienda, quell’impegno significa assumere una posizione di leadership e, in un certo senso, commenta Gonzalez, guidando la trasformazione del settore, trasformando il ruolo di queste aziende. “Non siamo più una casa discografica, siamo una casa discografica. La casa discografica, come si dice, ha pubblicato dischi. Ora il nostro ruolo è molto più ampio”.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione

Nel 2021, i ricavi del settore hanno superato per la prima volta da allora quelli del 1999, raggiungendo i 25,9 miliardi di dollari (24,205 milioni di euro), in crescita del 18,5% rispetto al 2020, secondo l’ultimo rapporto della Federazione internazionale dell’industria fonografica (IFPI). Il 65% viene da fluireil 24,3% in più rispetto all’anno precedente. L’industria della musica è ora multiforme., tramite videochiamata, Simon Robson, Presidente di International Company. “Ma sì, lo streaming è un’enorme opportunità di crescita in questo momento.”

Simon Robson, CEO, Warner Music.
Simon Robson, CEO, Warner Music.

Nei conti di Warner, che sono diventati pubblici nel 2020 (del valore di 15,3 miliardi di dollari), il flusso rappresenta circa il 56% delle entrate, che hanno raggiunto i 5,301 milioni di dollari nel 2021, il 19% in più. L’azienda con nomi di bestseller nel suo catalogo come Ed Sheeran o Dua Lipaha registrato un risultato operativo di 1.090 milioni e un utile di 307 milioni, recuperando perdite per oltre 400 milioni dell’anno precedente.

La musica non ha più bisogno di supporto fisico e il telefono cellulare è diventato uno dei dispositivi preferiti per riprodurla, facilitando l’accesso ai consumatori e ampliandone la portata sia nei mercati maturi che in quelli emergenti. Il Nord Africa e il Medio Oriente, ad esempio, sono la regione con la crescita maggiore rispetto allo scorso anno, con il 35% in più, con flussi di entrate che rappresentano il 95% del totale, seguiti dall’America Latina con il 31,2%, secondo IFPI.

“La cosa più eccitante dal punto di vista della musica registrata è che è diventato un mercato davvero globale e questo significa che si sta aprendo a molti artisti e suoni interessanti”, afferma Robson. I consumatori ascoltano sempre più artisti locali e, allo stesso tempo, la loro musica può andare ovunque fin dall’inizio. L’amministratore delegato afferma che uno dei suoi obiettivi specifici è quello di provare a lanciare imprese non anglosassoni nel mondo: “È una delle mie priorità”.

L’innovazione attraverso le linee di business è fondamentale per mantenere lo slancio. “Mi piace pensare che la Warner sia davvero in prima linea tra i cercatori di opportunità”, dice Robson. L’azienda, ad esempio, lavora con Peloton, una piattaforma di allenamento per il ciclismo, e Roblox dedicata ai giochi online. Hanno anche stretto accordi con TikTok e Facebook e recentemente hanno esaminato il fenomeno degli NFT (token non fungibili) con Web3, tra le altre scommesse.

La radiodiffusione è stata il giubbotto di salvataggio del settore, ma ha anche portato nuove sfide alle etichette. “È un momento molto eccitante per essere in questo settore, ma è anche un momento molto impegnativo”, afferma Robson. Il settore è molto competitivo. C’è più musica – circa 60.000 nuove canzoni vengono caricate ogni giorno su una delle piattaforme esistenti – quindi è difficile per gli artisti prestare attenzione. D’altra parte, hanno più opzioni e piattaforme tra cui scegliere per la loro carriera e possono anche essere più indipendenti. In questo contesto, Warner ha molti punti di forza, come la sua capacità di raggiungere i consumatori, aprire altre linee di monetizzazione e portare gli artisti al successo globale.

L’importanza del nuovo modello di business è evidente nella ripresa del settore, ma ha suscitato critiche per il modo in cui vengono distribuiti i profitti. Ad esempio, il Parlamento britannico ha pubblicato l’anno scorso, dopo un’indagine, che tra il 30% e il 34% delle entrate in streaming nel Regno Unito è finito nelle mani delle piattaforme e il 55% nelle mani delle case discografiche. Alla domanda sulle critiche al sistema, Robson ha detto: “È molto raro avere qualcosa di perfetto, ma penso che i vantaggi superino gli aspetti negativi, perché sempre più artisti sono stati in grado di guadagnarsi da vivere con la musica, in particolare il Regno Unito, gli Stati Uniti ed Europa.