giovedì, Luglio 18, 2024

Top 5 This Week

Related Posts

Wu Cang non si fa vedere: l’artista “trans” che ha reinventato Moby Dick per il 21° secolo | papilla

Wu Cang (Worcester, Massachusetts, 1982) non è mai stato interessato a Moby Dick. “Di solito non è il tipo di libro che mi ispira”, dice. È uno dei più grandi romanzi americani. Come artista interessato alle storie marginali, alle storie di coloro che sono stati resi invisibili, il classico di Herman Melville non era nel mio radar. Finché non l’ha letta, qualche anno fa, e ne ha scoperto echi inaspettati nel proprio mondo creativo.

Ad esempio, la descrizione dell’estrazione del diciannovesimo secolo si applica ancora in un mondo ossessionato dall’ottenimento di petrolio e materie prime, anche se ciò avviene a costo di una spietata distruzione del pianeta. O la lotta ossessiva di un uomo contro l’indomito capodoglio, specchio del carattere americano, che si dice finto combattendo con una natura indomita. o l’osceno antropocentrismo, che fa descrivere il Leviatano periferico come se fosse un mostro. “Una classica metafora del colono che pensa di essere attaccato da altri popoli e si difende solo quando accade il contrario”, dice Tsang. Senza dimenticare l’omosessualità che ha attirato la sua attenzione, essendo un’artista trans che ama decostruire tutti i generi e i binari di genere nel suo lavoro. Il suo passaggio preferito nel romanzo arriva quando i marinai sciolgono il grasso di balena, che era usato come combustibile, e si sfregano le mani finché non riescono più a dire dove finiscono i loro corpi e dove iniziano quelli degli altri. Una balena può produrre una resa di grasso di circa 50 tonnellate, che dà l’impressione di molti pesci baccanali in alto mare. A peggiorare le cose, Tsang si è imbattuto nelle lettere esagerate di Melville a Nathaniel Hawthorne, a cui ha dedicato il libro. “Diciamo che hanno una cotta profonda l’uno per l’altro”, dice l’artista con tutto il male che può fare, il che è molto.

READ  ProColombia presenta 60 buyer internazionali alla Bogotá Fashion Week

C’era il progetto successivo dell’artista, ora in mostra al Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid su iniziativa di TBA21, Fondazione Francesca Thyssen. In realtà è in forma binaria. Dall’altro c’è una video installazione di balene, un episodio di sei ore in cui Tsang racconta la storia di Melville dal punto di vista della balena e con un suggestivo sfondo di strumenti a fiato che sembrano incoraggiare la meditazione. E dall’altro il suo primo lungometraggio, Moby Dick. o The Whale (2022), che suona con un’orchestra sinfonica dal vivo e dove Ishmael e Quequeg, lo stregone originale del libro — descritto come “selvaggio” da Melville — sono di fatto una coppia (a Madrid, lo si può vedere solo in due sedute al Circulo de Bellas Artes a fine febbraio). “Non è una strana reinterpretazione della leggenda di Moby Dick”, dice Tsang. “In effetti, ho solo enfatizzato cose che erano già lì in origine.”

Il progetto è stato venduto come una lettura postcoloniale del libro. Potrebbe essere più corretto descriverlo come postumano: nella versione di Tsang, la nostra specie non è più al centro della storia, né sembra essere la più intelligente di tutte le persone che vivono nell’ecosistema. “Semplicemente non penso che lo siamo. Il mio lavoro in realtà parla dei nostri limiti come esseri umani. In certe cose, le balene sono superiori a noi”, dice Tsang. Dopotutto, i cetacei sanno anche come comunicare e organizzarsi in famiglie e gruppi sociali. “Le balene discendono dagli stessi animali lupi, ma hanno attraversato l’acqua fino a diventare balene. Penso sempre che abbiano visto la terra e abbiano deciso che non era per loro. E vedendo quello che hanno visto, hanno preferito il mare ”, sorride.

READ  Sarà la regina Camilla, non Carlos III, a prendere in consegna le scuderie di Isabella II

Nata nella periferia di Boston, Tsang ha prosperato nell’esotica scena di Los Angeles per poco più di un decennio, prima di rifugiarsi ad Atene e poi a Zurigo, dove è stata artista ospite allo Schauspielhaus, uno dei migliori teatri d’Europa, dal 2019. Lì ha eseguito reinterpretazioni ribelli per altri miti letterari, come Orfeo o Pinocchio. Nella sua versione, il ragazzo di legno, che era un ceppo nel racconto di Carlo Collodi, è diventato un albero con una buona manciata di lezioni da insegnare agli umani nel bel mezzo di una crisi climatica. La sua prossima sfida sarà la reinvenzione di Carmen in Spagna delle tre religioni, allontanandola dal mito della femme fatale. Non ha ancora deciso se alla fine morirà o meno.

Negli ultimi anni ha esposto al Whitney, al Guggenheim, alla Tate Modern e al Gropius Bau di Berlino. Ha recitato alla recente Biennale di Venezia, dove Of Whales è stato presentato in anteprima, così come al MoMA, che ha dato un posto di primo piano a una delle sue opere, che parlava delle identità trans delle minoranze nere, queer e trans, alla riapertura del museo Wake Up Key nel 2019. Sono finiti i giorni in cui Tsang girava i suoi video per iPhone su nastri scuri. I suoi lavori più recenti sono i film. Of Whales usa un linguaggio visivo vicino alla realtà aumentata, a un videogioco di simulazione, con la sua poesia un po’ sintetica e stralavorata, con un twist che rasenta il volontario kitsch. Tsang ha utilizzato un software chiamato Unity, utilizzato per esperienze virtuali e immersive. Con esso, ha creato un oceano infinito di una serie di parametri predeterminati che hanno generato un movimento iterativo. Il risultato non viene modificato. È stato registrato in tempo reale da variabili pre-regolate.

READ  Rihanna lancia la sua prima collezione per donne incinte

“La realtà aumentata è un po’ come i film muti. C’è una leggenda secondo cui quando i fratelli Lumiere hanno mostrato le loro immagini della locomotiva, il pubblico è fuggito. Qualcosa di simile accade a noi con questi nuovi linguaggi: il nostro cervello non è ancora pronto per questo, e ancora non sappiamo se ci stiamo divertendo, esperienza o no, forse perché ci porta in un’altra dimensione cognitiva”, dice. Alla luce di alcune esperienze con la realtà aumentata, non sembra necessario generalizzare questa affermazione. È vero che il lavoro di questa artista lo raggiunge a palate: a volte, come il canto delle balene, il suo lavoro sembra oltre i limiti della nostra percezione. Wu Cang non è su nessuna mappa. I luoghi reali non sono mai così.

“balene”. Wu Cang. Museo Thyssen-Bornemisza. Madrid. Fino all’11 giugno.

Puoi seguire Babelia su Twitter Facebook E Cinguettiooppure registrati qui per ricevere Notiziario settimanale.

Chiara Pisano
Chiara Pisano
"Drogato televisivo certificato. Ninja zombi esasperatamente umile. Sostenitore del caffè. Esperto del Web. Risolutore di problemi."

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Popular Articles