Dicembre 5, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Webb rivela una descrizione dettagliata dell’atmosfera di un esopianeta

(CNN) – Il James Webb Space Telescope ha catturato un’immagine molecolare e chimica dettagliata del cielo di un pianeta lontano. Segna prima il post Per la comunità scientifica degli esopianeti.

WASP-39b, noto anche come Bocaprins, può essere trovato in orbita attorno a una stella a circa 700 anni luce di distanza. È un pianeta extrasolare – un pianeta al di fuori del nostro sistema solare – delle dimensioni della massa di Saturno ma molto più vicino alla sua stella ospite, che genera circa 1.600 gradi Fahrenheit (871 gradi Celsius) dei suoi gas, secondo la NASA. Questo è il “caldo Saturno” È stato uno dei primi esopianeti esaminati dal telescopio Webb. Quando ha iniziato le sue normali operazioni scientifiche.

Le nuove letture forniscono un’analisi completa dell’atmosfera di Pokabrin, inclusi atomi, molecole, formazioni nuvolose (che sembrano essere frantumate, piuttosto che una coperta unificata come previsto dagli scienziati) e persino segni di fotochimica causati dalla sua stella ospite.

“Monitoriamo l’esopianeta con più strumenti che insieme forniscono un’ampia gamma di spettro infrarosso e una serie di firme chimiche inaccessibili anche a[questa missione]”, ha affermato Natalie Batalha, astronoma dell’Università della California, Santa Cruz. che hanno contribuito e aiutato a coordinare la nuova ricerca, In una dichiarazione della NASA. “Dati come questo sono un punto di svolta.”

Grande immagine d’atmosfera

Questa illustrazione mostra come potrebbe apparire l’esopianeta WASP-39 b, in base all’attuale comprensione del pianeta.

I nuovi dati hanno fornito il primo segno nell’atmosfera di un esopianeta di anidride solforosa, una molecola prodotta da reazioni chimiche innescate dalla stella ospite del pianeta e dalla sua luce ad alta energia. Sulla Terra, lo strato protettivo di ozono nell’atmosfera viene creato in modo simile dal calore e dalla luce solare in una reazione fotochimica.

READ  La NASA ha individuato Godzilla in una nebulosa giusto in tempo per Halloween

La vicinanza di Bucapinz alla sua stella ospite lo rende un soggetto ideale per studiare tali connessioni tra stelle e pianeti. Il pianeta è otto volte più vicino alla sua stella ospite di quanto Mercurio lo sia al nostro sole.

“Questa è la prima volta che vediamo prove concrete di fotochimica – reazioni chimiche avviate dalla luce stellare energetica – su esopianeti”, ha dichiarato Shang Min-tsai, ricercatore dell’Università di Oxford nel Regno Unito, in una dichiarazione della NASA. “Vedo questa come una possibilità davvero promettente per far progredire la nostra comprensione delle atmosfere degli esopianeti”.

Altri composti rilevati nell’atmosfera di pukaprin includono sodio, potassio e vapore acqueo, a conferma di precedenti osservazioni fatte da altri telescopi spaziali e terrestri, incluso il telescopio spaziale Hubble.

L’esistenza di un elenco così completo di componenti chimici nell’atmosfera di un esopianeta fornisce informazioni su come questo pianeta, e forse altri, si sono formati. Il diverso inventario chimico dei Bocaprins indica che molti corpi più piccoli, chiamati planetesimi, si sono uniti per formare infine un pianeta gigante, di dimensioni simili al secondo pianeta più grande del nostro sistema solare.

“Questo è solo il primo di molti esopianeti che JWST studierà in dettaglio. Abbiamo già ottenuto risultati molto interessanti”, ha detto alla CNN Nestor Espinosa, astronomo dello Space Telescope Science Institute. “Questo è solo l’inizio”.

I risultati sono favorevoli per evidenziare il potenziale degli strumenti di Webb per la ricerca sugli esopianeti. Rivelando una descrizione dettagliata dell’atmosfera di un esopianeta, il telescopio ha superato le aspettative degli scienziati e ha promesso una nuova fase di esplorazione nell’ampia gamma di esopianeti della galassia, secondo la NASA.

READ  Fanno un pacemaker intelligente che si dissolve nel corpo dopo aver completato la sua vita utile

“Saremo in grado di vedere il quadro generale delle atmosfere degli esopianeti”, ha detto in una dichiarazione Laura Flagg, ricercatrice della Cornell University e membro del team internazionale che ha analizzato i dati di Webb. “È molto eccitante sapere che tutto verrà riscritto. Questo è uno degli aspetti migliori dell’essere uno scienziato”.