Novembre 27, 2021

Lamezia in strada

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Xavi guida Barcellona | Gli sport

Laporta e Xavi durante la presentazione del nuovo allenatore del Barcellona.AFP7 tramite Europa Press (Europa Press)

L’euforia di lunedì sugli spalti del Camp Nou si è trasformata in un’illusione il giorno dopo nella città dello sport di Barcellona. Ci sono stati molti abusi, molti volti nuovi per accogliere il cambiamento in un giorno e, a sua volta, è stata notata l’assenza di giocatori internazionali, circostanza che ha richiesto l’introduzione dell’allenatore Xavi Hernandez da parte del presidente Joan Laporta. Il tecnico ha ripetuto alla squadra le parole già sentite dai tifosi: “Voglio che tu sia forte e competitivo! Devi essere esigente da solo”. Era chiaro in ogni caso che il pranzo e la cena nelle strutture di Barcellona non fossero più volontari per diventare obbligatori e che la formazione sarebbe arrivata alle 9:30 invece delle 10:00.

Il tecnico conosce la casa e lo staff da ex giocatore ed ex capitano e quindi la differenza sta in alcune ordinanze che vanno aggiornate Dopo l’addio di Messi E le molteplici attività occupate da capitani come Pique. Ci saranno sanzioni in caso di violazione della legge interna e anche le attività esterne che colpiscono il “buon senso” e l’immagine del Barcellona saranno multate.

cultura dello sforzo. Non è un mito ma un dato di fatto confermato da calciatori e allenatori che hanno lasciato da poco il club: si allenano troppo poco, o meno di quanto dovrebbero, e i giocatori sono influenzati dal ritmo e dal programma dei veterani, in attesa della maggioranza fino a poco tempo fa da I gesti di Messi. Il presidente ha persino annunciato che avrebbe assunto uno specialista professionale “ad alte prestazioni”. prima di affidare Xavi. L’allenatore si fida della sua squadra e consulterà i reparti del club in particolare il medico e il reparto di metodologia per migliorare la preparazione della squadra che comprende fino a 11 infortunati, alcuni dei quali molto importanti come Ansu Fati. Xavier Roca non è più l’allenatore fisico e sono state annunciate notizie sulla squadra di recupero guidata finora da Juanjo Brau – molti giocatori hanno un proprio accompagnatore – in attesa della valutazione del potenziale ritorno del dottor Ricard Pruna. Xavi punta sulla qualità e non sulla quantità, aspetta soprattutto l’intensità, aspetta routine e abitudini nello spogliatoio se vengono imposti cambi di leadership e nel cuore dei leader (Pique, Busquets, Sergi Roberto e Jordi Alba).

READ  GP F1 belga 2021: programma e dove guardare le terme - Rally-Francorchamps | Gli sport

Gioco di posizione, possesso e pressione. Xavi elogia i centrocampisti e le ali per il possesso palla e per il pressing, entrambi non negoziabili anche se il pareggio può variare tra 3-4-3 o 4-3-3. Approfitterà della partita di Figo per sottolineare la necessità di riempire il centrocampo e saper riposare con il pallone, indipendentemente dall’avversario e dal palco, che sia campionato o Champions League. L’infortunio di Eric Garcia a Palidos aiuta a capire la meccanica della squadra del Barcellona: aggiunge il difensore centrale quando si tratta di tirare fuori la palla e la sua presenza è discutibile se sta difendendo in campo aperto o nell’area di Ter Stegen. Il Barcellona non sa correre all’indietro, è goffo nella regressione, e ha bisogno di applicarsi nel lavoro tattico per evitare perdite di palla, frequenti nelle partite a cui è sopravvissuto come il Celta.

senso di orientamento. Pochissimi giocatori sanno definirsi in campo meglio di Xavi. Non solo andava d’accordo con un centrocampista classico, ma ha anche trovato il suo posto naturale nell’interno giusto o in una posizione 8. Ha imparato a relazionarsi e anche a fare pause e controllare i tempi di gioco necessari affinché la squadra si organizzi intorno a lui. , rendendosi conto che si distingueva per lo stile di Barcellona. La dichiarazione d’addio di Serge Barguan è stata massiccia per una squadra come il Barcellona, ​​piena di giocatori di La Masia. Ha concluso spiegando il sorteggio di Figo: “Forse i giocatori usciti bene non hanno saputo mettersi sotto pressione”. Dovremo allenarci con più regolarità al campo di allenamento di Tito Vilanova.

Xavi ha terminato il look di Casillas e Sergio Ramos nel 2010.
Xavi ha terminato il look di Casillas e Sergio Ramos nel 2010.Alejandro Garcoa (EFE)

formazione scolastica. Nonostante sia un giovane allenatore, Xavi è ammirato dai giocatori di cava e quindi non ci sono dubbi sulla sua ascesa contro giocatori come Gavi, Nico o Ansu Fati. I suoi consigli hanno anche lo scopo di aiutare i piloti ancora in via di sviluppo come Pedri. La sfida più grande dell’allenatore sarà sicuramente quella di decifrare Frenkie de Jong in modo che raggiunga il picco visto ai suoi tempi da centrocampista dell’Ajax. Il centrocampista olandese è pieno di energia e, d’altra parte, non controlla i nervi per raffreddare la partita, e perde il controllo nella maggior parte delle partite, un difetto facile che si nota per un interno come Xavi. Non ha ancora commentato De Jong o Memphis ed è stato molto ottimista su Dembélé, che lo considera un candidato per la migliore ala del mondo se sta “lavorando” al suo potenziale e gli viene insegnato a giocare come ha bisogno il Barcellona. La valutazione incide sul fatto che la squadra abbia bisogno di un allenatore, non di un dirigente, dopo che il suo capitale è stato cancellato dall’addio di Messi, Luis Suarez e Griezmann.

READ  "Questi colori si difendono fino alla morte": Pablo Aguilar si è scusato con Santiago Jimenez

Spirito di squadra. Xavi parla di massa ed equilibrio dopo le fragilità mostrate dalla squadra nelle aree, soprattutto nelle sue, esasperate dal momento delicato di Ter Stegen. Il portiere ha smesso di essere decisivo da quando si è operato in estate e la squadra ha subito gol con molta facilità, allo stesso tempo è difficile trovare la porta avversaria, soprattutto in assenza di Ansu. Xavi aspira a radunare il gruppo e finalmente trovare una coppia di centrali difensivi affidabile per un piano di calcio che inizialmente dovrà affrontare due partite difficili contro Espanyol e Benfica. L’allenatore ha esortato i veterani, in particolare i suoi compagni di squadra, a determinare il percorso, e quindi ripristinare l’eccellenza che ha vissuto, soprattutto ai tempi di Guardiola e Luis Enrique.

La parola d’ordine sarà sempre prendere il pallone, pratica in cui Xavi è stato unico sia nella rosa del Barcellona che nella selezione che non si è fermata fino all’arrivo al Mondiale. Sebbene abbia imparato da Cruyff e Guardiola, Xavi non dimentica Del Bosque o Luis Aragon. Guardiola ha sottolineato che a volte è il caso di allontanarsi da se stesso per capire meglio il Barcellona, ​​consiglio che anche Xavi ha seguito.

Puoi seguire EL PAÍS DEPORTES su Sito di social network Facebook e Twitter, o registrati qui per ricevere Newsletter settimanale.