Maggio 18, 2022

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

World Athletic introduce un’applicazione per computer incentrata sulla Coppa del Mondo

Un nuovo strumento informatico chiamato Road to Oregon è stato introdotto da World Athletics (WA) e con esso gli interessati potranno seguire il processo di qualificazione online per i Campionati mondiali di atletica leggera, che faranno notizia tra il 15 e il 24 luglio. Stati.

L’app aggiornerà i record in tempo reale per ogni concorrente e consentirà di monitorare le quote per disciplina o paese, come richiesto dalla stampa professionale, dai campioni stessi e dai fan.

Il numero massimo di qualificazioni per evento è stato fissato per il prossimo evento mondiale durante il Consiglio WA tenutosi lo scorso autunno e darà la priorità ai posti nella classifica mondiale fino al 26 giugno 2022, ad eccezione della maratona, che chiuderà l’eleggibilità. 22 maggio.

Il grande evento era inizialmente previsto per l’estate del 2021, ma il disastro del Covid-19 e la sua coincidenza con le Olimpiadi di Tokyo – spostate anche dall’anno – hanno portato al suo rinvio e quindi alla necessità di cambiare tutti i preparativi.

Gli atleti potranno accedere alla competizione attraverso varie modalità: classifica (organizzata per tag record o tempi), per piazzamenti in tornei o maratone di platino o su invito da WA.

Con quest’ultimo, mira ad ampliare la rappresentanza in fiera e promuovere lo sport tra i paesi con meno risorse.

Lo strumento digitale Road to Oregon fornirà una guida per seguire le potenziali classifiche, ma WA ha notato che le informazioni che fornisce non indicano chi è stato scelto dalle rispettive federazioni nazionali per rappresentarle.

La Cuba Summer World Cup è l’evento più importante della stagione sportiva in corso. Lì, Yaimé Pérez difenderà la sua corona del disco, il bronzo olimpico a Tokyo, e altre figure dovrebbero apparire sotto i riflettori, come i saltatori in lungo Juan Miguel Echavarría e Maikel Massó, anch’essi premiati nella capitale giapponese.

READ  Tra disaccordi e tiepidi accordi, si è conclusa la COP 26